Home > Ambiente e salute > POLIAMBULANZA: UNA ‘SENSORY ROOM’ PER LA RIABILITAZIONE DEI PAZIENTI CON DEFICIT NEUROLOGICI

POLIAMBULANZA: UNA ‘SENSORY ROOM’ PER LA RIABILITAZIONE DEI PAZIENTI CON DEFICIT NEUROLOGICI

articolo pubblicato da: F.Antonioli | segnala un abuso

POLIAMBULANZA: UNA ‘SENSORY ROOM’ PER LA RIABILITAZIONE DEI PAZIENTI CON DEFICIT NEUROLOGICI

Brescia, 17 febbraio 2020 –  Inaugurata oggi in Fondazione Poliambulanza nella nuova palestra del Dipartimento di Riabilitazione e serve per la rieducazione di chi è stato colpito da varie patologie come ictus, trauma cranico o malattie neurodegenerative.
“Scenari verosimili proiettati sulle pareti e sul pavimento invitano il paziente neurologico – che ha avuto un trauma cranico o è stato colpito da ictus o affetto da altre malattie neurodegenerative come la malattia di Parkinson – a interagire con stimoli visivi e acustici come fossero reali, per realizzare un compito, senza l’ausilio di occhiali o altri elementi estranianti – spiega Chiara Mulè, Direttore Dipartimento di Riabilitazione e Recupero Funzionale di Fondazione Poliambulanza -. Un sistema di analisi del movimento rileva il comportamento assunto e modifica le scene, per aumentarne il potere stimolante. In questo modo il percorso riabilitativo, oltre ad essere di grande efficacia, risulta personalizzato e anche molto divertente.” All’interno della palestra è stata attrezzata un’area dedicata alla valutazione dei disturbi del movimento attraverso una tecnologia che permettere interventi precisi, specifici e individualizzati.
Nel reparto è stato inoltre creato un vero e proprio ‘bilocale’ dotato di cucina e bagno, attrezzato, un vero e proprio appartamento di terapia occupazionale, in cui pazienti con esiti di ictus o altre malattie invalidanti e i familiari sono così messi nella condizione di affrontare, già in Ospedale, le difficoltà delle attività quotidiane e riacquisire autonomia grazie all’aiuto di un terapista occupazionale. Questo permette di verificare quali possono essere le soluzioni più funzionali per costruire quindi a casa un ambiente accessibile. A disposizione dei pazienti vi è anche un servizio di logopedia e neuropsicologia riabilitativa, per la diagnosi e terapia dei disturbi della comunicazione, del comportamento, della voce e della deglutizione.
“Questa iniziativa – commenta Simona Tironi, Vice Presidente della Commissione Sanità della Regione Lombardia – che ha il valore aggiunto di essere nata anche dalla generosità del nostro territorio, contribuirà a migliorare la qualità di vita dei pazienti con gravi lesioni neurologiche ed è un’occasione positiva anche in termini di sistema. Come riconfermato dal Piano sociosanitario 2019-2023 al quale stiamo lavorando, Regione Lombardia è attenta da tempo al tema della riabilitazione specialistica dopo eventi acuti cardio respiratori, neurologici e ortopedici. Sappiamo, infatti, che queste attività, specie quando effettuate precocemente, tempestivamente e nel setting assistenziale più appropriato, sono fondamentali per il più ampio recupero funzionale possibile e dunque per un reinserimento nella quotidianità che è fondamentale per i pazienti e i loro familiari.”
“I due terzi degli accessi nella nostra struttura riabilitativa – aggiunge Alessandro Triboldi, Direttore Generale di Fondazione Poliambulanza – sono correlati a deficit di tipo neuro-cognitivo, mentre la maggior parte dei pazienti ortopedici sono messi nelle condizioni di tornare nel proprio domicilio in tempi molto rapidi. Su queste basi abbiamo avviato un processo di ristrutturazione funzionale degli ambienti e di acquisizione di nuove strumentazioni, in cui è stato fondamentale il contributo dell’associazione Lapiada Bike.”

poliambulanza | sensory room | triboldi | riambilitazione | parkinson | ictus | brescia | simona tironi | news | novità | palestra | salute | ricupero |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Studio Nemawashi: Congresso SIFO primi dati sui nuovi anticoagulanti orali (NAO)


Lixiana lancio Italia edoxaban il nuovo anticoagulante di Daiichi Sankyo


Fibrillazione atriale, i pazienti diabetici e insulina aumenta rischio di ictus


You Should Update Escape Room Prop in Real Life


Congresso ASH 2017: Edoxaban efficace nel trattamento TEV pazienti oncologici


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

CORONAVIRUS, ARRIVA IL VADEMECUM PER GLI ORTODONTISTI

CORONAVIRUS, ARRIVA IL VADEMECUM PER GLI ORTODONTISTI
  Supporto telematico e appuntamenti in studio solo se indispensabile. Il Presidente SIDO Giuliano Maino: “Momento critico, ma trasformiamo la crisi in un’occasione.   Milano, 24 marzo 2020 – Videochiamate per valutare lo stato degli apparecchi, tutorial per provvedere alla riparazione fai-da-te e appuntamento in studio solo se necessario. Queste le direttive tr (continua)

POLIAMBULANZA: CORONAVIRUS, LA TESTIMONIANZA DI MICHELE

POLIAMBULANZA: CORONAVIRUS, LA TESTIMONIANZA DI MICHELE
 “I MEDICI DI POLIAMBULANZA MI HANNO SALVATO" Brescia, 19 marzo 2020 – La voce ancora stanca, ma la serenità è quella di chi ce l’ha fatta. “Mi hanno tolto l’ossigeno, sto per uscire!” – è così che esordisce il signor Michele, 41 anni, Consulente informatico forense e perito per 20 tribunali di Italia, tra cui quello (continua)

SIIA: ipertesi non sono a maggior rischio contagio di coronavirus

SIIA: ipertesi non sono a maggior rischio contagio di coronavirus
 Milano, 18 marzo 2020 – “Non esistono evidenze che associano l’ipertensione alla malattia COVID-19: se l’ipertensione fosse un fattore predisponente all’infezione da coronavirus dovrebbero esserci più pazienti ipertesi tra i malati COVID-19 rispetto a quanto osservato nella popolazione generale. Ad oggi, non ci sono prove che le persone con ipertensione s (continua)

CORONAVIRUS, SIIA: “NO ALLA SOSPENSIONE DELLA TERAPIA ANTIIPERTENSIVA”

Milano, 13 marzo 2020 – “I pazienti ipertesi non devono modificare o abbandonare la terapia antiipertensiva, che si è dimostrata nel corso del tempo in grado di proteggere le persone dal rischio di gravi complicanze cardiovascolari, quali l’infarto miocardico, lo scompenso cardiaco, la morte improvvisa e l’insufficienza renale”. È la raccomandazione dell (continua)

CORONAVIRUS: PARTE DA NAPOLI IL PONTE DELLA RICERCA FRA ITALIA E CINA

CORONAVIRUS: PARTE DA NAPOLI IL PONTE DELLA RICERCA FRA ITALIA E CINA
Napoli, 11 marzo 2020 – “Serve subito un protocollo nazionale per estendere l’impiego di tocilizumab nei pazienti contagiati da coronavirus e che si trovano in condizioni molto critiche. Il farmaco, utilizzato per la cura dell’artrite reumatoide, ha dimostrato di essere efficace nel trattamento della polmonite interstiziale causata dal Covid-19”. La richiesta viene da (continua)