Home > Cibo e Alimentazione > “Come un giorno a Napoli” il nuovo spot di Rossopomodoro

“Come un giorno a Napoli” il nuovo spot di Rossopomodoro

articolo pubblicato da: peppebar | segnala un abuso

“Come un giorno a Napoli” il nuovo spot di Rossopomodoro
Sulle reti Mediaset da domenica 26 gennaio 2020 Presentato nella sala eventi del Megastore di Mondadori in Piazza Duomo a Milano, il Primo Spot in TV per Rossopomodoro dal Titolo “Come un giorno a Napoli” del Regista (Gothacom) Paolo Lobbia, con attore protagonista Orazio Cerino presenti in sala unitamente a Roberto Colombo Amministratore Delegato di Sebeto Spa di cui fa parte Rossopomodoro, Andrea Landini Responsabile marketing della direzione di New Business Publitalia e Marco De Marinis General Manager Gothacom. A moderare gli interventi è stata chiamata la P. R. di Rossopomodoro Clelia Martino. La forte campagna di comunicazione prenderà il via oggi domenica 26 gennaio 2020 ed andrà avanti sulle reti Mediaset per tre settimane. Lo Spot televisivo, in versione 30, 15 e 10 secondi, girato nei quartieri spagnoli della Napoli verace, rappresenta un invito a visitare i Rossopomodoro d’Italia e del mondo con tutta la napoletanità folcloristica, musicale ed ovviamente gastronomica che esprime divenendo “’o core ’e Napule dalla pizza alla città stessa”, culminando in un incantesimo tutto napoletano di un finale a sorpresa proprio “Come un giorno a Napoli”. Facendo rivivere con allegria, vicoli, panorami e tutto il bello che Napoli possiede con in primis la Pizza e la sua Gastronomia. Colombo, nel suo intervento ha annunciato anche lo sviluppo di locali di questo marchio perché la grande diffusione della pizza è stata esportata in tante città italiane e nel mondo dai 100 Rossopomodoro che vuole dire siamo presenti, ci siamo e continuiamo ad esserci. Per questo motivo, ha soggiunto l’amministratore delegato: “nei prossimi sei mesi apriremo locali in una città chiave italiana fra le prime 5 dello Stivale, in due zone di Milano, oltre che un altro esercizio nella stazione centrale di Milano, apriremo anche a Venezia Santa Lucia, poi anche a Malta e negli Stati Uniti e stiamo partecipando a gare per aperture anche in aeroporti”. Rossopomodoro, attraverso il suo amministratore societario, ha illustrato la nuova fase di sviluppo che a distanza di oltre 20 anni dalla nascita, dallo scorso anno intende affermarsi ancor più. Continuando Colombo, ha detto: “Quando un fondo di investimento inglese ha acquisito la totalità della maggioranza dell’azienda dai soci fondatori, ha annunciato una continuità affermando e confermando ancor più la leadership di Rossopomodoro come la pizzeria napoletana in Italia nel mondo. Poi dal 2018 si è cominciato a ripensare insieme al team marketing di Rossopomodoro Clelia Martino, Daniela e Simone provando a portar fuori Napoli tutto quello che questa città ha di buono e di bello. Da quella data si è pensato a ristrutturare i locali Rossopomodoro in Italia e nel mondo personalizzando e specializzando i menù ripensando ad abbellire il look dei locali aprendo o ristrutturando 16 locali. Quello che occorreva ora fare, per espandere gli 8 milioni di persone che già vengono nei nostri locali, era iniziare una campagna di diffusione della nostra immagine sui social che appunto parte dal 26 gennaio con lo spot di Rossopomodoro in tv e sarà un grande orgoglio per tutti coloro che ci lavorano, in modo anche da far vedere ad altre persone che ci vedono in tv, la nostra realtà e per mettere in mostra i nostri capisaldi in primis la pizza, ma non solo perché Rossopomodoro è anche cucina. Stiamo alzando il livello delle aspettative nei confronti dei nostri clienti ed andando in televisione dobbiamo essere sempre più attenti ad accoglierli. Per far questo abbiamo scelto di affiancarci a Publitalia e Mediaset perché crediamo che queste rappresentano la coerenza più forte con il nostro target di riferimento, che offre una grande diffusione super democratica, perché vanta una super diffusione sia nei centri città, che nei centri commerciali, sia nel mondo del travel, incrociando tutte le tipologie d’età”. Pubblicizzarsi in televisione attualmente rappresenta il miglior modo per presentarsi al pubblico nel minor tempo possibile ad un maggior numero di persone. Mediaset con i suoi 3 canali storici, Italia 1, Canale 5 e Rete Quattro, ai quali si aggiungono attualmente 15 canali tematici può vantarsi di aver tutti i giorni almeno il 30% fino al 35/37% di share. Lo spot di Rossopomodoro raggiungerà oltre 80 milioni di contatti con una frequenza calcolata di 5 passaggi per sinolo telespettatore con il 40% di Prime Time. Avrà così un processo di comunicazione veramente importante perché andrà in onda sui programma di sport, sulle news, su “Striscia la notizia” che ancor oggi fa 5.000.000 di ascolti tutte le sere, “C’è posta per te” il sabato sera seguito da 6.000.000 di spettatori, “Avanti un altro”, ”Uomini e Donne”, “Live non è la Durso” e tanti altri. A termine dei vari interventi succedutisi il gran numero di invitati che affollavano la sala, sono stati invitati a degustare gli ottimi finger food “aperitivo napoletano” elaborato da tre degli executive Chef che Rossopomodoro vanta, Massimo Passaretti, Michele Liguori e Girolamo Castaldo, costituito da: Baccalà con insalata di pomodori, patate, olive nere di Gaeta e Capperi di Ventotene; Baccalà fritto su pesto di basilico; Polpetta con contorno di friarilli del Vesuvio; Bruschetta rivisitata con fresella e pomodoro e Bruschetta con ricotta di bufala. Giuseppe De Girolamo

Rossopomodoro |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Di successo in successo per Teresa Iorio


Dal Pizza Village è partita la Pizza “Scegli Napoli”


19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


MARIGLIANELLA CONFERIMENTO RICONOSCIMENTO SPECIALE A ROSSOPOMODORO


NAPOLI CITTÀ DELLA CONVERSAZIONE


MARIGLIANELLA ENTRA NELLA STORIA DELLA PIZZA


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Il video del “Come fare la pizza a casa?” su Facebook ottiene oltre 500mila visualizzazioni

Il video del “Come fare la pizza a casa?” su Facebook ottiene oltre 500mila visualizzazioni
La pizza napoletana fatta in casa è una delle maggiori delizie di cui si può godere in questi giorni di vita casalinga. Lo ribadisce Francesco Di Ceglie della pizzeria “Il Monfortino”, reduce da successi e riconoscimenti prestigiosi. «Ho iniziato la carriera da pizzaiolo a 14 anni e dopo tanti sacrifici ho aperto con il socio Fabio Russo la pizzeria “Il Monfortino” a Centurano, una frazione di Cas (continua)

Battaglia (UNSA): "Grido di dolore, basta ammalati e morti nella PA" Lettera a Conte e Dadone: "Più controlli e sanzioni, il decreto non basta"

 Battaglia (UNSA):
"Dopo l’ennesima nota sulle inadempienze nel pubblico impiego inviata al Governo nella giornata di ieri, continuano a pervenire segnalazioni di assembramenti negli uffici pubblici". Lo afferma in una nota Massimo Battaglia, segretario generale della federazione Confsal-UNSA. "Il nostro è un grido di dolore e rabbia che aumenta giorno dopo giorno, perché abbiamo notizie di colleghi che continuano (continua)

Lucia Bosé ci ha lasciati colpita da Coronavirus

Lucia Bosé ci ha lasciati colpita da Coronavirus
Il ricordo di chi l’ha intervistata anni addietro Ancora una vittima illustre. Ricoverata all’ospedale di Segovia (Spagna) in seguito Covid -19, si è spenta Lucia Bosé, in una solitudine che certo, più di tanti, non avrebbe mai voluto si verificasse. Il figlio Miguel, dal Messico dove vive con due dei quattro figli, ne ha dato informazione su Twitter scrivendo “è già nel migliore dei posti". La (continua)

Dichiarazioni di Massimo Battaglia e Giuseppe Carbone su Coronavirus

Dichiarazioni di Massimo Battaglia e Giuseppe Carbone su Coronavirus
“Paese soffre, ma emergono sacrificio ed eccellenze di Sanità e funzioni centrali” «Mentre l’emergenza Coronavirus non dà tregua, i lavoratori dello Stato, da sempre bistrattati, stanno mettendo in campo le risposte più coraggiose che ci si possa aspettare, con grande spirito di sacrificio, nonostante i rischi e con grande professionalità, senso di responsabilità e dello Stato. Il nostro pensier (continua)

Portici si è arricchita di una pizzeria dalle radici storiche

Portici si è arricchita di una pizzeria dalle radici storiche
In piazza San Ciro, “Da Tonino Salvo”, troviamo la storicità della Pizza La pizza nasce da ingredienti semplici e da insegnamenti antichi che nel tempo, tramandarsi di generazione in generazione, solo dalle nostre parti, hanno saputo divenire scuola. Ad esempio Antonio e Sebastiano Salvo, rappresentano la quarta generazione di una attività di pizzaioli in espansione, i due maestri pizzaioli affer (continua)