Home > Primo Piano > Coronavirus: 1.830.000 italiani hanno annullato i viaggi, anche in Italia

Coronavirus: 1.830.000 italiani hanno annullato i viaggi, anche in Italia

scritto da: Ufficiostampa@facile.it | segnala un abuso

Coronavirus: 1.830.000 italiani hanno annullato i viaggi, anche in Italia


Spaventati dall’ipotesi pandemia legata al Coronavirus 1.830.000 italiani hanno annullato i viaggi che avevano in programma nei prossimi tre mesi, anche se la destinazione non era la Cina. Questa una delle evidenze emerse dall’indagine che Facile.it ha commissionato a mUp Research e Norstat*.

Chi ha annullato il viaggio

L’indagine, svolta a febbraio 2020, ha evidenziato come la decisione di non viaggiare sia stata praticamente del tutto indipendente dalla destinazione prevista per il viaggio, tanto che all’esplicita domanda: “Ha scelto di annullare il viaggio che aveva in programma per via del Coronavirus?” fra chi ha risposto affermativamente, ben il 62,9% avrebbe dovuto viaggiare all’interno dei confini nazionali.

Per chi aveva in programma un viaggio e ha scelto di annullarlo, nel 19,7% dei casi la destinazione era comunque un paese asiatico, nel 2,2% una nazione africana e, nel 15,1% una europea.

Se a livello nazionale la percentuale di chi ha scelto di annullare il viaggio è stata pari al 6,8%, analizzando i dati su base territoriale si scopre come il fenomeno sia molto inferiore al Nord Ovest (3,4%) e notevolmente superiore al Sud e nelle Isole, area in cui la percentuale di viaggiatori che ha deciso di rimanere a casa sale fino al 10,8%.

Chi ha cambiato programma o aggiunto un’assicurazione

Leggermente meno drastici i 2.530.000 italiani che, invece che rinunciare a partire, hanno semplicemente scelto di cambiare destinazione.

Fra loro il 26,7% aveva in programma un viaggio all’estero e, nello specifico, ancora una volta la maggior parte (14,4%) sarebbe dovuto andare in Asia, il 5,1% in Africa e il 11,6% in Europa. A modificare i loro piani di viaggio sono stati soprattutto i viaggiatori con età compresa fra i 25 ed i 34 anni e, a seguire, quelli fra i 18 ed i 24 anni.

Hanno agito con estrema prudenza e razionalità quei viaggiatori (il 6,8% del campione intervistato) che, per tutelare sé stessi ed il proprio viaggio, invece di lasciare le valigie nell’armadio hanno semplicemente scelto di sottoscrivere un’assicurazione viaggio o sanitaria prima non prevista.

A farlo sono stati soprattutto i residenti nel Meridione (9,7%) e nel Centro Italia (8,5%) e i viaggiatori con età compresa fra i 25 ed i 34 anni. Piccola curiosità, fra chi ha scelto di sottoscrivere questo genere di copertura ancora una volta la meta più frequente era l’Italia (7,8% vs 5,9%).


 

 

* Metodologia: n. 1.004 interviste CAWI con un campione rappresentativo della popolazione adulta, in età 18-74 anni, sull’intero territorio nazionale. Indagine condotta a febbraio 2020.


Fonte notizia: https://www.facile.it/ufficio-stampa/comunicati/coronavirus-1830000-italiani-hanno-annullato-i-viaggi-anche-in-italia.html


Facile it | coronavirus | viaggi | polizza sanitaria | polizza viaggio |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Turismo Sostenibile presenta il sito I-Viaggi


Susanna Esposito sul Coronavirus: la situazione, le precauzioni, l’allarmismo


Coronavirus e acqua del rubinetto, smontiamo la bufala


Quanto è difficile raccogliere fondi per beneficenza durante una situazione pandemica


BluePanorama Viaggi Yucatan collegamento settimanale da Milano a Mérida


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Auto: i patentati in Italia aumentano e arrivano a 39,2 milioni

Auto: i patentati in Italia aumentano e arrivano a 39,2 milioni
Nonostante la diffusione di mezzi alternativi per la mobilità,la passione degli italiani per i motori sembra non tramontare; questo quanto emerso dallo studio realizzato da Facile.it che, analizzando i dati ufficiali del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti*, ha scoperto come negli ultimi anni il numero di italiani con una patente di guida attiva sia aumentato arrivando, al 31/1 (continua)

Smart working estivo: ci costerà almeno 68 euro in più in bolletta per ciascuna stanza in cui lavoreremo

Smart working estivo: ci costerà almeno 68 euro in più in bolletta per ciascuna stanza in cui lavoreremo
Sono tanti gli italiani che lavoreranno in smart working per tutta l’estate e molti, a breve, dovranno fare i conti con un nemico invisibile… il caldo. Si dovrà tenere accesa l’aria condizionata in casa per numerose ore, con inevitabili conseguenze sulle bollette, già appesantite dai maggiori consumi dettati dalla permanenza forzata tra le mura domestiche. Secondo le stime* di Facile.it, per (continua)

Nexus cambia nome e logo: da oggi si chiamerà Facile.it Mutui e Prestiti

Nexus cambia nome e logo: da oggi si chiamerà Facile.it Mutui e Prestiti
Nexus, realtà specializzata da oltre 18 anni nella mediazione del credito alle famiglie, dopo il perfezionamento dell’acquisizione da parte di Facile.it si rifà il look e cambia nome: dal primo luglio la società si chiamerà Facile.it Mutui e Prestiti. Daniela Zancan, cheassume il ruolo diManaging Director Stores & FMP di Facile.it  e a cui è affidata la responsabilità dell’in (continua)

Facile.it apre a Salerno il primo Facile.it Store della Campania

Facile.it apre a Salerno il primo Facile.it Store della Campania
Facile.it, il principale comparatore italiano dedicato al risparmio per le spese familiari, ha aperto il suo primo negozio fisico in Campania, a Salerno. Dopo lo straordinario successo ottenuto dagli altri Facile.it Store presenti in tutta Italia, la web company ha scelto di inaugurare il nuovo punto vendita fisico nel cuore della città salernitana, in via Dei Principati, 21. All’inte (continua)

Mutui: dopo il lockdown cresce del 9% l’importo medio erogato

Mutui: dopo il lockdown cresce del 9% l’importo medio erogato
Dopo i mesi di lockdown, da maggio la richiesta dei mutui è ripartita a grandissima velocità e oggi il settore viaggia addirittura più spedito di quanto non fosse nei mesi precedenti al Covid. Secondo l’analisi realizzata da Facile.it e Mutui.it, a fronte dell’aumento della domanda, le banche sembrano aver adottato una politica di grande apertura nella concessione del credito alle famigli (continua)