Home > Libri > Laura Basilico presenta il romanzo “Per il tempo che resta”

Laura Basilico presenta il romanzo “Per il tempo che resta”

articolo pubblicato da: IlTaccuino | segnala un abuso

Laura Basilico presenta il romanzo “Per il tempo che resta”

 

Il Taccuino Ufficio Stampa

Presenta

 

Per il tempo che resta di Laura Basilico

La scrittrice milanese Laura Basilico presenta “Per il tempo che resta”, un romanzo distopico ambientato nella Milano contemporanea che racconta in presa diretta l’Italia dello scontento di questi ultimi anni. Una vicenda volutamente provocatoria ed esasperata, spesso politicamente scorretta, con personaggi dei quali sarà di volta in volta quasi inevitabile indossare i panni, tanto si sentiranno vicini al proprio vissuto. Una storia drammatica che contiene in sé il seme della fatalità, e che analizza con pungente realismo la complessità degli esseri umani.

 

Titolo: Per il tempo che resta

Autore: Laura Basilico

Genere: Distopia politico-sociale

Casa Editrice: Il Seme Bianco

Collana: Magnolia

Pagine: 176

Prezzo: 15,90

Codice ISBN: 978-88-3361-168-6

 

«I minuti trascorrono, dieci, trenta, un’ora, forse due. Non mi muovo. Mi hanno colato il gesso dell’orrore addosso, si è asciugato e sono una statua. Dimentico l’orologio, anche quello da polso, non mi interessa. Il tempo ormai è invischiato in un quadrante liquefatto alla Dalì, non scorre e io non ne faccio parte […]».

 

Per il tempo che resta di Laura Basilico si apre su un episodio di terrorismo mai accaduto in Italia, ma purtroppo vicino a una possibile realtà, per raccontare – o meglio sezionare – il comportamento dell’essere umano all’alba di una tragedia che coinvolge la società a cui appartiene. Con ritmo sostenuto e una vocazione alla cronaca secca e tagliente, l’autrice immagina uno scenario drammatico in cui lo stadio Meazza a Milano viene distrutto da una serie di potenti esplosioni. In un evento da fine del mondo seguiamo una dei protagonisti, Sara, intenta a scappare da un disastro di corpi ridotti in brandelli e fumo che brucia i polmoni; la donna si trova su una rampa dello stadio che le ricorda l’imbuto dantesco, e proprio all’inferno viene gettato il lettore, un inferno tanto vicino che si può quasi toccare e annusare. Il romanzo è il resoconto crudo e spietato dei giorni successivi a un attentato terroristico, osservati con gli occhi scaltri di una scrittrice che non è interessata a fare becero sensazionalismo ma vuole invece penetrare nell’anima di uomini e donne immersi nel proprio ego e nella propria autoconservazione. Sara, Dylan, Claudio e Barbara si trovano alle prese con il loro vero Io, che non combacia esattamente con l’idea che avevano di loro stessi. Per il tempo che resta è infatti un romanzo in cui niente è come sembra – a partire dalle possibili motivazioni dei terroristi - e in cui le certezze si sgretolano sotto gli occhi attoniti dei protagonisti tanto quanto lo stadio che poco prima era il luogo in cui sentirsi al sicuro. Laura Basilico mette a nudo l’anima dei suoi personaggi, la espone al giudizio impietoso dei lettori e nel mentre fa riflettere su quanto noi stessi siamo abili a nasconderci, e a non accettare la responsabilità delle nostre azioni. Sara è una donna vigliaccamente in fuga vittima di un assurdo fraintendimento su scala nazionale, Dylan è un uomo che non ha mai davvero afferrato la vita ma se l’è lasciata scorrere tra le dita, Claudio vive in un sottovuoto emozionale in cui non può penetrare neanche un granello di felicità, Barbara – come tutti gli esseri umani– vuole disperatamente fare la differenza. Tante sfaccettature di un’umanità al limite, scossa e percossa, autentica quanto basta da provocare empatia quanto disapprovazione. Sara è il vero cuore di questa storia, una donna piena di contraddizioni colta in un momento di smarrimento: “ho assoluto bisogno di sapere perché tutto se ne va in malora, qual è la mia parte di colpa nel declino”. E proprio di declino si parla in questo romanzo, delle derive di un’umanità che non trova più appigli, e di una società che condanna senza appello, che crocifigge senza prove, con la solerte complicità dei famigerati leoni da tastiera.

 

TRAMA. Milano, aprile 2012. Nel corso del derby in notturna Milan-Inter, una spettatrice si allontana apparentemente senza fretta dallo stadio Meazza. Pochi istanti dopo, una raffica di potentissime esplosioni scuote l’impianto, provocando una carneficina. Come mai la donna è uscita proprio in quel momento? E per andare dove? È parte attiva o a sua volta vittima dell’attentato? In una città scossa e spettrale, a queste domande cercheranno di trovare risposta il marito, l’ex fidanzato e una blogger d’assalto. Impresa non facile, in una vicenda dove niente è come sembra e neppure i terroristi sono quelli che tutti si aspettano.

 

 

L’AUTRICE È DISPONIBILE A RILASCIARE INTERVISTE

Per richiedere e/o prenotare intervista

iltaccuinoufficiostampa@gmail.com

 

 

BIOGRAFIA. Laura Basilico è nata a Milano nel 1967. Nel 2008 pubblica per Robin Edizioni il suo primo romanzo “Come un tuono in cerca di pioggia”. Nel 2013 pubblica per Demian Edizioni “Sotto assedio”, un thriller sotto mentite spoglie incentrato sulle difficoltà professionali e familiari di una giovane madre affetta da una grave forma di depressione post parto. Nel 2016 esce per Edizioni Helicon “Donne che conosco”, una raccolta di racconti al femminile che di rosa hanno pochissimo, vincitrice del Premio “Città di Como” 2016 e seconda classificata al Premio “Lago Gerundo” 2016. “Per il tempo che resta” (Il Seme Bianco, 2019) è il suo ultimo romanzo.

 

LA CASA EDITRICE. Il Seme Bianco è una casa editrice del Gruppo LIT che mira a dare voce e a valorizzare autori emergenti ed esordienti, al fine di dare spazio alla potenzialità creativa e alla sperimentazione espressiva che spesso non trovano ascolto in circuiti editoriali più paludati. Pubblica libri di narrativa generale, noir, gialli, saggi, fantasy e raccolte di racconti. Il filo conduttore che unisce i diversi generi è la passione per la scoperta. Scoperta di una particolare visione, di un punto di vista originale che permetta al lettore di curiosare in territori “altri”, siano essi geografici, sociali, generazionali, storici, psicologici, distopici, spirituali.

 

 

Contatti

https://www.linkedin.com/in/laura-basilico-8412b156/

https://www.facebook.com/laura.basilico.1

http://www.ilsemebianco.it/

 

Link di vendita

http://www.ilsemebianco.it/collana/magnolia/per-il-tempo-che-resta/

https://www.amazon.it/tempo-che-resta-Laura-Basilico/dp/883361168X

 

IL TACCUINO UFFICIO STAMPA

Via Silvagni 29 - 401387 Bologna - Phone: +393396038451

Sito: https://iltaccuinoufficiostampa.com/

Facebook: www.facebook.com/iltaccuino.ufficiostampa/

Mail: iltaccuinoufficiostampa@gmail.com

 

 

 

Per il tempo che resta | Laura Basilico | romanzo | Il Seme Bianco | scrittore | libri | attentato | terrorismo | hate speech | esposizione mediatica | Il Taccuino ufficio stampa | ufficio stampa |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Intervista di Alessia Mocci a Francesco S. Mangone: vi presentiamo “La spazzola dell’ingegnere”


Intervista di Alessia Mocci a Marco Incardona ed al suo Domande al silenzio


Intervista di Alessia Mocci a Giancorrado Barozzi: vi presentiamo “Utopia Selvaggia”


Darcy Ribeiro e il romanzo utopico: la prefazione di Giancorrado Barozzi del romanzo Utopia selvaggia


Un romanzo femminista del primo Novecento


Intervista di Alessia Mocci a Federico Li Calzi, autore del romanzo Nove periodico


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Adriano Di Gregorio presenta il romanzo “La festa di matrimonio”

Adriano Di Gregorio presenta il romanzo “La festa di matrimonio”
  Il Taccuino Ufficio Stampa Presenta   La festa di matrimonio di Adriano Di Gregorio Lo scrittore siracusano Adriano Di Gregorio presenta “La festa di matrimonio”, un nuovo poliziesco con protagonisti il vicequestore aggiunto Damiano Battaglia e l’ispettore Concetto Spanò, già conosciuti nelle precedenti opere dell’autore. Un intricato romanzo (continua)

Mauro Mogliani presenta il romanzo “Ombre dal passato”

Mauro Mogliani presenta il romanzo “Ombre dal passato”
  Il Taccuino Ufficio Stampa Presenta   Ombre dal passato di Mauro Mogliani Lo scrittore marchigiano Mauro Mogliani presenta “Ombre dal passato”, una nuova storia con protagonista l’ispettore Piero Nardi, già conosciuto e apprezzato nei precedenti romanzi dell’autore. Un thriller psicologico in cui si analizzano le conseguenze di un forte trauma su una (continua)

Damiano Leone presenta il romanzo “Il Guaritore”

Damiano Leone presenta il romanzo “Il Guaritore”
  Il Taccuino Ufficio Stampa Presenta   Il Guaritore di Damiano Leone Lo scrittore triestino Damiano Leone presenta “Il Guaritore”, la storia del primo crononauta, Mark Sachs, che grazie a tecnologie futuristiche avrà la possibilità di viaggiare indietro nel tempo, fino a duemila anni prima della sua epoca. E ciò che troverà in un sepolcro sul (continua)

Vladimiro Bottone presenta il romanzo “Non c’ero mai stato” (Neri Pozza, 2020)

Vladimiro Bottone presenta il romanzo “Non c’ero mai stato” (Neri Pozza, 2020)
  Il Taccuino Ufficio Stampa Presenta   Non c’ero mai stato di Vladimiro Bottone Lo scrittore napoletano Vladimiro Bottone presenta “Non c’ero mai stato”, la storia dell’incontro tra Ernesto Aloja, un editor in pensione che ha vissuto una vita a metà dedicandosi alle ambizioni degli altri, e Lena Di Nardo, una ragazza che di vite ne ha vissute ta (continua)

Marina Balbo presenta l’opera “Cibo amico, cibo nemico. Un interminabile conflitto. EMDR: la soluzione possibile”

Marina Balbo presenta l’opera “Cibo amico, cibo nemico. Un interminabile conflitto. EMDR: la soluzione possibile”
  Il Taccuino Ufficio Stampa Presenta   Cibo amico, cibo nemico di Marina Balbo Marina Balbo presenta “Cibo amico, cibo nemico. Un interminabile conflitto. EMDR: la soluzione possibile”, in cui tratta, grazie alla sua pluridecennale esperienza medica nel campo dei disturbi dell’alimentazione, tutti quegli aspetti riguardanti il mondo dell’alimentazione e lo f (continua)