Home > Cultura > Gioventù per i Diritti Umani al Carnevale Multiculturale di Pace di San Donato

Gioventù per i Diritti Umani al Carnevale Multiculturale di Pace di San Donato

articolo pubblicato da: carletta | segnala un abuso

Gioventù per i Diritti Umani al Carnevale Multiculturale di Pace di San Donato
Domenica 16 Febbraio il Carnevale Multiculturale di Pace ha animato le vie e le piazze del centro commerciale “San Donato” nel quartire di Novoli. Come ogni anno, ormai da diversi anni, molte associazioni di volontariato hanno sfilato insieme in un mix di colori, suoni, danze, etnie diverse, razze diverse, diverse religioni all'insegna dell'integrazione e del rispetto fra i popoli della terra portando il loro messaggio di pace. Anche quest'anno come lo scorso, l'Associazione Gioventù per i Diritti Umani ha avuto l'onore di aprire la sfilata insieme ad altre associazioni. I Volontari hanno sfilato in gruppo sorreggendo lo striscione con lo slogan “ Cosa sono i diritti umani? Scoprilo” mentre i bambini della comunità musulmana, all'insegna della collaborazione e integrazione, sventolavano le locandine consegnate loro dalla Associazione Gioventù per i Diritti umani. Ogni locandina rappresenta un Diritto Umano e vi è raffigurato un bambino, uno per ogni diritto della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani sancita dall'ONU nel 1948, in tutto 30. Il corteo ha sfilato nelle strade e piazze della cittadella universitaria di Novoli giungendo alla piazza del centro commerciale dove era stato allestito il palco per l'esibizione di ogni gruppo. All'insegna dei Diritti Universali “ Libertà di Pensiero” e “ Libertà di Espressione” i gruppi e le associazioni sono saliti a turno sul palco dove hanno potuto liberamente affermare, attraverso le loro esibizioni, la loro cultura, razza, religione e pensiero, molto toccante l'intervento di due ragazzi cileni, quasi un urlo di denuncia per ciò che sta succedendo al loro popolo in America Latina Gioventù per i Diritti Umani era presente in uno stand con un tavolo informativo dove era esposto materiale informativo. I volontari hanno donato al pubblico presente oltre 500 opuscoli per far conoscere i diritti umani e la Dichiarazione Universale degli Stessi. La maggior parte delle persone conosce la libertà di parola e di religione, ma pochissimi conoscono tutti i 30 diritti della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Se più persone conoscessero ed insistessero sul rispetto dei propri diritti, il mondo sarebbe molto più pacifico e civile. L'ambizioso progetto della campagna Gioventù per i Diritti Umani è quello di istruire più persone possibile sul tema dei diritti umani, lo scopo è quello di portare ogni persona di questo pianeta ad un maggiore riconoscimento dei propri diritti umani con un conseguente miglioramento della propria vita e quella degli altri. Gioventù per i Diritti Umani ringrazia tutte le Associazioni che hanno partecipato al Carnevale di Pace al Centro Commerciale San Donato e che insieme hanno voluto rafforzare l'unione e la fratellanza fra i popoli che dovrebbe essere accomunata proprio dal rispetto dei Diritti Umani Universali “I Diritti Umani Devono Essere Resi Un Fatto Non Un Sogno Idelaistico” L. Ron Hubbard http://it.youthforhumanrights.org

diritti umani | dichiarazione universale |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Ritorna “Ozi di Capua”. Dal 19 al 28 Luglio 2013 un calendario ricco di eventi


Ozi di Capua, un successo il primo week end: migliaia di visitatori in città.


UNITI PER I DIRITTI UMANI - Speciale presentazione tenuta presso la Chiesa di Scientology di Milano


UNITI PER I DIRITTI UMANI - Speciale presentazione tenuta presso la Chiesa di Scientology di Milano


Diritti Umani: ricordare le vittime dell'olocausto


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

In Colorado, dove la cannabis è legale, si muore di più per overdose di stupefacenti

In Colorado, dove la cannabis è legale, si muore di più per overdose di stupefacenti
I volontari della Chiesa di Scientology si impegnano per fermare l’epidemia di morti per overdose in Colorado (dove la marijuana è stata legalizzata nel 2014) informando i giovani prima che ne facciano uso. "Lo scorso anno sono morti più cittadini del Colorado per overdose di droga rispetto a qualsiasi anno precedente nella storia dello stato." Questo è solo uno dei tanti titoli di giornale pubbl (continua)

L’importanza di promuovere una vita senza droghe

L’importanza di promuovere una vita senza droghe
I giovani ascoltano gli atleti professionisti, e loro possono usare questo potere per incoraggiarli a vivere senza droghe. Quando chiediamo ai bambini chi ammirano di più, le risposte sono spesso riferite a personaggi dello sport. Ecco perché gli atleti professionisti sono i partner perfetti per “Un Mondo Libero dalla Droga”, la campagna di prevenzione contro gli stupefacenti sostenuta dalla Chie (continua)

La campagna di Gioventù per i Diritti Umani adottata da migliaia di insegnanti

La campagna di Gioventù per i Diritti Umani adottata da migliaia di insegnanti
Gioventù per i diritti umani fornisce materiale didattico agli insegnanti della NEA (National Educators Association). La National Educators Association (NEA) è la più grande organizzazione di impiegati professionisti degli Stati Uniti, con membri di tutti i livelli di istruzione. Molti insegnanti nel campo degli studi sociali, della storia, del governo e altri campi sono alla ricerca un modo vali (continua)

I volontari della campagna La Verità sulla Droga pianificano la loro attività per il dopo Coronavirus

I volontari della campagna La Verità sulla Droga pianificano la loro attività per il dopo Coronavirus
I volontari di “Un Mondo Libero dalla Droga” non si fanno bloccare dal Coronavirus, si danno da fare pianificando distribuzioni di opuscoli informativi sugli stupefacenti in tutta la regione Toscana, lezioni gratuite nelle scuole e partecipazione ad eventi popolari, non appena l’emergenza Covid-19 permetterà loro di riprendere questa importante campagna informativa, poiché i pericoli delle droghe (continua)

Il COVID-19 e la campagna La Verità Sulla Droga

Il COVID-19 e la campagna La Verità Sulla Droga
I volontari dell’associazione “Un Mondo Libero dalla Droga” si organizzano per il dopo coronavirus, pianificando eventi ed interventi nelle scuole per diffondere i loro materiali informativi La maggior parte delle informazioni che si sentono sulle droghe derivano da chi le vende o le spaccia, e che sicuramente è ben lungi dal mettere in guardia il cliente dai possibili danni che le droghe faran (continua)