Home > Musica > Emilio Carrino “Talking to the moon” black music e brit pop si incontrano nel nuovo brano del cantautore napoletano

Emilio Carrino “Talking to the moon” black music e brit pop si incontrano nel nuovo brano del cantautore napoletano

scritto da: Laltoparlante3 | segnala un abuso

Emilio Carrino “Talking to the moon” black music e brit pop si incontrano nel nuovo brano del cantautore napoletano


 

Il singolo anticipa il disco d’esordio prodotto da Giuseppe Spinelli, in uscita nel 2020. 

 

In “Talking to the moon” il brit pop di Adele, Sam Smith e Hozier incontra il blues e il soul per raccontare gli ultimi episodi di una storia d’amore impossibile, straziante, ma che continua a vivere nel cuore di chi l’ha vissuta intensamente. La luna, protagonista del brano, è speranza, ascoltatrice del dolore e della sofferenza dell’autore che le chiede la possibilità di trovare, a dispetto di tutte le difficoltà, un luogo nello spazio tempo dove poter vivere serenamente la sua storia d’amore.

 

“La mia valigia” è il titolo dell’album in uscita nel 2020 scelto non casualmente - «perché questo disco rappresenta il mio bagaglio, un po’ tutto quello che sono e sono stato negli anni, sia artisticamente sia nei contenuti dei testi delle canzoni, molto autobiografici. In pratica canto da quando sono nato, scrivo canzoni da 8 anni e nel 2015 ho sentito la necessità di iniziare questo percorso, per condividere col mondo undici delle canzoni che preferisco tra quelle che ho scritto nel tempo, ma anche e soprattutto per essere identificato con un disco e un progetto musicale/cantautorale e non solo con l’esperienza del live che mi ha rappresentato finora» - racconta Carrino. 

 

Il disco risente fortemente delle due facce che contraddistinguono il gusto musicale del cantautore: 

 

«Da un lato c’è la mia passione per la musica nera, l’r’n’b, il soul, che non deluderà chi mi ha seguito negli anni e che ben si confà alla mia vocalità; dall’altro c’è il mio desiderio di seguire con ammirazione la strada che in Italia hanno percorso negli anni i grandi Cantautori che hanno segnato la musica Italiana, penso a Dalla, Battisti, Endrigo, Tenco.  Due facce molto diverse, ma che fanno parte della stessa medaglia, che sono io; ed è questo il fil rouge che segue l’intero progetto. Tutti i brani sono scritti da me, testo e musica, tranne due brani “Lo Sterile Ricordo Di Noi Due” e “Le 9.30”, scritti da me e dal mio amico musicista Antonio Funaro». Emilio Carrino.

 

Radio date: 29 novembre 2019

Etichetta: Saar Records

 

BIO

 

Emilio Carrino, napoletano classe 1992, voce nera che unisce nei suoi brani il cantautorato italiano al pop internazionale.

Dal 2012 fa parte del Coro Giovanile del Teatro San Carlo e del Napoli City Choir, due formazioni di giovani voci dirette dal Maestro Carlo Morelli, con cui si è esibito sul territorio regionale e nazionale in più di 400 concerti. 

Nel 2013 vince il premio Volto Nuovo assegnatogli dalla giuria tecnica durante la finale del Festival di Castrocaro in onda su Rai 1, alla quale partecipa con una cover di “Com’è Buia la città” di Caterina Caselli e con il suo primo inedito intitolato “Lo sterile ricordo di noi due”, scritto da lui insieme ad Antonio Funaro.

Apre i concerti di Alexia ed Alan Sorrenti. Nel 2014 arriva in finale al San Jorio Festival ad Asti, al Festival Giovani Suoni a Napoli, in semifinale al Botticino Music Festival a Brescia.

Partecipa alle Blind Auditions del talent show The Voice of Italy in onda su Rai 2.

Nel 2016 firma con il Maestro le musiche del musical “Change - Napoli Cambia”, sold out al Teatro Politeama di Napoli, a cui partecipa da attore protagonista.

Firma il brano “Un mondo a più colori”, arrangiato dal Maestro Carlo Morelli, con cui si esibisce nell’Auditorium Rai di Napoli durante il concerto del Coro Giovanile del Teatro San Carlo in memoria delle vittime innocenti delle Mafie, organizzato da “Libera contro le mafie”. Il brano diventa lo slogan dell’intera manifestazione. Nel 2018 è uno dei volti del progetto “Santi di Periferia – L’impossibile non esiste” insieme a Piero Pelù, al Maestro Morelli e ad altri giovani artisti napoletani. 

Con le 20 voci del Napoli City Choir si esibisce da tre anni nello spettacolo "That's Napoli Live Show". 

Ha ultimato il suo primo disco di inediti, intitolato “La Mia Valigia”, in uscita nel 2020, arrangiato e prodotto insieme al musicista Giuseppe Spinelli.

 

Contatti e social

 

FACEBOOK: https://www.facebook.com/emiliocarrinoofficialpage/

INSTAGRAM: https://www.instagram.com/emiliocarrino/?hl=it

 

 

 

 

 

emilio carrino | nuovo singolo | cantautore |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Torna l’appuntamento con il MUSIC FOR EMERGENCY 2014!


ECCO I PRIMI PREMI DEL MEI SUPERSOUND 2012 CHE VERRANNO CONSEGNATI SABATO 29 SETTEMBRE A FAENZA


Selezionati da Rai Cinema i cortometraggi che passano alla fase successiva della XI edizione del Festival Internazionale del Film Corto “Tulipani di Seta Nera” 27, 28 e 29 aprile, Roma.


AL VIA L'XI EDIZIONE DEL FESTIVAL TULIPANI DI SETA NERA


In arrivo la nuova edizione dell' AMBRIA MUSIC FESTIVAL!


Master in Editoria e Comunicazione - XXXIII edizione


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

FRASSI: “CI ABBRACCEREMO FORTE” è la nuova canzone del cantautore di Bollate che ha spopolato su Facebook

FRASSI: “CI ABBRACCEREMO FORTE” è la nuova canzone del cantautore di Bollate che ha spopolato su Facebook
Il brano, con parole semplici ma non banali, lancia un messaggio di positività e speranza, ottenendo in poco tempo mezzo milione di visualizzazioni.“Ci abbracceremo forte” è un inno alla speranza, alla libertà e a quel semplice importante gesto che è un abbraccio. «La canzone è nata in un sabato mattina di inizio marzo, poco prima di scoprire quello che ci avrebbe atteso di lì a poco, a causa (continua)

HELLE: “TRA LE STRADE DELLA MIA CITTÀ” è il nuovo singolo della cantautrice bolognese

HELLE:  “TRA LE STRADE DELLA MIA CITTÀ”  è il nuovo singolo della cantautrice bolognese
La freschezza dell’elettropop cela l’essenza agrodolce di un brano che racconta l’amore per la sua città e per l’Italia. “Tra le strade della mia città” è una canzone elettropop nata negli ultimi mesi e racconta l’amore di Helle verso la propria città, Bologna, e l’Italia tutta, riportando un messaggio di speranza che supera le difficoltà del momento.Il brano dalle mille sfumature rispecchia (continua)

GEDDO: “FRATELLI” è il nuovo album del cantautore ligure in uscita il 1° giugno 2020

GEDDO:  “FRATELLI”  è il nuovo album del cantautore ligure  in uscita il 1° giugno 2020
Un disco che celebra lo spirito di complicità e comunità e che invita ad apprezzare il valore delle piccole cose che ci circondano, arricchito dalla collaborazione di tanti noti artisti.Dopo l’uscita dei precedenti album, “Fratelli” rappresenta per Geddo una nuova tappa del viaggio fuori e dentro se stessi. Pur non raccogliendo canzoni autobiografiche, il disco comprende pezzi che disegnano sfumat (continua)

BOAVISTA: “IL MONDO CHE VORREI” è il nuovo singolo della band pop-rock bolognese che anticipa il disco in uscita il prossimo autunno

  BOAVISTA:  “IL MONDO CHE VORREI”  è il nuovo singolo della band pop-rock bolognese che anticipa il disco in uscita il prossimo autunno
Il brano pop intriso di tastiere, synth e groove incalzanti, è stato prodotto da Filippo Manni e scritto dai Boavista in collaborazione con il noto autore romano Paolo Amati.  Ph: Bass&DrumsDopo l’uscita del singolo d’esordio “Ruggine”, i Boavista ritornano con “Il Mondo che Vorrei”. Il brano, prodotto da Filippo Manni (NUtone Lab), attraversa le prospettive differenti di chi si mett (continua)

MATTEO ROVATTI: “SOTTOSOPRA” è il nuovo singolo del cantautore rock patrocinato dal Comune di Sassuolo

MATTEO ROVATTI:  “SOTTOSOPRA”  è il nuovo singolo del cantautore rock  patrocinato dal Comune di Sassuolo
Il brano scritto e composto dall’artista emiliano già autore per i Nomadi, racconta l’importanza del riscoprire i valori della vita“Sottosopra” è un invito a ritrovare le proprie radici quando lo stile di vita moderno rischia di allontanarci definitivamente da noi stessi. «L’albero dei valori della vita è sottosopra. Le sue radici, fonte eterna di energia vitale, non attingono più il loro nut (continua)