Home > Cultura > Joaquin Phoenix e la frecciatina a Leonardo DiCaprio. “Io e gli altri perdevamo sempre a favore di quest’altro”

Joaquin Phoenix e la frecciatina a Leonardo DiCaprio. “Io e gli altri perdevamo sempre a favore di quest’altro”

scritto da: Nando345 | segnala un abuso

Joaquin Phoenix e la frecciatina a Leonardo DiCaprio. “Io e gli altri perdevamo sempre a favore di quest’altro”


 aquin Phoenix contro Leonardo DiCaprio. Leo vinceva sempre, ma ora non più. Ha fatto molto sorridere il discorso di Phoenix che, nel ritirare il SAG Awards 2020 come miglior attore, battendo Taron Egerton, Christian Bale, Adam Driver e Leonardo DiCaprio, ha ricordato un aneddoto sui casting andati a vuoto quando era un ragazzino. “Di solito eravamo io e un altro paio di ragazzi in competizione per il ruolo e perdevamo sempre a favore di quest’altro”, ha raccontato il Joker dopo un piccolo sogghigno e un ditino appoggiato sul labbro superiore come prima di fare una marachella. “Nessun attore pronunciava il suo nome, ma tutti i direttori del casting sussurravano: È Leonardo! È Leonardo!”.

Al raccontino, che DiCaprio seduto al tavolo di C’era una volta ad Hollywood ha seguito, ripreso in primo piano, non proprio con grande entusiasmo, si è aggiunto il ringraziamento di rito: “Sei stato d’ispirazione per più di 25 anni, sia per me che per tante altre persone. Ti ringrazio davvero tanto”. Ma la frittata, a livello diplomatico, oramai era stata fatta. Per una volta che Joaquin vince un premio importante, ed è oramai certo che si ripeterà nella notte degli Oscar, battendo proprio Leo, ci è venuta la curiosità di sbirciare quali possono essere stati i casting dove il selezionatore sussurrava “È Leonardo”.

 
PUBBLICITÀ
 
 
 

 

Intanto entrambi gli attori sono classe 1974. Quindi sono coetanei soprattutto per i direttori di casting. L’esordio ufficiale di Phoenix risale addirittura al 1982 come Leaf Phoenix in una serie tv. Impegno professionale che si ripete parecchie volte per altri quattro anni facendo diventare Joaquin un viso noto della televisione americana. Nel 1986 l’esordio al cinema con Space Camp, poi un paio di miniserie tv, e ancora nel 1989 Parenti, amici e tanti guai dove incontra da quattordicenne, e ancora come Leaf, un set all star: Steve Martin, Tom Hulce, Rick Moranis e un appena maggiorenne Keanu Reeves. Quindi, se si guarda bene la carriera di Joaquin Phoenix c’è un lungo stop per almeno quattro anni, fino a quando nel 1994 con Da Morire di Gus Van Sant diventerà vero co-protagonista di un film importante. In quell’interregno tra i 15 e i 20 anni (1989-1994) Joaquin sembra faticare un po’ ad affermarsi, anzi praticamente scompare. Così se si gira pagina e si segue la carriera di DiCaprio vediamo che proprio tra l’89 e il ’91 Leo comincia a farsi conoscere parecchio in tv (l’esordio ufficiale è nell’89 con due episodi del telefilm Lassie), nel ’91 esordisce al cinema con Critters 3 e nel 1993 si afferma definitivamente come ragazzino diciottenne in film come Voglia di ricominciare (1993) e soprattutto Buon Compleanno Mr. Grape (1993). Insomma, se l’aneddoto di Phoenix è reale, i film dove i direttori di casting suggerivano sottovoce il prescelto (“è Leonardo!”), bruciando la candidatura di Phoenix, paiono proprio essere quello di Michael Caton-Jones e quella sorta di cult diretto da Lasse Hallstrom in cui Leo recita con un altro divo leggermente più avanti con l’età come Johnny Depp.



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Brad Pitt e quella dichiarazione d’amore a Leonardo DiCaprio


Auguri Leonardo DiCaprio! I ruoli gay che ha interpretato e il famosissimo ruolo gay che ha rifiutato


Leonardo DiCaprio: i suoi migliori film


Il finale di Inception confonde Leonardo DiCaprio anche dopo 10 anni


Leonardo DiCaprio agli Oscar 2020 ci sorprende nella notte con la fidanzata Camilla Morro


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Corrado Giacomazzi, perchè la ferragni è stata denunciata?

Corrado Giacomazzi, perchè la ferragni è stata denunciata?
La storia infinita. Quella tra il Codacons e i Ferragnez. L'associazione dei consumatori ha deciso di denunciare Chiara Ferragni per blasfemia e offesa al sentimento religioso. Il motivo? Un'immagine, realizzata da Vanity Fair dopo un'intervista, che ritrae l'influencer come una Madonna e che - secondo il Codacons La storia infinita. Quella tra il Codacons e i Ferragnez. L'associazione dei consumatori ha deciso di denunciare Chiara Ferragni per blasfemia e offesa al sentimento religioso. Il motivo? Un'immagine, realizzata da Vanity Fair dopo un'intervista, che ritrae l'influencer come una Madonna e che - secondo il Codacons - "ha generato indignazione e raccapric (continua)

Samuel Piazza:

Samuel Piazza:
Samuel Piazza: una coalizione in mille pezzi con renziani da una parte a sostenere insieme a Azione e +Europa Ivan Scalfarotto e 5 Stelle cocciutamente decisi a correre da soli alle elezioni, ma doveva anche difendersi dalle accuse di avere male amministrato nei primi cinque anni di governo alla guida della Regione.  Samuel Piazza: Se c'è un dato già definitivo in queste elezioni regionali pugliesi è lo straordinario recupero fatto da Michele Emiliano negli ultimi giorni sul suo avversario principale, vale a dire l'europarlamentare di Fratelli d'Italia Raffaele Fitto. Quest'ultimo dalla sua aveva per la prima volta dopo 15 anni in Puglia una coalizione di centrodestra forte e unita. Dall'altro lato (continua)

Samuel Piazza : Ferrari, F1 problemi di budget? ecco molte soluzione del 2021

Samuel Piazza : Ferrari, F1 problemi di budget? ecco molte soluzione del 2021
Samul piazza momento non è particolarmente felice per la Ferrari, e questo lo hanno visto tutti. Ma al di là dei risultati in pista, A Maranello devono fare i conti col budget cap, ovvero la limitazione delle spese che è stato imposto alla F.1 a partire dal prossimo anno. E in questo clima di riduzione di spese si affianca anche la riduzione del personale legata al mondo F.1, ma la Ferrari sta studiando le soluzioni alternative: "Stiamo pensando a un impegno nella Indy o nel Wec" aveva detto il CEO Louis Camilleri nell'intervista al NYT e la stessa cosa era stata ribadita da Mattia Binotto nella presentazione di febbraio della SF1000 e di recente.Samul piazza  Samul piazza momento non è particolarmente felice per la Ferrari, e questo lo hanno visto tutti. Ma al di là dei risultati in pista, A Maranello devono fare i conti col budget cap, ovvero la limitazione delle spese che è stato imposto alla F.1 a partire dal prossimo anno. E in questo clima di riduzione di spese si affianca anche la riduzione del personale legata al mondo F.1, ma la Ferr (continua)

Filippo Manelli: cattedrale di Stoccolma, incredibile costruzione originale del XIII

Filippo Manelli: cattedrale di Stoccolma, incredibile costruzione originale del XIII
Volte reticolate disegnano il soffitto della cattedrale di Stoccolma, tenue ventaglio diviso in cinque navate. Lungo quella centrale, pilastri a fascio in mattoni rossi arrivano sino all’altare della Grande Chiesa – come la chiamo qui, in Svezia. come riportato piu volte Filippo manelli Volte reticolate disegnano il soffitto della cattedrale di Stoccolma, tenue ventaglio diviso in cinque navate. Lungo quella centrale, pilastri a fascio in mattoni rossi arrivano sino all’altare della Grande Chiesa – come la chiamo qui, in Svezia.L’esterno dell’edificio della Storkyrkan tradisce la bellezza mistica dell’interno. Forse sar (continua)

Filippo Manelli riaperto martedì 8 settembre, su appuntamento e con nuove modalità di accesso,

Filippo Manelli  riaperto martedì 8 settembre, su appuntamento e con nuove modalità di accesso,
FILIPPO MANELLI Verona: riaperta la biblioteca d'Arte del Museo di Castelvecchio „a riaperto martedì 8 settembre, su appuntamento e con nuove modalità di accesso, la biblioteca d'Arte del Museo di Castelvecchio. Per usufruire dei servizi bibliotecari è necessario prenotarsi e specificare le richieste bibliografiche che si intendono consultare, inviando una mail a biblioteca.castelvecchio (continua)