Home > Ambiente e salute > GREEN ECOL REALIZZERÀ NEL PRIMO TRIMESTRE DEL 2020 DUE INNOVATIVI IMPIANTI CHE TRASFORMANO I FANGHI DI DEPURAZIONE DI FOGGIA E BARLETTA IN FERTILIZZANTI CORRETTIVI PER L’AGRICOLTURA

GREEN ECOL REALIZZERÀ NEL PRIMO TRIMESTRE DEL 2020 DUE INNOVATIVI IMPIANTI CHE TRASFORMANO I FANGHI DI DEPURAZIONE DI FOGGIA E BARLETTA IN FERTILIZZANTI CORRETTIVI PER L’AGRICOLTURA

articolo pubblicato da: Inarch4.0 | segnala un abuso

Da ingombrante rifiuto da smaltire, con costi elevati e notevole dispendio di energia, a preziosa risorsa da utilizzare in agricoltura. È il risultato del Progetto Ronsas, l’innovativa sperimentazione che consente di trasformare i fanghi biologici - prodotti di scarto degli impianti di depurazione - in fertilizzanti correttivi per i terreni agricoli. Il presidente di Aquedotto Pugliese Spa, Simeone di Cagno Abbrescia, ha annunciato che a primavera, dopo un momento di analisi e verifica dei numerosi e complessi step previsti dall’introduzione della rivoluzionaria tecnologia industriale, partirà la produzione di fertilizzanti negli impianti di depurazione di Foggia e Barletta, che consentiranno di realizzare un notevole risparmio nella gestione dei fanghi e di promuovere nuove e significative opportunità di sviluppo ecosostenibile in agricoltura. “Nato dalla collaborazione tra la nostra azienda, alcune innovative imprese private e l’università, questo progetto, finanziato dalla Regione Puglia grazie a fondi europei, si pone come efficace alternativa allo smaltimento tradizionale dei fanghi, con ricadute positive non solo dal punto di vista economico ma anche, e soprattutto, dell’impatto ambientale”, ha detto il presidente di AQP, Simeone Di Cagno Abbrescia. “Sono 270mila le tonnellate di fanghi prodotti annualmente dagli impianti di depurazione. Aver avviato una sperimentazione così importante -ha proseguito Di Cagno- che ci consentirà, già dai prossimi mesi, di destinare una parte di questi fanghi, opportunamente trattati, ad un uso come fertilizzanti in agricoltura, testimonia della volontà di Acquedotto Pugliese di perseguire con convinzione uno sviluppo ecosostenibile della propria attività, in un settore così delicato come quello della depurazione per il benessere e lo sviluppo, anche turistico, delle comunità servite”. Avviato a luglio 2018, il Progetto Ronsas è frutto della proficua sinergia tra Acquedotto Pugliese e due società: la Green Ecol, attiva nella commercializzazione del fertilizzante correttivo dei suoli coltivabili, noto come “gesso di defecazione da fanghi”, e Agrosistemi, azienda specializzata nella gestione di impianti di trasformazione dei fanghi di depurazione ad uso agricolo. Insieme a queste società, AQP si avvale di partners scientifici: l’Università di Bari – Dipartimento di Scienze del suolo, della pianta e degli alimenti; l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza – Dipartimento di Scienze e Tecnologie Alimentari per una filiera agroalimentare sostenibile, CREA – l’Unità di ricerca per i sistemi colturali degli ambienti caldo aridi di Bari, e ARPA PUGLIA. Finanziato dalla Regione Puglia, nell’ambito delle misure a “Sostegno dell’innovazione in materia di risparmio idrico, depurazione per il contenimento dei carichi inquinanti, riabilitazione dei corpi idrici degradati attraverso un approccio ecosistemico”, si propone di sperimentare, analizzare e valutare la fattibilità tecnico-economica di un nuovo sistema di trattamento, mediante idrolisi, dei fanghi biologici prodotti dagli impianti di depurazione. La sperimentazione interesserà gli impianti di depurazione delle acque reflue urbane di Foggia e Barletta. Un decisivo passo in avanti nella gestione completa del Servizio idrico integrato – come previsto dalla missione della società idrica pugliese – nonché nel preminente interesse della collettività servita, in un momento in cui il risparmio idrico, quello energetico e quello economico insieme al rispetto per l’ambiente sono divenuti temi non più derogabili in ogni gestione virtuosa di beni primari come è appunto l’acqua. Al termine della fase sperimentale, sarà possibile disporre di un canale certo e sicuro per lo smaltimento dei fanghi biologici prodotti dal processo depurativo delle acque reflue urbane e il loro riutilizzo in agricoltura. La realizzazione del contratto di rete fra imprese, grazie alle specifiche competenze di ciascuna, consente la creazione di una filiera nel campo del recupero e riuso dei fanghi biologici. Un ampio e articolato piano per la realizzazione e la gestione del programma di rete consentirà ai singoli partners di sviluppare un programma formativo-promozionale, di informazione e comunicazione. La sperimentazione del progetto, che avrà una durata di 36 mesi, ha avuto inizio nel luglio 2018, quando è stato sottoscritto il disciplinare del finanziamento tra Regione Puglia e AQP. Le fasi successive hanno visto a novembre 2018, la costituzione della Rete Ronsas tra AQP, Green Ecol e Agrosistemi; a febbraio di quest’anno la firma del protocollo della convenzione tra AQP e i partners scientifici; a maggio l’approvazione del progetto esecutivo dell’importo di € 850.000,00 per la fornitura delle due stazioni di trattamento c/o gli impianti di Barletta e Foggia. Recentemente AQP ha ottenuto l’iscrizione al registro di fabbricanti di fertilizzanti del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali. A settembre, infine, sono stati consegnati i lavori alla Green Ecol. In primavera avrà inizio la nuova prassi tecnologica di produzione dei fertilizzanti correttivi nei depuratori di Foggia e Barletta.

Ambiente | Depurazione |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

I FERTILIZZANTI IN AGRICOLTURA


Brad Pitt e Leonardo DiCaprio sembrano così dannatamente belli a Cannes, è quasi inquietante


6 Ore di Barletta: circa 200 Ultramaratoneti giunti da ogni parte d'Italia


Una Francia sempre più verde nelle novità dell'offerta turistica 2020


Fertilizzanti liquidi: tutti i vantaggi dell’utilizzo


impec costruzione spa Consulente ambientale a Pozzuoli


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Ambizione di un futuro sostenibile per l'ambiente costruito: strategie globali per sfide senza precedenti

Si è tenuta in Portogallo a Guimarães, il 10/14 marzo 2010 la terza Convention internazionale e Conferenza di primavera RILEM, RSCC2020, presso l'Università del Minho, sul tema “Ambizione di un futuro sostenibile per l'ambiente costruito: strategie globali per sfide senza precedenti” (https://www.rscc2020.civil.uminho.pt/) dove sono stati affrontati, da esperti e ricercatori di livello internazio (continua)

Si apre anche per le imprese sociali la porta dell’equity crowfunding

La raccolta di fondi on line per il sostegno di progetti sociali si evolve e assume caratteristiche finanziarie che la rendono ancora più interessante per chi contribuisce. L’articolo 9 del codice Terzo Settore prevede “la possibilità di accedere a forme di raccolta di capitale di rischio tramite portali telematici, in analogia a quanto previsto per le start up innovative”. Per le organizzazio (continua)

EQUO COMPENSO, IN ARRIVO LO STOP AI BANDI GRATIS

Un emendamento al Milleproroghe propone di rendere nulli i contratti stipulati senza applicare il Decreto Parametri. Gli on. Chiara Gribaudo e Andrea Orlando hanno presentato un emendamento al Milleproroghe che prevede che la Pubblica Amministrazione potrà conferire incarichi professionali, o affidare opere pubbliche nell'ambito delle quali sono previsti incarichi professionali, solo se il (continua)

Il Crowdfunding Civico un nuovo strumento al servizio del cittadino

In un periodo di estrema difficoltà per le finanze pubbliche, soddisfare le istanze dei cittadini è un'impresa tutt'altro che semplice. La mancanza di risorse è associata a un'aspra critica verso la distribuzione delle stesse e l'utilizzo dei pochi fondi disponibili. Risultato? Una frattura sempre maggiore tra istituzioni e cittadinanza. In un contesto simile, trovare metodi (continua)

Equo compenso, dal Tar delle Marche una sentenza storica: accolto il ricorso dei commercialisti delle Marche.

 Questo grazie alla sentenza del TAR delle Marche che ha validato il ricorso degli Ordini dei Commercialisti ed esperti di Ancona e Pesaro. Per la prima volta nelle Marche una categoria professionale denuncia e si ribella alla pericolosa "abitudine" del massimo ribasso negli appalti pubblici, per l'affidamento di incarichi a professionisti, che avviliscono le competenze e le capaci (continua)