Home > Altro > Si può risparmiare con il riscaldamento domestico?

Si può risparmiare con il riscaldamento domestico?

articolo pubblicato da: Pier | segnala un abuso

Si può risparmiare con il riscaldamento domestico?

Quando arriva l’inverno, la cosa migliore per contrastarlo è l’accensione dei termosifoni. Ma esistono dei metodi davvero applicabili per risparmiare sul riscaldamento? Idraulico Roma ti può dare qualche consiglio.

Scopriamo come ottenere un rendimento migliore con un portafoglio più leggero!

La metà di ottobre, secondo il DPR 412/1993, segna la possibilità di poter rispondere all’avvento del primo freddo con l’accensione degli impianti di riscaldamento. Ovviamente, le necessità cambiano a seconda delle temperature medie di un determinato territorio.
In Italia, però, non si può negare una realtà poco consolatoria: i consumi, a causa di un rapporto poco equilibrato con l’efficienza energetica stessa, sono elevati. Per questa ragione, il risparmio risulta tra gli obiettivi più perseguiti dall’utenza. Partendo dal presupposto che la temperatura suggerita, nei singoli ambienti riscaldati, non debba superare in media i 20°C+ 2°C.
Così, al fine di provare ad economizzare, ecco di seguito alcuni suggerimenti utili preventivi atti a preservare il più possibile le nostre tasche.

Accensione riscaldamento: le 5 misure preventive

Controllare gli infissi per risparmiare sul riscaldamento

La regola principale è una: risparmiare sul riscaldamento stando attenti agli spifferi che entrano dagli infissi. Le piccole correnti d’aria fredda, effettivamente, sono la principale causa di dispersione dell’energia termica. Spesso questi spifferi passano da fessure lungo i telai delle finestre oppure lo scarso isolamento dei controtelai. Se pensi di avere una discreta pratica manuale, puoi provare ad intervenire tu, sigillando opportunamente. Altrimenti, appellati all’aiuto di professionisti del settore. Non trascurare mai questo aspetto, però!

Fare la pulizia dei caloriferi e lo spurgo dell’aria

Il secondo step non è meno fondamentale del primo: la pulizia dei termosifoni. Per prima cosa, occupati dell’area esterna, liberati della polvere con l’aiuto di prodotti appositi (anche un phon, a mali estremi, può andar bene).
In secondo luogo, procedi con la pulizia interna, fai lo spurgo dell’aria ed elimina le bolle d'aria che possono ostacolare la regolare circolazione dell’acqua nei termosifoni, causando un peggioramento del rendimento.
Infine, apri le valvole dei caloriferi a impianto spento, e lascia fuoriuscire l’aria fino a che non inizia a fluire acqua (segno distintivo che l’aria sia uscita) e richiudi.

Fare la manutenzione della caldaia

Se hai un riscaldamento autonomo, è tua responsabilità occuparti della manutenzione della caldaia, aspetto di fondo e per nulla trascurabile.
Per questo motivo, dobbiamo subito provvedere alla manutenzione della caldaia, sulla base delle informazioni circa la cadenza indicata sul libretto dell’apparecchio stesso.
Il fine ultimo è raggiungere una condizione di sicurezza, risparmio e comfort generale.

Testare il funzionamento delle valvole termostatiche

Se, contrariamente, il tuo impianto è centralizzato (con una sola caldaia che provvede al riscaldamento dell’intero edificio in cui abiti) la responsabilità della manutenzione passa all’amministratore di condominio.
Quest’ultimo, in effetti, provvederà a compiere piazzare i sistemi di termoregolazione (cioè le valvole termostatiche) sui caloriferi di tutte le abitazioni,in accordo al Decreto Legislativo 102/2014.
Quello che puoi fare è avere la sicurezza di essere in regola, in più informati sull’utilizzo delle termovalvole, in considerazione del fatto che i nuovi sistemi di ripartizione delle spese possano darti la facoltà di risparmiare sul riscaldamento e offrire a casa tua un riscaldamento in modo più opportuno, pagando il giusto costo.

Sfruttare la luce del sole

Questo ultimo suggerimento per risparmiare sull’accensione del riscaldamento sembra banale ma è essere importantissimo. Cambiare aria, in effetti, è un’attività giornaliera indispensabile. Ricordiamoci, però, di farlo durante le ore più calde per massimo 10 minuti.
Indispensabile anche far entrare la luce del sole in casa aprendo le ante e tirando le tende, in modo da sfruttarne il calore per riscaldare le stanze

Hai messo in atto tutti questi consigli? Ricorda, da semplici operazioni derivano grandi risultati!

 

 

 

ripsarmio riscaldamento | idraulico roma | idraulica e termoidraulica |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Riscaldamento Globale: gli impianti di riscaldamento sono i principali responsabili


Pavimenti Radianti | Studio Ungheria


Impianto di riscaldamento i migliori tra qualità e prezzo


Riscaldamento centralizzato perché conviene sempre


Riscaldamento: dai Greci ad oggi il caldo nelle sue varianti


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La manutenzione della stufa a pellet è importante: scopri come fare con una semplice pulizia

La manutenzione della stufa a pellet è importante: scopri come fare con una semplice pulizia
Avete deciso di pulire la tua Stufa a Pellet ma non hai idea di come farlo? In questo articolo ti illustreremo tutti i passaggi per iniziare una corretta manutenzione. Una dei dilemmi più frequenti, prima o dopo aver comprato una stufa a Pellet, riguarda proprio la sua manutenzione: come programmarla e come pulirla nella maniera più idonea. Eseguendola correttamente, si potr&agr (continua)