Home > Altro > LA VAL DI FIEMME E IL SUO LEGNO, UNA STORIA IN MUSICA

LA VAL DI FIEMME E IL SUO LEGNO, UNA STORIA IN MUSICA

scritto da: Newspower | segnala un abuso


La Val di Fiemme, in Trentino, è famosa nel mondo per il suo legno di risonanza

Da qui si ricava il materiale per produrre pianoforti, violini, chitarre e altri strumenti a corda

L’abete rosso della Foresta demaniale di Paneveggio venne scelto da Antonio Stradivari

Il legno della Foresta è certificato PEFC nel rispetto dell’ambiente

 

 

Le foreste e il legno sono senza dubbio uno dei simboli della Val di Fiemme, una caratteristica ben visibile anche dallo Stadio del fondo di Lago di Tesero, “casa” del Tour de Ski e dei Campionati del Mondo di Sci Nordico 2013, insieme al vicino Stadio del Salto di Predazzo.

Per realizzare i pannelli strutturali e i rivestimenti del Centro del Fondo, infatti, sono stati utilizzato circa 800 metri cubi di legname, interamente locale dato che è stato fornito dalla Magnifica Comunità di Fiemme (un’istituzione che ricopre diverse attività sociali, politiche, economiche e culturali sul territorio) e dal Comune di Tesero.

Da sottolineare non è solo l’importanza di aver utilizzato risorse autoctone, ma anche la qualità della materia prima, la Magnifica Comunità ha infatti ottenuto per prima in Italia (nel 1997) la certificazione FSC per il proprio legname, alla quale si aggiunge la certificazione PEFC del 2007, che garantisce la sostenibilità eco-ambientale della filiera produttiva.

La qualità del legname, il rispetto per la natura e l’importanza delle foreste sono elementi che caratterizzano anche la Foresta demaniale di Paneveggio, situata in Valle di Fiemme sul confine con la Valle di Primiero, la quale si estende per circa 2.800 ettari.

La Foresta di Paneveggio fa interamente parte del Parco Naturale di Paneveggio/Pale di San Martino, un’area protetta istituita nel 1967, che include aree molto diverse, tra cui appunto il gruppo dolomitico delle Pale di San Martino situato nella provincia di Trento (una parte si estende anche nella vicina provincia di Belluno) e il settore orientale del massiccio del Lagorai.

Oltre alla sua bellezza paesaggistica e al proprio valore naturale, la Foresta di Paneveggio vanta anche un’altra caratteristica importante per la quale è famosa in tutto il mondo. Si tratta dell’abete rosso di pregiata qualità, che porta alla selezione di una tipologia particolare di legno, il legno di risonanza, che viene utilizzato nella fabbricazione di strumenti musicali. Si narra che il liutaio Antonio Stradivari in persona si recasse in Val di Fiemme per scegliere gli abeti adatti alla tavola armonica dei suoi violini, e ancora oggi la zona è famosa per la qualità del proprio legno, tra le migliori al mondo per la produzione degli strumenti a corda.

L’86% della superficie boschiva della Foresta di Paneveggio è ricoperta da abete rosso, che grazie al clima particolare e alle temperature ottimali della zona riesce a crescere lentamente e in modo costante, sviluppando tutte le migliori caratteristiche.

Il legno di risonanza si ricava dagli abeti rossi di almeno 150 anni d’età, con un diametro del fusto maggiore al mezzo metro e, nel rispetto dei ritmi della natura, l’abbattimento avviene soltanto nei periodi di luna calante. Il legno di risonanza, prodotto in quantità limitate (ad esempio da 4.000 m cubi tagliati, ovvero circa 2.000 piante, se ne ricava l’1%), è scelto fin dal ‘700 dai liutai di tutto il mondo per essere poi lavorato nell’industria musicale, e negli anni gli abeti rossi della Val di Fiemme sono diventati violini, ma anche pianoforti, viole, violoncelli e contrabbassi, meritandosi l’appellativo di “alberi che suonano”.

A rendere speciale il legno della Foresta demaniale di Paneveggio sono le sue qualità chimico-fisiche, anatomiche, meccaniche e acustiche, che lo rendono la “punta di diamante” della foresta.

Oltre alla Foresta demaniale di Paneveggio il Trentino comprende molti altri territori boschivi di pregio, le foreste ricoprono oltre la metà del suo territorio e, in particolare, il legno di risonanza è per tutto il territorio un importante elemento culturale di identità e promozione.

Info: www.fiemme2013.com



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

FIEMME 2013 IN VETRINA A MILANO LA LITTIZZETTO: “POLITICI FATE FONDO E SCHIATTATE…”


VAL DI FIEMME IMBIANCATA E CIELO TERSO, I MONDIALI SI PRESENTANO AL FORUM NORDICUM


FIEMME 2013 E PANATHLON INTERNATIONAL INSIEME VERSO I CAMPIONATI DEL MONDO


AMBASCIATORI E AMICI DELLA VAL DI FIEMME, IL VIAGGIO MONDIALE VERSO IL 2013 CONTINUA


“TUTTO ESAURITO” A “CASA TRENTINO-FIEMME 2013” DI OSLO. CALAMITA DI VIP, MEDIA, CAMPIONI E GENTE COMUNE


FIEMME 2013 NELLA “CASA DELLO SPORT”, PRESENTAZIONE AL CONI CON PETRUCCI


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

SKIRI TROPHY XCOUNTRY SU RAI SPORT. GIOVANI FONDISTI PROTAGONISTI IN TV

SKIRI TROPHY XCOUNTRY SU RAI SPORT. GIOVANI FONDISTI PROTAGONISTI IN TV
In Val di Fiemme 38.a edizione dello Skiri Trophy XCountry Rai Sport trasmetterà l’evento il 1° febbraio alle ore 17.25 e giovedì 3 alle 22.15 Sagmeister e Trettel primi tra gli U10, Carletto e Gaole negli U12 Successi di Gismondi e Conti nel Revival, Forneris e Calzà (U14), Gautero e Pozzi (U16) Il ‘mundialito’ dedicato ai giovani fondisti, andato in scena lo scorso weekend con la 38.a edizione dello Skiri Trophy XCountry al Centro del Fondo di Lago di Tesero (TN), è tutto da rivivere sui canali Rai Sport martedì 1° febbraio alle ore 17.25 e giovedì 3 febbraio alle ore 22.15. A commentare le gare sarà il giornalista RAI Gianfranco Benincasa con il supporto dell’ex fondista ed ora skiman d (continua)

10 ANNI DI "STORY" TRA PRESENTE E PASSATO. AL VIA LE "STARS" DI MARCIALONGA

10 ANNI DI
Quasi 300 iscritti per la ‘Story’, il revival di Marcialonga al via sabato 29 Presenti Albarello, Ianeselli, Gilmozzi, Cavada e De Godenz Poi largo alle ‘Stars’ per sostenere l’Associazione LILT Marcialonga in onda su SKY nelle giornate di sabato, domenica e lunedì Cicerone diceva: “La storia è testimonianza del passato, luce di verità, vita della memoria e maestra di vita…”. La Story… la fa ancora una volta Marcialonga, e in Val di Fiemme e in Val di Fassa il concetto di tradizione e di rievocazione del passato è ben radicato negli animi della gente di queste due valli e nello spirito della ski-marathon più amata dagli italiani e non solo. Ad anticipare l’e (continua)

SENATORI A VITA, MARCIALONGA PER SEMPRE. I CAMPIONI DEL DOUBLE POLING “SOGNANO”

SENATORI A VITA, MARCIALONGA PER SEMPRE. I CAMPIONI DEL DOUBLE POLING “SOGNANO”
9 i senatori a vita di Marcialonga, 4 le hanno portate a termine tutte Per i più forti niente sciolina, tutti i 70 km in scivolata spinta Pronostici difficili, Gjerdalen e Britta Johansson sognano, Ida Dahl ci conta Marcialonga: «Una cavalcata di uomini contro il logorio della vita moderna» Marcialonga, edizione numero 49, quella del 2022 è già pronta a scendere in pista, una pista realizzata con fatica e sudore in un’annata parca di neve. Domenica 30 gennaio ne vedremo delle belle, ma la Marcialonga lungo i 70 km che solcano la Val di Fassa e la Val di Fiemme ha sempre regalato emozioni, spettacolo e scorci agonistici di primo piano.Ogni edizione ha avuto il suo leit-motiv, questa v (continua)

GF DOBBIACO-CORTINA ALLO … ZAFFIRO. 4 SENATORI AL VIA PER LA 45.a EDIZIONE

GF DOBBIACO-CORTINA ALLO … ZAFFIRO. 4 SENATORI AL VIA PER LA 45.a EDIZIONE
45° anniversario per la Granfondo Dobbiaco-Cortina, più di mille gli iscritti Al via i senatori Bergmann, Bachmann, Dall’O e Walder Sabato 5 febbraio 42 km in classico, domenica 32 km in skating Iscrizioni online fino a mercoledì 2 febbraio Lo zaffiro è una pietra preziosa dal colore blu con sfumature celesti, gli stessi colori che troviamo nello stemma della Granfondo Dobbiaco-Cortina. La lunga storia della granfondo inizia il 3 aprile 1977, data della prima edizione, e nel 2022 il presidente Herbert Santer e il vice Igor Gombac celebrano la 45a edizione, in programma il 5-6 febbraio. La pietra dello zaffiro, che simboleggia anche i (continua)

LOTTA SUGLI SCI PER GLI SCOIATTOLINI. LO SKIRI TROPHY SULLE ALPI… MARITTIME

LOTTA SUGLI SCI PER GLI SCOIATTOLINI. LO SKIRI TROPHY SULLE ALPI… MARITTIME
Combattute gare a Lago di Tesero nella seconda giornata dello Skiri Trophy SC Alpi Marittime sugli scudi soprattutto con Luna Forneris e Carlotta Gautero Nicolò Calzà difende l’onore di casa, bis di Pozzi figlio d’arte Va in archivio la 38.a edizione con un nuovo successo “Più dura è la battaglia, più dolce è la vittoria” scrisse Les Brown. E oggi a Lago di Tesero in Val di Fiemme nessuno degli “scoiattolini” si è tirato indietro. Luna Forneris, Nicolò Calzà (U14), Carotta Gautero e Federico Pozzi (U16) il motto di De Coubertain ‘l’importante è partecipare’ proprio non lo considerano. Sono loro, e con entusiasmo, i vincitori delle quattro gare di oggi del 38° Skiri (continua)