Home > Economia e Finanza > Prezzi dell'oro ancora sostenuti, domina la scena ancora il Coronavirus

Prezzi dell'oro ancora sostenuti, domina la scena ancora il Coronavirus

articolo pubblicato da: Elleny | segnala un abuso

I compratori spingono ancora il prezzo dell'oro, che ha toccato il livello più alto da due mesi a questa parte e non accenna a lasciare quota 1550 dollari l'oncia.

Il virus e i prezzo dell'oro

prezzo dell'oroMercoledì gli entusiasmi dei mercati sono stati congelati dall'Organizzazione mondiale della sanità, che ha minimizzato le notizie riguardo alla scoperta di nuove cure per le persone infette dal nuovo coronavirus. Gli investitori stanno valutando l'impatto economico di questa epidemia, mentre il bilancio delle vittime ha superato quota 500. E' chiaro che l'attenzione globale - così come quella dei mercati - sia tutta rivolta alle vicende sanitarie legate al virus, che può influenzare l'economia globale in modo forte, e quindi anche il prezzo dell'oro. Rimane però molto incerto l'ammontare dei danni che questa epidemia provocherà alle imprese e al PIL cinese (che ricordiamo, è la seconda potenza economica globale). Tutto questo fornisce un sostegno alle quotazioni dell'oro, considerato tradizionale bene rifugio dai mercati.

Investitori cauti

Il comportamento dei prezzi dell'oro, che viaggiano verso 1550 dollari l'oncia (si può vedere su qualunque piattaforma per trading online gratis), suggerisce che gli investitori stanno acquistando oro come copertura contro un potenziale massimo nel mercato azionario. L’oro potrebbe effettivamente continuare a crescere insieme alle azioni - come sta succedendo proprio in questi giorni - ma nel frattempo gli investitori aumentano i loro livelli di protezione, accumulando i classici safe haven.

Fattori frenanti per il lingotto

A limitare i guadagni del lingotto sono la decisione della Cina di dimezzare le tariffe sulle importazioni statunitensi. Pechino ha annunciato che dimezerà le tariffe aggiuntive applicate contro 1.717 beni statunitensi lo scorso anno, a seguito della firma dell'accordo di Fase 1. La dichiarazione afferma che la mossa è stata fatta al fine di “far progredire lo sviluppo sano e stabile del commercio tra Cina e Stati Uniti.

Va detto però che molti investitori hanno dato una diversa interpretazione alla cosa: la scelkta di Pechino infatti indica che la cina sta diventando più preoccupata per la sua economia, le sue attività e il suo PIL. E questo chiaramente sostiene i tori del metallo prezioso, che seguono le strategie trend following (breackout).. Anche i dati positivi provenienti dagli Stati Uniti, tra cui un aumento delle buste paga private e dell'attività nel settore dei servizi, hanno impedito ulteriori rialzi dell'oro.

oro | coronavirus | piattaforma per trading online | strategie trend following |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Prezzo del grano in volo (+6%) e la Russia deve fermare le esportazioni

Continua a marciare spedito il prezzo del grano, che nell'ultima settimana è schizzato di oltre il 6%. Un incremento che è diretta conseguenza del Covid-19. Infatti la diffusione della pandemia se da un lato ha scosso i mercati finanziari e azionari, dall'altra ha dato una spinta fortissima a quello dei beni di prima necessità, soprattutto i prodotti agricoli. La spinta al pr (continua)

Borse Europee toniche, la settimana si chiude con un altro rialzo

Le mosse dei governi e delle Banche centrali hanno dato un po' di respiro alle Borse europee, mentre Wall Street chiude con un bilancio pesante l'ultima seduta della settimana, complice il nuovo capitombolo del petrolio e le misure restrittive adottate a New York. L'andamento delle Borse Europee L'Europa ha vissuto un venerdì all'insegna degli acquisti, grazie allo stimolo della Bce che h (continua)

Costo del denaro, la mossa a sorpresa della FED non scuote le Borse

Costo del denaro, la mossa a sorpresa della FED non scuote le Borse
Arriva come una stoccata improvvisa la decisione della FED di tagliare il costo del denaro di 50 punti base. Powell ruba così la scena ai ministri del G7 con l'annuncio di una manovra accomodante, decisa all'unanimità dal board dell'istituto centrale americano. La Fed e il costo del denaro Quello che scuote i mercati non è tanto il taglio in sé, che porta il costo del (continua)

Rublo sempre più forte, toccati i massimi da aprile 2018 sul dollaro

L'anno è cominciato benissimo per il rublo russo, che aveva anche concluso bene il 2019, durante il quale aveva segnato un +10,5%. A premiare la moneta di Mosca è stato soprattutto l’andamento delle quotazioni del Brent, che ha beneficiato del clima di tensione tra USA e Iran. Ma un sostegno è arrivato anche dall'impennata dell'oro, metallo prezioso custodito in grandi (continua)

Azionario, il settore dell'healthcare potrebbe essere ancora tra i vincitori

Nel corso dell'ultimo anno il settore dell'Healthcare ha avuto degli alti e bassi, risultato alla fine tra i più deboli dell'intero panorama azionario. Tuttavia, ci sono alcuni spunti interessanti da cogliere. Azionario: confronto Healthcare mondiale e europeo Ovviamente quando parliamo di debolezza, facciamo riferimento a un concetto relativo, ovvero se paragonata a quella dell'intero az (continua)