Home > Economia e Finanza > Troppo giovani o troppo vecchi? Per Alessandro Benetton non esiste l’età giusta

Troppo giovani o troppo vecchi? Per Alessandro Benetton non esiste l’età giusta

scritto da: Agencyabweb | segnala un abuso


Nel nuovo video della rubrica #UnCaffèconAlessandro, pubblicata ogni settimana su Youtube e riproposta nella sezione video del portale del Corriere della Sera, Alessandro Benetton condivide il suo concetto di imprenditore, consigliando, a quanti desiderano diventarlo, di essere flessibili, intraprendenti e aperti a nuove sfide.

Alessandro Benetton

Per Alessandro Benetton non esiste l'età giusta: né troppo giovani né troppo vecchi

"Una cosa che sicuramente ho imparato in questi anni da imprenditore è che l'età non conta: troppo giovane, troppo vecchio, l'importante è solo quello che fai". Spesso la paura di non avere l'età giusta può rappresentare un grosso limite all'iniziativa imprenditoriale e bloccare le idee sul nascere. In tal senso, Alessandro Benetton suggerisce che l'età giusta non esiste, perché quello che conta veramente nella vita, sia personale che professionale, è ciò che si riesce a dimostrare. "Io ho sempre avuto l'età sbagliata per fare quello che ho fatto: a 25 anni ero troppo giovane per fare il Presidente di un team di Formula 1, troppo giovane quando ho fondato 21Invest, troppo vecchio adesso per fare dei video su Youtube. Insomma, se ascolto gli altri sono sempre fuori tempo". Un discorso di incoraggiamento e stimolo, quindi, da imprenditore a imprenditore, con il consiglio di essere sempre flessibili, uscendo dalle proprie zone di confort, senza attendere di essere pronti alla perfezione per intraprendere un progetto e lanciarsi in nuove sfide.

La carriera professionale di Alessandro Benetton

Alessandro Benetton nasce nel 1964 a Treviso. Si laurea in Business Administration presso l'Università di Boston nel 1987 e consegue un Master in Business Administration ad Harvard nel 1991. La sua prima esperienza professionale è in Goldman Sachs International, all'interno del dipartimento di Global Finance di Londra. Nel 1988 viene aletto Presidente di Benetton Formula, con cui raggiuge risultati importanti come i due Campionati del Mondo Piloti (1994, 1995) e il Campionato del Mondo Costruttori (1995). È fondatore di 21 Investimenti (oggi 21 Invest), società che l'ha portato ad essere riconosciuto come uno dei precursori del Private Equity in Italia. Dal 2012 al 2014 è, invece, Presidente di Benetton Group. Attualmente è Consigliere d'Amministrazione di Edizione Holding e di Autogrill, oltre che membro della giunta di Confindustria. È stato insignito del titolo di Cavaliere del Lavoro nel 2010.


Fonte notizia: https://video.corriere.it/economia/consigli-alessandro-benetton/benetton-non-importa-quanti-anni-hai-ma-quello-che-fai/595e39f8-11d2-11ea-934f-a2282c2d0229


Alessandro Benetton |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Alessandro Benetton: “Per stare al passo con i cambiamenti bisogna studiare”


Cambiare punto di vista per cogliere le occasioni: i consigli di Alessandro Benetton


Private equity: Alessandro Benetton al “Corriere” su 21 Investimenti


Alessandro Benetton: “I Sì e i No meritano massima riflessione”


Esperienze professionali di Alessandro Benetton, Presidente di 21 Investimenti


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Il Cantiere Gallery diventa distretto artistico: Alessandro Benetton supporta Davide Vanin

Alessandro Benetton: “Ho conosciuto Davide Vanin alle iniziative benefiche di Marco Varisco al Cantiere Gallery. Credo sia un giovane con una bella idea in tasca” "Credo nei giovani e nelle idee: insieme porteremo la sostenibilità ambientale e la street art, facendo diventare la cultura motore di food e turismo": Alessandro Benetton sostiene Davide Vanin per l'ampliamento e la valorizzazione del Cantiere Gallery, uno dei progetti culturali che interessano il territorio trevigiano. Alessandro Benetton a supporto della valorizzazione del Cantiere GalleryAless (continua)

Alessandro Benetton: perché studiare i fallimenti può essere la chiave per il successo

Alessandro Benetton non ha dubbi: il fallimento spesso è uno degli alleati più insospettabili nella ricerca di strategie vincenti.Alessandro Benetton: un errore guardare solo ai "sopravvissuti"In tutti i settori, e in particolare nel mondo imprenditoriale, una delle abitudini più diffuse è quella di tener conto esclusivamente delle esperienze di successo. Per Alessandro Benetton si tratta di un gr (continua)

Cortina 2021, Alessandro Benetton: la pandemia non ha fermato l’organizzazione dell’evento

Un’esperienza così diversa, così difficile, eppure così bella e stimolante: nell’appuntamento settimanale “Un Caffè con Alessandro”, Alessandro Benetton parla dell’organizzazione dei Mondiali di Sci di Cortina 2021.Alessandro Benetton: nei momenti di crisi si nascondono opportunità che devono essere colte“In molti pensavano sarebbe stato impossibile, ma ce l’abbiamo fatta”: per Alessandro Benetton (continua)

Mondiali di Sci, un successo senza sprechi: la soddisfazione di Alessandro Benetton

Mondiali di Sci, un successo senza sprechi: la soddisfazione di Alessandro Benetton
Un test per i grandi eventi sportivi internazionali e soprattutto un primo passo verso i prossimi Giochi olimpici invernali. Ma per Alessandro Benetton il risultato più importante è la speranza data alle generazioni future.Alessandro Benetton: il resoconto dei Mondiali di SciTerminati i 46ⁱ Campionati del mondo di sci alpino, è tempo di tirare le somme. A farlo è il Presidente di F (continua)

I Mondiali di Cortina 2021 un’occasione per la ripartenza: il commento di Alessandro Benetton

“Nuovi modelli di crescita, improntati su innovazione, sostenibilità e nuove tecnologie, per guardare con più ottimismo al futuro”: la lezione dei Mondiali di Cortina 2021 nelle parole del Presidente Alessandro Benetton.Cortina prima e dopo i Mondiali di Sci 2021: la vision di Alessandro BenettonRipartire nel segno della territorialità, della cultura e della sostenibilità. È quanto auspicava il Pr (continua)