Home > Eventi e Fiere > BRAFA 2020 CRESCE E BRINDA AI SUOI "PRIMI 65 ANNI"

BRAFA 2020 CRESCE E BRINDA AI SUOI "PRIMI 65 ANNI"

articolo pubblicato da: Threesixty | segnala un abuso

BRAFA 2020 CRESCE E BRINDA AI SUOI

Da Domenica 26 Gennaio a Domenica 2 Febbraio 2020 gli spazi del Tour & Taxis di Bruxelles ospitano l'edizione 65 della manifestazione d'arte più antica d'Europa: BRAFA Art Fair.
Un elenco espositori stabile a 133 con uno dei ricambi più bassi nel settore: solo 18 infatti le gallerie che cambiano rispetto all'edizione precedente. Peraltro 10 sono i professionisti che rientrano mentre 8 sono alla loro prima partecipazione, la metà italiani. Il 2020 sarà dunque anche l'anno in cui l'Italia passa al secondo posto tra i paesi stranieri dopo la Francia con 10 galleristi (12 considerando gallerie di italiani situate all’estero), mentre le gallerie del Belgio saranno il 37%. New entry italiane: Paolo Antonacci (Roma - Pittura europea XVIII-XIX sec.); W. Apolloni (Roma - Antichità XVII-XIX sec.); Nardi (Venezia - Gioielleria); Dalton Somaré (Milano - Arte Africana e Indo-Buddista). 
Un indicatore evidente del successo di questa manifestazione che da almeno una decina di anni vive un significativo trend di crescita tanto da prevedere un nuovo aumento dei visitatori a 67.000 nonostante la durata abbreviata di un giorno rispetto agli altri anni. Il tutto in un contesto globale -anche finanziario- in cui l’arte torna a svolgere un ruolo importante in termini di investimento. 

Festeggiamo i 65 anni con vero entusiasmo " spiega Harold t’Kint de Roodenbeke Presidente BRAFA “Non essendo un ente fieristico abbiamo come primo obbiettivo trasmettere proprio questa nostra passione per l'arte a un pubblico sempre più vasto. E' questo il ruolo degli antiquari e di chi, come me e tutti i colleghi, dedica il proprio lavoro alla tutela della conoscenza e poi alla collezione di opere  d'arte di ogni tempo”.

Attraversando l’intero ventaglio della Storia dell’Arte, dall'archeologia all'arte contemporanea, i responsabili dell'Associazione Foire des Antiquaires de Belgique,  hanno una particolare sensibilità per garantire un buon equilibrio tra le specialità. Benché ad esempio negli ultimi anni, l'arte moderna e l'arte contemporanea abbiano avuto un maggiore peso rispetto al passato, l’anima del BRAFA resta comunque l’arte antica di ogni continente. Le stesse nuove gallerie sono perlopiù specializzate in archeologia classica, Old Master, antichità. 

La cifra del Brafa resta infatti il mix tra stili, luoghi e periodi della storia dell’arte: occidente e oriente, Africa e archeologia, grafiche originali e fotografia d’autore. Arte di ogni tempo ma anche design del 20° secolo. Pezzi rari, da collezione per interni raffinati. 
"I visitatori del BRAFA ci chiedono di garantire i loro investimenti con opere di altissimo livello" - spiega Christian Vrouyr,  Segretario generale BRAFA - "Parliamo a collezionisti di vario genere ma anche a curatori museali e a fondi d'investimento. Ecco perché per tutti noi è importante avvalerci di esperti esterni per il vetting e curare il più possibile la varietà oltre alla qualità delle proposte".

Non solo esperti o potenziali acquirenti: BRAFA è un'esposizione aperta a tutti, da visitare piacevolmente che va ad aggiungersi a un sistema museale di Bruxelles unico al mondo.
Durante l'intera settimana di apertura, ogni giorno alle 16 gli appassionati d'arte potranno inoltre seguire le #artalk: conferenze di curatori ed esperti su opere, artisti o collezionisti. Si parlerà di Keith Haring ma anche di Raffaello e della più grande collezione al mondo (francese) del nostro pittore; il curatore spiegherà la "Rivoluzione ottica di van Eyck" in mostra a Gand;  mentre il regista Robert Wilson racconterà la sua passione per il collezionismo.

I visitatori del BRAFA potranno perfino portarsi a casa (si fa per dire) un pezzo del muro di Berlino grazie a una speciale asta di beneficenza. Le offerte verranno visualizzate su un tabellone elettronico dal primo all'ultimo giorno con una base d'asta di 15.00 € per ognuno dei 5 elementi in mostra.  I cinque blocchi (1,2x3,8 mt con un peso di 3,6 t) coperti di graffiti dalla parte un tempo esposta a Ovest, verranno allestiti nella parte centrale del BRAFA. Quanto raccolto sarà devoluto a 4 associazioni onlus nonchè al sostegno di progetti museali. Un modo per ribadire la vocazione no-profit del BRAFA dando evidenza alla ricaduta non solo culturale ma anche sociale di un evento che nasce 65 anni fa proprio per far conoscere meglio il ruolo dei professionisti del mercato dell'arte.

LISTA COMPLETA ESPOSITORI

BRAFA 2020 - Edizione 65
Domenica 26 Gennaio - Domenica 2 Febbraio 2020
Tour & Taxis, Avenue du Port 88, Bruxelles
Orari: 11-19 (Giovedì 30 Gennaio late opening fino alle 22)
Ingressi: intero 25 €, under 16 gratuito, 16-26 anni 10 €. Catalogo 15 €.
Info e biglietti: www.brafa.art

cultura | arte | collezionismo | design |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Brad Pitt e Leonardo DiCaprio sembrano così dannatamente belli a Cannes, è quasi inquietante


Vincenzo Pompeo Bava: La vecchia casa di Nicolas Cage a Malibu è in vendita per 27 milioni di euro


Vincenzo Pompeo Bava: Quanti anni ha Tom Cruise? Curiosità e news sulla sua vita privata


Un libro su Carmelo Di Bartolo, pioniere della Bionica e Design. Lo IED celebra i 40 anni di carriera del designer ricercatore


Pompeo Bava: 'Soleimani Martire', missili Iran contro truppe Usa. Soldati italiani in salvo nel bunker


Acronis True Image 2020 automatizza i backup 3-2-1 come l’unica soluzione personale per la replica dei backup locali nel cloud


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

L'ARTE DEI SENSI... IN UN PROGETTO CREATIVE EUROPE

L'ARTE DEI SENSI... IN UN PROGETTO CREATIVE EUROPE
Si chiude a Malta il progetto artistico biennale AMuSE Negli ultimi due anni Palazzo Taffini d'Acceglio, a Savigliano, ha ospitato i lavori di 16 artisti emergenti provenienti da quattro stati europei: Italia, Malta, Lituania e Olanda. Gli artisti hanno lavorato e prodotto opere esposte via via nei quattro stati, toccando pubblici tra loro diversi e creando "contaminazioni c (continua)