Home > Cultura > Gioventù per i Diritti Umani partecipa al Carnevale di Pace Multiculturale di Firenze

Gioventù per i Diritti Umani partecipa al Carnevale di Pace Multiculturale di Firenze

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Gioventù per i Diritti Umani partecipa al Carnevale di Pace Multiculturale di Firenze


Tolleranza, integrazione, no al razzismo, musica, danza, tradizione, costumi, colori e divertimento. Questi i temi che ormai da cinque anni ispirano il “Carnevale di Pace”, la manifestazione multiculturale e multietnica organizzata dall’Associazione “Piazza San Donato” di Firenze che si è tenuta domenica 16 febbraio 2020.

Ecco le comunità e le associazioni che hanno partecipato quest’anno:

·         Scuola Assalam Comunità araba

·         Laboratorio permanente per la PACE

·         Associazione Gioventù per i diritti umani

·         Emergency Firenze (da confermare)

·         Associazione Capoverdiana em Florença

·         Manos Unidas Toscana Rep. Dominicana

·         Associazione Colombia ES Onlus

·         Compagnia KOLOS Ucraina

·         Associazione culturale Viva el Perù Firenze

·         Danza Folklorica Sin Fronteras Bolivia

·         Associazione culturale giapponese IROHA

·         Rythme Afro Firenze

·         Scuola di SAMBA na Italia

·         Casa do Brasil em Florença

·         Batucada Agogò

·         Scuola di ballo Latin Lab Firenze

La partecipazione dei fiorentini è stata calorosa e numerosa, la piazza del Centro San Donato era gremita di bambini e di adulti che hanno assistito alle esibizioni delle associazioni culturali di diverse nazionalità. Ma la manifestazione era iniziata nel primo pomeriggio con la coloratissima sfilata di tutti i gruppi folkloristici attraverso le strade interne della zona residenziale, per terminare nella piazza ovale del centro commerciale.

In un momento storico dove gli episodi di intolleranza legati al razzismo sono protagonisti nelle cronache dei giornali, queste manifestazioni che uniscono la multiculturalità all’intrattenimento veicolano un messaggio ben preciso: le comunità degli immigrati non solo esistono nelle nostre città, ma sono in grado di animarla come e persino più degli italiani stessi.

È bene notare che la pianificazione, l’organizzazione, il montaggio del palco e delle attrezzature, nonché la conduzione dell’evento, sono state portate avanti da volontari in larga parte “stranieri”! Le comunità degli immigrati vogliono mostrare il loro lato vero e migliore, quello delle tradizioni e della convivenza pacifica.

Le associazioni “etniche” che hanno partecipato hanno come scopo di trasmettere la lingua, la cultura e le tradizioni del paese di origine ai loro bambini che in larga parte sono nati e vissuti finora in Italia.

L’associazione Gioventù per i Diritti Umani ha aderito con entusiasmo al Carnevale Multiculturale portando sul palco i propri volontari, per parlare dei 30 diritti della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo delle Nazioni Unite. La missione dell’associazione è quello di promuovere la conoscenza dei 30 diritti tra i giovani, andando nelle scuole a tenere lezioni su questo soggetto e partecipando a eventi culturali dove è pertinente il soggetto dei Diritti Umani.

Gioventù per i Diritti Umani condivide il pensiero del filosofo e umanitario L. Ron Hubbard che ha affermato: “I Diritti Umani devono essere resi una realtà, non un sogno idealistico".


Fonte notizia: https://www.humanrights.com/


Diritti Umani | ONU | L Ron Hubbard | Gioventù per i Diritti Umani | Firenze | Carnevale di Pace | San Donato |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Ritorna “Ozi di Capua”. Dal 19 al 28 Luglio 2013 un calendario ricco di eventi


Gioventù per i Diritti Umani al Carnevale Multiculturale di Pace di San Donato


UNITI PER I DIRITTI UMANI - Speciale presentazione tenuta presso la Chiesa di Scientology di Milano


Diritti Umani: ricordare le vittime dell'olocausto


Diritti Umani: ricordare le vittime dell'olocausto


La Chiesa di Scientology per l’educazione sui Diritti Umani


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Arrestato lo spacciatore responsabile di una morte per overdose

Arrestato lo spacciatore responsabile di una morte per overdose
A Viareggio i carabinieri hanno arrestato lo spacciatore che avrebbe venduto la droga letale che ha ucciso Samuele Ventrella e mandato in coma il padre, Gerardo. La cronaca di agosto 2020 racconta che due uomini, padre e figlio, dopo aver assunto un mix di droghe avevano subito conseguenze drammatiche: il figlio 25enne deceduto per overdose, il padre in coma, si salverà grazie a un trapianto di fegato. Il mix di droga che avevano assunto entrambi, prima di accasciarsi a terra, era una grossa quantità di cannabis e cocaina, seguite probabilmente all (continua)

La droga dei ricchi nel continente povero

La droga dei ricchi nel continente povero
La cocaina, un tempo droga dell’alta società, è ormai economica al punto che anche in Africa c’è un mercato per questo distruttivo stupefacente. Un tempo lo sballo da cocaina era appannaggio delle classi agiate, basti pensare che negli anni ’70 un solo grammo costava anche 200.000 lire! Si diffuse allora tra i più poveri il famigerato “crack”, derivato dalla coca, che costava circa un quarto. Nei decenni successivi i grandi cartelli della droga internazionale hanno industrializzato i processi produttivi, abbattendo il costo della c (continua)

Per non rischiare di perdere dei clienti, spacciavano ai ragazzi delle comunità di recupero

Per non rischiare di perdere dei clienti, spacciavano ai ragazzi delle comunità di recupero
A Sonico in Valcamonica tre immigrati pregiudicati spacciavano cocaina ai ragazzi che stavano seguendo un percorso di recupero presso una comunità della valle. Quando pensi di averle sentite e lette tutte nel mondo della tossicodipendenza, trovi sempre una notizia che è in grado di stupirti. La cronaca della Valcamonica ci racconta che, seguendo le regole del marketing più aggressivo, degli spacciatori timorosi di perdere per sempre dei preziosi acquirenti, si spingevano a spacciare fin nelle comunità di recupero. In questo modo riuscivano a far sol (continua)

Tracce di droga nei bicchieri delle due 15enni stuprate a Matera

Tracce di droga nei bicchieri delle due 15enni stuprate a Matera
Ci sarebbe la droga, assunta inconsapevolmente, all’origine dello stupro subito da due 15enni a Matera all’inizio di settembre. Lo scorso 6 settembre, a Matera, due turiste inglesi di 15 anni furono stuprate da un gruppo di ragazzi. Era stato insinuato che le ragazze fossero in realtà consenzienti, ma le indagini hanno rivelato un particolare molto importante: nei bicchieri delle adolescenti sono state trovate tracce di droga. È noto che esistono vari tipi di droga (le più note sono il GHB e il Rohypnol) che “facil (continua)

La droga e gli psicofarmaci generano violenza

La droga e gli psicofarmaci generano violenza
La droga, e gli psicofarmaci, sono sostanze che alterano il normale funzionamento della mente, spesso generando comportamenti violenti. Che il mondo della droga illegale sia legato alla criminalità organizzata e che tale ambiente sia violento, è noto a tutti. Ma bisogna tener conto che la violenza generata dalla droga non è solo quella dovuta al traffico illegale e alla lotta tra criminali e forze dell’ordine: la droga genera violenza di per sé, indipendentemente dalla legalità o meno della sostanza o dalle attività criminali (continua)