Home > Sviluppo sostenibile > El Hierro: l’isola sostenibile nell’Oceano Atlantico

El Hierro: l’isola sostenibile nell’Oceano Atlantico

scritto da: Dagcom | segnala un abuso

El Hierro: l’isola sostenibile nell’Oceano Atlantico


Questa gemma dell’arcipelago è diventata negli anni un simbolo per il “turismo lento” all’interno di piano a maggior respiro di sostenibilità e autosufficienza energetica

Las Palmas, 24 gennaio 2020 – Ogni anno le spiagge paradisiache, i paesaggi variegati e un clima ideale fanno delle Canarie la destinazione scelta da circa 15 milioni di turisti. Tra le otto isole che compongono l’arcipelago, El Hierro si distingue per la forte vocazione al “turismo lento” che riflette il ben più ampio impegno verso la sostenibilità, l’autosufficienza energetica e la salvaguardia dell’ecosistema locale.
 
Turismo diluito ed ecosostenibile 
Le Isole Canarie godono di un clima primaverile tutto l’anno e questo agevola un flusso turistico costante e diluito sui dodici mesi, senza picchi di bassa e alta stagione. A questo “aiuto” della natura a preservare El Hierro dal turismo di massa si accompagnano scelte specifiche in termini di ospitalità. 
Ad esempio, l’offerta di alloggi per i turisti include bio-rifugi, eco-abitazioni e residenze agro-turistiche. Inoltre, vige un accordo tra gli albergatori per l’aquisto di prodotti a km zero: El Hierro è ritenuta un modello nella produzione bio, categoria in cui oggi mantiene la più vasta area di prodotti certificati. 
Come Riserva della biosfera dell'UNESCO, El Hierro mira a conservare l'ecosistema marittimo e terrestre e la sua biodiversità con l'utilizzo sostenibile delle risorse naturali. Questa piccola isola cattura i visitatori per il contrasto tra le sue terre vulcaniche, il verde dei suoi boschi rigogliosi e la trasparenza dell'acqua. Intorno all’isola c’è l’opportunità di scoprire anemoni, spugne, coralli gialli e il raro corallo nero che si sono riformate dopo le eruzioni vulcaniche del 2011. Qui vivono, tra gli altri, pesci pappagallo, squali angeli, e razze che attirano da tutto il mondo appassionati di turismo subaqueo. Tra i punti di immersioni spicca Mar de las Calmas, una delle tre riserve marine delle Isole Canarie.
 
Spostarsi sull'isola: mobilità elettrica e non solo
El Hierro intende aumentare la copertura dei collegamenti pubblici, migliorando la consapevolezza degli abitanti e dei turisti nei confronti dell'ambiente circostante. Il governo punta a incrementare la flotta dei minibus elettrici per incentivare l’uso dei mezzi pubblici anche per raggiungere le zone prettamente turistiche, limitando allo stesso tempo le licenze taxi. Si sta attuando inoltre una strategia di conversione per il biodiesel basata sullo sfruttamento dell’olio vegetale autoctono in grado di ridurre le impronte di carbonio. 
 
 
Un’isola totalmente autosufficiente nel giro di pochi anni
Il primo piano per l’autosufficienza energetica risale al 1997 e oggi l’obiettivo è raggiungerla entro i prossimi otto anni. I segnali sono incoraggianti: per ventiquattro giorni, nell’estate 2019, il 100% del fabbisogno energetico è stato coperto da fonti rinnovabili. In genere le fonti verdi rappresentano il 60%, grazie all’energia prodotta dalle turbine eoliche costruite nel territorio di Valverde e alla centrale idroelettrica di Gorona. Inuagurato nel 2014, l’impianto è costituito da una diga installata all’interno di uno dei numerosi crateri dell’isola. 
Sin dall’anno sucessivo alla messa in opera della centrale, le emissioni di gas serra sono state ridotte di 40.000 tonnellate e nel 2017 l’impianto ha coperto l’equivalente di 6.017 tonnellate di gasolio, che corrispondono a 40.000 barili di petrolio. Attualmente sono in corso lavori per estendere l’influenza della centrale e sfruttare al meglio l'energia marina, il fotovoltaico e il riutilizzo della produzione energetica in eccesso.
 

Fonte notizia: https://www.ciaoisolecanarie.com/


canarie | el hierro | turismo | sostenibile | ambiente | immersioni |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Domenico Scialla presenta il romanzo “Camminando verso l’oceano”


5 giorni ad Aruba, mini guida per un itinerario perfetto


Il Festival del Camminare all'Isola d'Elba


Crociere alle Canarie: la vacanza giusta per ogni età


Sviluppo della sostenibilità: la leadership e la catena di fornitura


Lampedusa tra natura e tradizione.


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

UN EDIFICIO RESIDENZIALE IN LEGNO MASSELLO DI CLASSE 5

UN EDIFICIO RESIDENZIALE IN LEGNO MASSELLO DI CLASSE 5
Nel centro storico di Bayreuth, a Baviera, holzius realizza una perla rara di bioedilizia urbana Nel centro storico di Bayreuth, a Baviera, dietro la sede del governo dell'Alta Franconia e di fronte al New Castle, VIDA HolzProjekt GmbH e holzius hanno costruito un complesso residenziale di classe 5, un edificio in legno innovativo e contemporaneo. L'edificio in Ludwigstrasse è una perla rara di bioedilizia urbana, un progetto che non passa inosservato per i molteplici aspetti di novit (continua)

IN VAL SARENTINO, UNA PERLA IN BIOEDILIZIA BY RUBNER HAUS

IN VAL SARENTINO, UNA PERLA IN BIOEDILIZIA BY RUBNER HAUS
Nel cuore dell’Alto Adige, attraverso una gola spettacolare lungo la strada che per il Passo di Pennes conduce a Vipiteno, si arriva in una valle magica, la Val Sarentino, dove due case gemelle in puro legno dominano l’omonimo paese completamente immerse nella natura: il bosco alle spalle e un immenso prato tutt’intorno. Abbarbicate su un terreno in pendenza, le due case sono tutt’uno con la (continua)

LEGNO DA VIVERE, IN CASA E IN UFFICIO

LEGNO DA VIVERE, IN CASA E IN UFFICIO
Porta la firma di holzius l’ampliamento della sede aziendale e la costruzione dell’abitazione privata di imprenditrice di storica falegnameria altoatesina Il futuro dell’edilizia è nel legno, il materiale più antico del mondo: lo sa bene Birgit Kager, amministratore delegato della storica falegnameria altoatesina Kager, che il legno ce l’ha nel dna di famiglia da 40 anni e che per l’ampliamento della sede aziendale e la costruzione della sua abitazione ha scelto holzius e la sua tecnica di costruzione che utilizza elementi in legno massello non (continua)

EXPO 2020 DUBAI: IL NUOVO PADIGLIONE AZERBAIGIAN SI ISPIRA ALLA NATURA

EXPO 2020 DUBAI: IL NUOVO PADIGLIONE AZERBAIGIAN SI ISPIRA ALLA NATURA
Il padiglione dell’Azerbaigian ad Expo 2020 Dubai è stato ideato, progettato e realizzato da Simmetrico Network, che sta sviluppando anche l’experience design e la produzione dei contenuti della mostra centrale; Il concept, Seeds for the Future, pone l’accento sul portare consapevolezza nei visitatori rispetto all’impatto delle loro scelte individuali: solo investendo nel futuro oggi, si può (continua)

UNA CASA IN PURA BIOEDILIZIA SULL’ANTICA VIA DEI BURCHIELLI

UNA CASA IN PURA BIOEDILIZIA SULL’ANTICA VIA DEI BURCHIELLI
Realizzata da Rubner Haus in dialogo tra architetture antiche e soluzioni moderne Nella piccola cittadina di Noventa, ultimo paese della Riviera del Brenta, sorge un piccolo gioiello di bioedilizia, una casa dalla personalità complessa che coniuga modernità della visione architettonica con la bellezza e la storia del luogo adorno di meravigliose ville cinque, sei e settecentesche e percorso dell’antico alveo naturale dell’omonimo fiume dove i nobili del posto, nel ‘700, pe (continua)