Home > Arte e restauro > Daverio e l’artista Maquignaz a Milano presentano il catalogo rivoluzionario edito da Skira

Daverio e l’artista Maquignaz a Milano presentano il catalogo rivoluzionario edito da Skira

scritto da: Ufficio_stampa | segnala un abuso

Daverio e l’artista Maquignaz a Milano presentano il catalogo rivoluzionario edito da Skira


L’appuntamento con l’arte e l’aldilà ha una data e un luogo precisi. Giovedì 6 febbraio, Libreria Bocca di Milano. Siamo nella Galleria Vittorio Emanuele II, esattamente in centro città. Qui il Maestro Gabriele Maquignaz presenterà alle 18.30 il suo catalogo edito da Skira, una delle più prestigiose case editrici di libri d’arte.

Intitolato, per l’appunto, La Porta dell’Aldilà, il volume a cura di Guido Folco riporta, tra i testi introduttivi, quello del noto storico dell’arte Philippe Daverio, presente all’evento. L’incontro sarà senz’altro una rivelazione per tutti i presenti, come lo è stata per Maquignaz, ideatore della nuova arte. L’artista infatti afferma: «Un giorno, seduto sotto il Cervino, guardando davanti a me, perso nel vuoto ho una grande intuizione: mi accorgo che lo spazio non basta più. L’arte necessita di un’evoluzione, oltre lo spazio, oltre il tempo, oltre l’universo e oltre l’infinito. Solo con la creazione della “Porta dell’Aldilà” ho messo le basi per una nuova arte». Con questa affermazione il pittore e scultore valdostano afferma di superare il limite dello spazio e dello Spazialismo. Come? Connettendo in modo perpetuo lo spazio, il tempo e l’Aldilà mediante un taglio codificato e ragionato nell’arte. La dimensione spirituale, quella dell’Aldilà, diventa pertanto la vera finestra da cui osservare lo spazio.

Questa necessità espressiva, tanto fisica quanto spirituale, si manifesta nella straordinaria manualità creativa di Gabriele Maquignaz che, giunta a maturità, trova voce attraverso pittura e scultura. Vita e morte divengono i punti cardinali entro cui orientare la sua ricerca artistica e spirituale per ritrovare la propria essenza. Questi elementi concorrono nella definizione del manifesto Codice Aldilà, creato e presentato al pubblico dallo stesso Maquignaz nel 2018. Con esso, per la prima volta nella storia artistica, il Maestro ha aperto la Porta per l’Aldilà, unendo spazio e tempo nell’arte e superando i concetti di Spazialismo e di Fontana, mettendo in comunicazione la dimensione terrena e quella ultraterrena attraverso un’azione, quella del taglio, consapevole e codificata.

Non ci resta dunque che addentrarci nel mistero di queste realtà irraggiungibili, ma percepibili attraverso l’arte di Gabriele Maquignaz. Quando? Il 6 febbraio, ovviamente, a Milano.

Gabriele maquignaz | salvo nugnes | philippe daverio | skira | libreria bocca | la porta dell’aldilà | catalogo | milano | arte contemporanea |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Il Maestro Gabriele Maquignaz sempre più in auge con tv e stampa nazionali


Realizzare cataloghi online: nasce il Catalogo Digitale Multicanale


Canale Italia: il Maestro Maquignaz prosegue nella campagna contro il Coronavirus


Performance live dell’artista Gabriele Maquignaz al Forte dell’Annunziata di Ventimiglia


Gabriele Maquignaz lancia il progetto Arte per la vita


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Performance live dell’artista Gabriele Maquignaz al Forte dell’Annunziata di Ventimiglia

Performance live dell’artista Gabriele Maquignaz al Forte dell’Annunziata di Ventimiglia
Ventimiglia - Lo scorso 16 settembre, nell’incantevole cornice del Forte dell’Annunciata di Ventimiglia (attiguo al nuovo porto di Cala del Forte, che aprirà i battenti alle prime imbarcazioni già dalla metà del prossimo ottobre), nel pieno rispetto delle normative di sicurezza previste per l’emergenza sanitaria legata al Covid 19,  si è svolto “ Strategia di cooperazione transfrontalier (continua)

Alberoni, Cattaneo e Nugnes alla Pro Biennale parlano di amore e amicizia ai tempi del Covid

Alberoni, Cattaneo e Nugnes alla Pro Biennale parlano di amore e amicizia ai tempi del Covid
Continuano gli appuntamenti culturali all’interno della mostra Pro Biennale a Venezia. Infatti la giornata di domenica 2 agosto ha visto protagonista il grande Prof. Francesco Alberoni che ha intrattenuto il pubblico presente a Palazzo Ivancich, sede dell’esposizione, e quello collegato in diretta online con un interessante conferenza dal titolo “Amore, amicizia e…ai tempi del Covid”. Pr (continua)

Venezia: vernissage di Pro Biennale con Sgarbi e tanti vips

Venezia: vernissage di Pro Biennale con Sgarbi e tanti vips
L’arte e la cultura sono ripartite dopo il lungo periodo di blocco a Venezia, e lo hanno fatto con l’inaugurazione della mostra internazionale Pro Biennale presentata da Vittorio Sgarbi. Giovedì 23 luglio il Professore, infatti, ha dato il via all’esposizione insieme all’organizzatore della manifestazione Salvo Nugnes, curatore di mostre e grandi eventi, allo Spoleto Pavilion presso lo storico Palazzo Ivancich (Castello 4421), a pochi passi da Piazza San Marco. Il momento buio appena passato non ne ha ostacolato lo svolgimento, a dimostrazione del grande affetto del pubblico (continua)

101CAFFE’ partner di Pro Biennale: l’arte a Venezia riparte dopo la pandemia

101CAFFE’ partner di Pro Biennale: l’arte a Venezia riparte dopo la pandemia
A partire dal 23 Luglio fino al 7 Agosto 2020, Pro Biennale incontra Venezia, prestigioso appuntamento organizzato dal manager Salvo Nugnes, curatore di mostre e grandi eventi, a cura del noto critico d’arte Vittorio Sgarbi. Quest’anno più che mai l’evento artistico lancia un chiaro segnale: l’arte italiana riparte dopo la pandemia, proprio nella città lagunare che ospita la prima vera rasse (continua)

Con Pro Biennale Venezia riparte dopo il Coronavirus

Con Pro Biennale Venezia riparte dopo il Coronavirus
Il 2020 è l’anno della pandemia, ma è anche l’anno di Pro Biennale. A Venezia verrà senz’altro ricordato così. La mostra presentata da Vittorio Sgarbi nel cuore della città lagunare si terrà dal 23 luglio al 7 agosto. E lancia un chiaro segnale: l’arte italiana riparte proprio da qui, da questa rassegna d’arte contemporanea che, a detta del noto critico d’arte, è “l’unica, vera Biennale. Quel (continua)