Home > Arte e restauro > Milano Art Gallery: la donna nell’arte, la donna e l’arte con Parsi, Nugnes e Villa

Milano Art Gallery: la donna nell’arte, la donna e l’arte con Parsi, Nugnes e Villa

scritto da: Ufficio_stampa | segnala un abuso

Milano Art Gallery: la donna nell’arte, la donna e l’arte con Parsi, Nugnes e Villa


Appuntamento immancabile quello dell’8 marzo per la Milano Art Gallery che, come consuetudine, inaugurerà la mostra L’Arte delle donne. In via Alessi 11, nella storica sede di Milano, la rassegna verrà aperta alle 18 con la scrittrice, psicologa e psicoterapeuta Maria Rita Parsi, con il curatore di mostre ed eventi Salvo Nugnes e con il fotografo Roberto Villa, amico di Pier Paolo Pasolini e di Dario Fo.

L’evento, pensato per ospitare opere la cui tematica sia afferente all’universo femminile, non preclude a nessun artista la selezione. Questo perché più punti di vista diversi su questa tematica aiutano ad avere una visione ampia, permettono un confronto più ricco e stimolante. Dall’idealizzazione della figura femminile al suo sfregio, fino alla reinvenzione: ci si può ritrovare oppure no, l’importante sarà uscire dalla visita con un’esperienza in più da ricordare e raccontare. Con una speranza nel cuore. Salvo Nugnes, l’organizzatore della kermesse, ha infatti dichiarato di aver pensato L’arte delle donne come un incontro per e con le donne.

A sostegno di questa iniziativa si è schierata Maria Rita Parsi, che ha commentato: «È infatti per le donne e con le donne che il mondo può veramente cambiare aspetto. Il mondo parte come origine dal grembo della madre e gli uomini devono capire con amore, rispetto e ammirazione che quel punto di partenza va rispettato, ammirato, sostenuto, perché le cose possono effettivamente cambiare, perché si parte solo e sempre dalla madre». Essendo le donne la radice prima dell’esperienza di ciascun essere umano, occorre rivalutare in maniera adeguata il loro “peso”. Davanti a una violenza sulle donne sempre più dilagante, forse è proprio a partire dall’arte, da come viene vista e interpretata la donna, come si sente e si comporta lei stessa, che si deve prendere in mano la situazione. «Buon 8 marzo – conclude la Parsi – perché le donne e gli uomini capiscano che l’alleanza vera tra maschile e femminile, con il rispetto profondo dell’origine, della matrice, del femminile può cambiare le sorti del pianeta».

La mostra rimarrà aperta fino al 27 marzo 2020, tutti i giorni, eccetto la domenica, dalle 14.30 alle 19. Per informazioni è possibile chiamare lo 0424 525190, il 388 7338297 oppure scrivere a artfactory.eventi@gmail.com.

Arte delle donne | 8 marzo | salvo nugnes | maria rita parsi | milano art gallery | milano | mostra | arte contemporanea | roberto villa | festa delle donne |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Brad Pitt e Leonardo DiCaprio sembrano così dannatamente belli a Cannes, è quasi inquietante


Arteam Cup 2019, la mostra dei finalisti a Villa Nobel, Sanremo


CONCORSO INTERNAZIONALE DI POESIA "LA MIA TERRA


Su CityMilano.Com La Biografia Di Laura D’Amore


1^ EDIZIONE PROGETTO ARTISTI MAG: “Impressioni d’autore”


Milano Art Gallery: Salvo Nugnes, Maria Rita Parsi e Roberto Villa presentano Renata Bertolini


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Autori più attivi
Ottobre

Recenti

Stesso autore

Performance live dell’artista Gabriele Maquignaz al Forte dell’Annunziata di Ventimiglia

Performance live dell’artista Gabriele Maquignaz al Forte dell’Annunziata di Ventimiglia
Ventimiglia - Lo scorso 16 settembre, nell’incantevole cornice del Forte dell’Annunciata di Ventimiglia (attiguo al nuovo porto di Cala del Forte, che aprirà i battenti alle prime imbarcazioni già dalla metà del prossimo ottobre), nel pieno rispetto delle normative di sicurezza previste per l’emergenza sanitaria legata al Covid 19,  si è svolto “ Strategia di cooperazione transfrontalier (continua)

Alberoni, Cattaneo e Nugnes alla Pro Biennale parlano di amore e amicizia ai tempi del Covid

Alberoni, Cattaneo e Nugnes alla Pro Biennale parlano di amore e amicizia ai tempi del Covid
Continuano gli appuntamenti culturali all’interno della mostra Pro Biennale a Venezia. Infatti la giornata di domenica 2 agosto ha visto protagonista il grande Prof. Francesco Alberoni che ha intrattenuto il pubblico presente a Palazzo Ivancich, sede dell’esposizione, e quello collegato in diretta online con un interessante conferenza dal titolo “Amore, amicizia e…ai tempi del Covid”. Pr (continua)

Venezia: vernissage di Pro Biennale con Sgarbi e tanti vips

Venezia: vernissage di Pro Biennale con Sgarbi e tanti vips
L’arte e la cultura sono ripartite dopo il lungo periodo di blocco a Venezia, e lo hanno fatto con l’inaugurazione della mostra internazionale Pro Biennale presentata da Vittorio Sgarbi. Giovedì 23 luglio il Professore, infatti, ha dato il via all’esposizione insieme all’organizzatore della manifestazione Salvo Nugnes, curatore di mostre e grandi eventi, allo Spoleto Pavilion presso lo storico Palazzo Ivancich (Castello 4421), a pochi passi da Piazza San Marco. Il momento buio appena passato non ne ha ostacolato lo svolgimento, a dimostrazione del grande affetto del pubblico (continua)

101CAFFE’ partner di Pro Biennale: l’arte a Venezia riparte dopo la pandemia

101CAFFE’ partner di Pro Biennale: l’arte a Venezia riparte dopo la pandemia
A partire dal 23 Luglio fino al 7 Agosto 2020, Pro Biennale incontra Venezia, prestigioso appuntamento organizzato dal manager Salvo Nugnes, curatore di mostre e grandi eventi, a cura del noto critico d’arte Vittorio Sgarbi. Quest’anno più che mai l’evento artistico lancia un chiaro segnale: l’arte italiana riparte dopo la pandemia, proprio nella città lagunare che ospita la prima vera rasse (continua)

Con Pro Biennale Venezia riparte dopo il Coronavirus

Con Pro Biennale Venezia riparte dopo il Coronavirus
Il 2020 è l’anno della pandemia, ma è anche l’anno di Pro Biennale. A Venezia verrà senz’altro ricordato così. La mostra presentata da Vittorio Sgarbi nel cuore della città lagunare si terrà dal 23 luglio al 7 agosto. E lancia un chiaro segnale: l’arte italiana riparte proprio da qui, da questa rassegna d’arte contemporanea che, a detta del noto critico d’arte, è “l’unica, vera Biennale. Quel (continua)