Home > Auto e Moto > Rc auto: oltre 4.600 lucani vedranno peggiorare la propria classe di merito nel 2020

Rc auto: oltre 4.600 lucani vedranno peggiorare la propria classe di merito nel 2020

articolo pubblicato da: ufficiostampa@facile.it | segnala un abuso

Rc auto: oltre 4.600 lucani vedranno peggiorare la propria classe di merito nel 2020

Il nuovo anno si apre con una brutta notizia per più di 4.600 lucani; tanti sono gli automobilisti che, secondo l’osservatorio Rc auto di Facile.it, a causa di un sinistro con colpa dichiarato nel 2019 dovranno fare i conti con un peggioramento della propria classe di merito e, di conseguenza, un premio RC auto più caro rispetto a quello pagato l’anno prima.

In termini percentuali si tratta dell’1,57% del campione analizzato (oltre 2.900 preventivi di rinnovo RC auto raccolti in Basilicata a dicembre 2019 tramite le pagine di Facile.it); il valore, seppur superiore al dato regionale rilevato nel 2018 (1,53%), non solo risulta essere inferiore a quello nazionale (3,76%), ma fa anche guadagnare alla regione il terzultimo posto nella classifica italiana.

Buone notizie anche per gli automobilisti virtuosi; a dicembre 2019, secondo l’osservatorio RC auto di Facile.it, per assicurare un veicolo a quattro ruote in Basilicata occorrevano, in media, 440,44 euro, vale a dire il 6,50% in meno rispetto allo stesso periodo del 2018. Il dato è stato calcolato sulla base di 39.267 preventivi di rinnovo RC auto e relative migliori offerte medie disponibili online*.

L’andamento provinciale

Analizzando il campione su base provinciale non emergono differenze: sia a Matera che a Potenza la percentuale di automobilisti che hanno denunciato all’assicurazione un sinistro con colpa e che, per questo motivo, vedranno peggiorare la propria classe di merito e, con essa, salire il costo dell’RC auto è pari all’1,57%.

Il profilo di chi vedrà peggiorare la classe di merito

Guardando più da vicino il profilo degli automobilisti lucani che hanno dichiarato alle assicurazioni un sinistro con colpa, la prima differenza che emerge è legata al sesso; fra gli uomini la percentuale è pari al 1,22%, mentre nel campione femminile sale al 2,38%.

Analizzando il campione in base alle professioni dichiarate in fase di preventivo emerge che al primo posto si posizionano i liberi professionisti; sono loro la categoria che, in percentuale, ha dichiarato più sinistri con colpa (4,19%). Al secondo posto si trovano i disoccupati, con una percentuale pari al 2,98%.

Nel senso opposto, invece, si trovano i pensionati (0,71%) e gli impiegati (0,83%).

 

 

 

*L’Osservatorio auto di Facile.it calcola il premio di assicurazione RC auto medio e le sue variazioni negli ultimi 12 mesi. Per calcolare tali dati, Facile.it si è avvalso di un campione di 39.267 preventivi effettuati in Basilicata dai suoi utenti tra il 1 dicembre 2018 e il 31 dicembre 2019 e i relativi risultati di quotazione prodotti. Facile.it confronta le compagnie assicurative elencate a questa pagina: https://www.facile.it/come-funziona.html#compagnie_confrontate

Facile it | Basilicata | Rc auto | cambio classe | auto |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

#POLIdesignWeek


GIULIA PRATELLI: ESCE “TUTTO BENE” IL NUOVO DISCO DELLA CANTAUTRICE TOSCANA CON LA PRODUZIONE ARTISTICA DI ZIBBA


GIULIA PRATELLI ESCE IL 13 GENNAIO “DALL’ALTRA PARTE DELLE COSE”, IL SINGOLO CHE PRESENTA LA GIOVANE CANTANTE E NE DESCRIVE L’UNIVERSO MUSICALE


Una Francia sempre più verde nelle novità dell'offerta turistica 2020


VALLANZASKA “QUANDO È GATTA”


FILAGOSTO FESTIVAL DAL 1 AL 6 AGOSTO 2017 L’EDIZIONE NUMERO 15 DI UNO DEI FESTIVAL GRATUITI PIÚ ATTESI DELLA LOMBARDIA


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Coronavirus: 1.830.000 italiani hanno annullato i viaggi, anche in Italia

Coronavirus: 1.830.000 italiani hanno annullato i viaggi, anche in Italia
Spaventati dall’ipotesi pandemia legata al Coronavirus 1.830.000 italiani hanno annullato i viaggi che avevano in programma nei prossimi tre mesi, anche se la destinazione non era la Cina. Questa una delle evidenze emerse dall’indagine che Facile.it ha commissionato a mUp Research e Norstat*. Chi ha annullato il viaggio L’indagine, svolta a febbraio 2020, ha evidenziato come (continua)

Facile.it torna on air con Runner

Facile.it torna on air con Runner
Facile.it, il portale leader in Italia nel confronto delle tariffe, torna in televisione con un nuovo spot intitolato Runner; ad essere protagonisti della creatività sono i prodotti Rc Auto e, per la prima volta, anche i Facile.it Store, elemento sempre più importante all’interno dell’offerta e della strategia del comparatore. La nuova campagna televisiva, in onda da dome (continua)

Facile.it: ecco quanto spendono le famiglie a Lecce

Facile.it: ecco quanto spendono le famiglie a Lecce
Quanto costa vivere a Lecce e provincia e quanto spendono le famiglie per i conti di casa? In occasione dell’apertura del Facile.it Store nella città di Lecce, secondo negozio del comparatore nel Sud Italia, (https://www.facile.it/store/lecce.html) la web company ha analizzato nel dettaglio i costi che si devono sostenere in città e provincia per pagare mutui, prestiti, RC auto (continua)

Facile.it: ecco quanto spendono le famiglie a Bari

Facile.it: ecco quanto spendono le famiglie a Bari
Quanto costa vivere a Bari e provincia e quanto spendono le famiglie per i conti di casa? In occasione dell’apertura del Facile.it Store nella città di Bari, primo negozio del comparatore nel Sud Italia, (https://www.facile.it/store/bari.html) la web company ha analizzato nel dettaglio i costi che si devono sostenere in città e provincia per pagare mutui, prestiti, RC auto e mo (continua)

Facile.it apre i primi Store nel Sud Italia

Facile.it apre i primi Store nel Sud Italia
Continua il percorso di espansione territoriale di Facile.it che apre due nuovi Facile.it Store in Puglia. Il comparatore ha scelto le città di Bari (Corso Cavour, 112/114) e Lecce (Piazza Mazzini, 56) per i suoi primi negozi fisici nel Meridione, che vanno ad aggiungersi agli altri quindici presenti sul territorio nazionale e ormai diventati parte importante dell’offerta e della stra (continua)