Home > Economia e Finanza > L'equity crowdfunding: un nuovo strumento finanziario per le imprese cooperative

L'equity crowdfunding: un nuovo strumento finanziario per le imprese cooperative

scritto da: Inarch4.0 | segnala un abuso


La cooperazione è un modello d’impresa capace di rispondere in modo efficace anche alle sfide che lo scenario attuale pone al nostro Paese, mettendosi in gioco con i propri valori, ed una delle sfide che intende affrontare è quella dell’innovazione. Tra i progetti innovativi individuati per il mondo delle imprese cooperative c’è la realizzazione di una piattaforma cooperativa di equity crowdfunding per la raccolta di capitale da fonti alternative a quelle tradizionali. L’obiettivo è quello di realizzare una piattaforma “cooperativa di equity crowdfunding” e aperta a tutto il mondo delle imprese cooperative e delle imprese sociali, in partnership con gli strumenti finanziari cooperativi, istituti di credito cooperativi, fondazioni, incubatori di imprese innovative. Da parte del mondo cooperativo vi è la necessità di avere una piattaforma tutta cooperativa che possa rispondere alle esigenze delle cooperative, anche le più piccole e allo stesso tempo essere uno strumento per finanziare costituende cooperative innovative e cooperative di comunità senza dover ricorrere agli strumenti finanziari tradizionali e sovrastimati per piccole realtà. Attualmente ci sono diverse piattaforme di equity crowdfunding, ma nessuna con un taglio specificamente cooperativo, che peraltro è quello più interessato a questo tipo di “raccolta” L’impegno della cooperazione è quello di offrire uno strumento per l’auto imprenditorialità giovanile e della cittadinanza attraverso uno strumento innovativo che favorisca piccoli investimenti nelle piccole e medie imprese innovative, comunitarie e che rispettino i valori cooperativi. Uno strumento finanziario che vuole valorizzare le esperienze locali, coinvolgendo i piccoli investitori in progetti a loro vicini, rendicontabili in modo semplice e trasparente, rendendo così il sistema italiano più plurale, efficiente e competitivo.

Economia | Finanza |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Ambizione di un futuro sostenibile per l'ambiente costruito: strategie globali per sfide senza precedenti

Si è tenuta in Portogallo a Guimarães, il 10/14 marzo 2020 la terza Convention internazionale e Conferenza di primavera RILEM, RSCC2020, presso l'Università del Minho, sul tema “Ambizione di un futuro sostenibile per l'ambiente costruito: strategie globali per sfide senza precedenti” (https://www.rscc2020.civil.uminho.pt/) dove sono stati affrontati, da esperti e ricercatori di livello intern (continua)

Si apre anche per le imprese sociali la porta dell’equity crowfunding

La raccolta di fondi on line per il sostegno di progetti sociali si evolve e assume caratteristiche finanziarie che la rendono ancora più interessante per chi contribuisce. L’articolo 9 del codice Terzo Settore prevede “la possibilità di accedere a forme di raccolta di capitale di rischio tramite portali telematici, in analogia a quanto previsto per le start up innovative”. Per le organizzazio (continua)

EQUO COMPENSO, IN ARRIVO LO STOP AI BANDI GRATIS

Un emendamento al Milleproroghe propone di rendere nulli i contratti stipulati senza applicare il Decreto Parametri. Gli on. Chiara Gribaudo e Andrea Orlando hanno presentato un emendamento al Milleproroghe che prevede che la Pubblica Amministrazione potrà conferire incarichi professionali, o affidare opere pubbliche nell'ambito delle quali sono previsti incarichi professionali, solo se il (continua)

Il Crowdfunding Civico un nuovo strumento al servizio del cittadino

In un periodo di estrema difficoltà per le finanze pubbliche, soddisfare le istanze dei cittadini è un'impresa tutt'altro che semplice. La mancanza di risorse è associata a un'aspra critica verso la distribuzione delle stesse e l'utilizzo dei pochi fondi disponibili. Risultato? Una frattura sempre maggiore tra istituzioni e cittadinanza. In un contesto simile, trovare metodi (continua)

Equo compenso, dal Tar delle Marche una sentenza storica: accolto il ricorso dei commercialisti delle Marche.

 Questo grazie alla sentenza del TAR delle Marche che ha validato il ricorso degli Ordini dei Commercialisti ed esperti di Ancona e Pesaro. Per la prima volta nelle Marche una categoria professionale denuncia e si ribella alla pericolosa "abitudine" del massimo ribasso negli appalti pubblici, per l'affidamento di incarichi a professionisti, che avviliscono le competenze e le capaci (continua)