Home > Ambiente e salute > Marcatura CE delle mascherine protettive

Marcatura CE delle mascherine protettive

scritto da: MarcaturaCEnet | segnala un abuso

Marcatura CE delle mascherine protettive


 Che la loro destinazioni d’uso sia come dispositivo medico o DPI, la marcatura CE delle mascherine protettive è obbligatoria.

marcatura ce mascherine protettive

 

Dispositivi medici o DPI, le mascherine protettive necessitano sempre di marcatura CE

 

Il coronavirus sta producendo anche fenomeni economici sui quali è opportuno riflettere.

La domanda di mascherine protettive è salita enormemente e la sollecitudine di molti imprenditori, verso le necessità delle persone a rischio ha fatto sì che anche aziende non di questo settore, si mettessero subito all’opera.

Questo comporta la necessità di chiedere informazioni e di cercare di capire in primis cosa sono queste mascherine e se hanno bisogno di marcatura CE.

Innanzitutto, precisiamo che si prestano a due diverse tipologie di utilizzo:

  • come dispositivi medici;
  • come dispositivi di protezione individuale.
 

Quando le mascherine sono dispositivi medici

 

Quando considerate dispositivi medici, le mascherine protettive necessitano di marcatura CE in quanto barriere meccaniche protettive. Rientrano nella classe di rischio I e devono essere registrate al Ministero della Salute.

Per mantenere un profilo basso (“meglio evitare la registrazione al Ministero”) e perché indirizzati da chi produce certificati di qualsiasi tipo, alcuni le vogliono considerare dispositivi di protezione individuale, che certamente non sono utilizzati dai comuni cittadini.

Approfondiamo quindi una questione che conoscevamo da anni, ma che abbiamo sempre lasciato perdere, per non sollevare vespai. Ci vengono richieste spiegazioni e consulenza sulle mascherine FFP1 o altro, quindi forniamo un chiarimento.

 

Quando le mascherine sono DPI

 

Quando considerate DPI, le mascherine protettive hanno l’obbligo di marcatura CE come tali. Il Regolamento (UE) 2016/425 sui dispositivi di protezione individuale (link al sito ufficiale), così come la precedente direttiva, suddivide i DPI in 3 categorie: I, II, III e nulla hanno a che fare con le classi di protezione FFP1, FFP2, FFP3.

Le categorie sono ben definite nell’allegato I del Regolamento che definisce, senza distinzione di categoria III, i DPI che proteggono da:

  • a) sostanze e miscele pericolose per la salute;
  • b) atmosfere con carenza di ossigeno;
  • c) agenti biologici nocivi.

Inoltre, nella categoria I, non si trova segno di alcuna protezione delle vie respiratorie, quindi TUTTE le mascherine rientrano nelle categorie II o III. Queste a loro volta potranno essere suddivise in diverse classi di protezione.

Confondere la classe di protezione con la categoria è un errore.

In esso è incorso anche l’estensore di questo volantino, di cui forniamo stralci e peraltro patrocinato da eminenti autorità:

marcatura CE DPI 1 - volantino errato

Marcatura CE DPI 2 - volantino errato

 

In base a che criterio effettuare la marcatura CE delle mascherine protettive?

 

Le mascherine che proteggono dalla polvere, quelle leggere acquistabili ovunque, non sono di categoria I. La categoria minima è la II. Per essere marcate hanno necessità di un test e/o altro tipo di intervento anche da parte di un Organismo Notificato, cosa che non compare mai nella loro marcatura CE.

In sostanza, come dispositivi medici si possono immettere in commercio senza particolari problemi e verifiche, perché rappresentano una barriera meccanica contro possibili agenti nocivi.

Come DPI invece devono superare dei test che, incomprensibilmente, in alcuni ambiti si eseguono sempre e spesso a sproposito mentre in questo particolare settore della sicurezza non sono ritenuti necessari, quando invece la legge li prevede.

Ovviamente, se gli errori sono avvallati da chi deve sorvegliare la sicurezza sui luoghi di lavoro, si può giustificare, forse, chi inconsapevolmente o meno, sceglie la strada più facile e commercializza questi DPI in contrasto con le leggi europee.

 

Hai bisogno di effettuare la marcatura CE sulle mascherine protettive?

 

Il “fabbricante”, cioè non necessariamente il produttore, ma chi rende disponibile un prodotto sul mercato UE, deve costituire l’intero fascicolo tecnico nel rispetto delle leggi.

La nostra società può assisterti in tutto il percorso sulla marcatura CE delle mascherine protettive e di qualsiasi tipo di DPI o di dispositivo medico (inclusa la registrazione al Ministero della Salute). Si parte dall’analisi dei rischi (sicurezza dei prodotti) e si conclude con il servizio post vendita.

Per ottenere informazioni ed eventuale consulenza contattaci, Ti risponderemo velocemente ed in ogni caso.


Fonte notizia: https://www.marcaturace.net/i-dispositivi-di-protezione-individuale-dpi/marcatura-ce-delle-mascherine-protettive?


#mascherineprotettive #dispositivomedico #DPI #mascherine #coronavirus #protezioneindividuale #ministerodellasalute #virus #salute |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Mascherine Protettive, Quali Indossare E Come Sceglierle


Marcatura CE mascherine protettive


Marcatura CE amplificatori musicali


Marcatura CE di occhiali e lenti


Marcatura CE persiane e scuri


La marcatura CE dei giocattoli


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La durata della mascherina

La durata della mascherina
La durata della mascherina Gli esperti concordano su un fatto: la durata della mascherina è di 4 ore oltre alle quali bisogna sostituirla. Ma dopo che è stata indossata la mascherina, come si fa a verificare il rispetto della scadenza di 4 ore? Gli esperti concordano su un fatto: la durata della mascherina è di 4 ore oltre alle quali bisogna sostituirla.Ma dopo che è stata indossata la mascherina, come si fa a verificare  il rispetto della scadenza di 4 ore?Cosa abbiamo scoperto con il Covid?Un tempo eravamo il popolo degli eroi, dei santi e dei navigatori, ma era tanto tempo fa.Poi nel corso degli anni, sono emerse altre peculiarit (continua)

Le imbarcazioni da diporto

Le imbarcazioni da diporto
Un’imbarcazione deve essere sicura, quindi deve essere costruita bene e rispettare gli standard di sicurezza, ovviamente l’utente deve fidarsi del costruttore, ma un modo per documentare l’impegno verso la sicurezza è la presenza della marcatura CE La nostra società esegue la marcatura CE delle imbarcazioni da diporto e fornisce la consulenza per farvi diventare autonomi.Un’imbarcazione deve essere sicura, quindi deve essere costruita bene e rispettare gli standard di sicurezza, ovviamente l’utente deve fidarsi del costruttore, ma un modo per documentare l’impegno verso la sicurezza  (continua)

Marcatura CE di occhiali e lenti

Marcatura CE di occhiali e lenti
Nessun prodotto immesso sul mercato deve essere pericoloso, qualsiasi sia la sua natura! Con riferimento agli occhiali e alle lenti con scopo estetico e/o protettivo, risulta evidente per una questione di buon senso, che dal punto di vista meccanico, ad esempio, il fabbricante dovrà considerare che andranno ad interagire o ad entrare in diretto contatto con gli occhi. Ecco perché dovranno presentare le stesse caratteristiche di sicurezza di quei prodotti analoghi che invece sono dispositivi medici. Marcatura CE di occhiali e lentiLa marcatura CE e quindi la conformità di occhiali e lenti è sempre obbligatoria.Chiarimenti sul Nuovo Regolamento 2017/745/UENel 2020 entrerà in vigore definitivamente il Regolamento (UE) 2017/745 (link) sui dispositivi medici e forse non finiranno le discussioni interpretative a fronte di un testo chiaro e senza necessità di “interpreti nostran (continua)

Apparecchiature per estetica e dispositivi medici

Apparecchiature per estetica e dispositivi medici
Vuoi informazioni su come essere in regola con la marcatura CE delle apparecchiature per estetica e dei dispositivi medici? Sei un produttore od un importatore di apparecchiature per estetica e/o di dispositivi medici? Hai bisogno di maggiori informazioni o di chiarimenti? Apparecchiature per estetica e dispositivi medicida admin | Giu 1, 2020 | Dispositivi Medici, Prodotti per estetica | 0 commentiTorniamo sull’argomento delle apparecchiature per estetica e dell’impatto su di esse del Nuovo Regolamento sui dispositivi medici per mostrare fino a dove arrivano i “furbetti dei certificati”.Riportiamo alcuni stralci di un comunic (continua)

2001/95/CE Una Direttiva dimenticata

2001/95/CE Una Direttiva dimenticata
Questa direttiva recepita in Italia con il D.Lgs. 172 del 21 Maggio 2004, rappresenta uno dei documenti più importanti per TUTTI i consumatori. L’argomento di cui si occupa è infatti la SICUREZZA DEI PRODOTTI, ma di TUTTI, PROPRIO TUTTI, I PRODOTTI immessi in commercio (la definizione corretta è immissione in libera pratica). 2001/95/CE Una Direttiva dimenticata2001/95/CEQuesta direttiva recepita in Italia con il D.Lgs. 172 del 21 Maggio 2004, rappresenta uno dei documenti più importanti per TUTTI i consumatori.L’argomento di cui si occupa è infatti la SICUREZZA DEI PRODOTTI, ma di TUTTI, PROPRIO TUTTI, I PRODOTTI immessi in commercio (la definizione corretta è immissione in libera pr (continua)