Home > Eventi e Fiere > Rievocazioni, visite e mostre: a Foiano un viaggio tra i secoli

Rievocazioni, visite e mostre: a Foiano un viaggio tra i secoli

articolo pubblicato da: marcocavini | segnala un abuso

Rievocazioni, visite e mostre: a Foiano un viaggio tra i secoli

Un viaggio nel passato della Toscana attraverso luoghi simbolici ed eventi di Foiano della Chiana. Rievocazioni, visite guidate, mostre e danze: sabato 14 e domenica 15 marzo è in programma un fine settimana ricco di eventi che permetteranno di ripercorrere le principali tappe della storia della Regione a partire dal Rinascimento per passare dalla costituzione del Granducato e per arrivare ai più recenti fatti del ‘900. L’evento, dal titolo “Foiano dal Rinascimento al Granducato alla Regione”, è inserito tra le iniziative per la Festa della Toscana 2019 ed è organizzato dall’associazione culturale Scannagallo in collaborazione con l’amministrazione comunale, con il coinvolgimento di compagnie storiche e di realtà del territorio che hanno contribuito alle tante iniziative in programma. «Il fine settimana proporrà un simbolico viaggio dalla battaglia di Scannagallo del 1554 fino alla stesura del primo statuto regionale del 1970 - spiega Alessio Bandini, responsabile degli eventi di Scannagallo. - Tra documenti, cerimonie ed abiti storici, ogni iniziativa si svolgerà all’interno dei luoghi protagonisti degli eventi per favorirne la scoperta e la conoscenza secondo i più moderni concetti di valorizzazione dei beni culturali e degli edifici storici».

Il primo appuntamento sarà alle 16.30 del sabato a Pozzo della Chiana presso il tempio di Santo Stefano alla Vittoria che fu commissionato da Cosimo I de Medici a Giorgio Vasari per celebrare una tappa fondamentale per la costituzione del Granducato di Toscana quale la vittoria della battaglia di Scannagallo. Il pomeriggio si svilupperà tra le visite guidate alla chiesa, con una fase didattica sulla storia e sull’armamento, e la rievocazione storica dell’investitura di un cavaliere di Santo Stefano. Il giorno successivo proporrà iniziative a partire dalle 16.00 con approfondimenti anche inediti sulla storia istituzionale nei luoghi più importanti di Foiano, con la visita guidata all’Archivio Storico Comunale in Palazzo Granducale, con la rievocazione di un presidio militare cinquecentesco in piazza della Collegiata, con la visita alla Chiesa della Santissima Trinità, con il Gran Ballo dell’Unità d’Italia presso la Chiesa Museo della Fraternita e con un’esposizione di mezzi d’epoca degli anni ‘70 del ‘900 in piazza Cavour. Ogni appuntamento, ad ingresso libero e gratuito, permetterà dunque di vivere e di approfondire una determinata fase della storia della Valdichiana e della Toscana, evidenziando la società civile, la cultura e l’eccellenza artistica di Foiano all’epoca del Granducato. «Sarà un percorso unico nel suo genere - continua Bandini, - che attraverserà secoli diversi e che farà affidamento sulla collaborazione tra tanti enti, associazioni e amministrazioni uniti in una comune politica di promozione del territorio e della sua storia. Il filo conduttore del progetto sarà la valorizzazione di episodi e simboli di pace e di unità che si sono susseguiti dopo la battaglia di Scannagallo per rappresentare la rinnovata coesione regionale».



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Due eventi storici a Foiano per i 500 anni di Cosimo de Medici


Scannagallo, un 2019 di eventi per rievocare la storia della Toscana


Dalla Valdichiana a Siena, Scannagallo celebra la storia della Toscana


ModusMovendi: le mete più belle in sella alla motocicletta


Portale Enoturismo Wineplan per le aziende vitivinicole che offrono tour e degustazioni


Duelli a tavola e rievocazioni storiche: ecco la battaglia di Scannagallo


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Aneddoti e ricordi per vivere il borgo di Raggiolo ai tempi del Coronavirus

Aneddoti e ricordi per vivere il borgo di Raggiolo ai tempi del Coronavirus
Una raccolta di storie, ricordi e aneddoti per vivere un piccolo borgo montano nei giorni del Coronavirus. L’iniziativa riguarda Raggiolo in Casentino ed è motivata dall’obiettivo di rompere l’isolamento causato dall’attuale situazione sanitaria attraverso una positiva condivisione di pensieri e di emozioni che è stata promossa dalla Brigata di Raggiolo. Quest (continua)

Stop al campionato: termina la stagione della Union Rugby Arezzo

Stop al campionato: termina la stagione della Union Rugby Arezzo
Stop ai campionati di rugby. La federazione ha reso nota la sospensione definitiva della stagione 2019-2020 e la mancata assegnazione di titoli, promozioni e retrocessioni, dunque la Union Rugby Arezzo archivia la sua prima esperienza nella serie C1 nazionale con un ottavo posto. Quattro vittorie e sette sconfitte è il bilancio di una società che, costituitasi la scorsa estate, avev (continua)

Scuola Basket Arezzo, la stagione sportiva di pallacanestro è terminata

Scuola Basket Arezzo, la stagione sportiva di pallacanestro è terminata
La stagione sportiva 2019-2020 di pallacanestro è terminata. Ad averlo comunicato è stata direttamente la federazione che, a fronte dell’attuale situazione sanitaria, ha optato per la conclusione di tutti i campionati e le manifestazioni organizzate dai comitati regionali, interrompendo ogni attività dal minibasket alla serie C. Giunge al capolinea, dunque, anche la stag (continua)

“Video Chiamiamoci”, la Casa Pia mette in contatto ospiti e familiari

“Video Chiamiamoci”, la Casa Pia mette in contatto ospiti e familiari
La Casa di Riposo “Fossombroni” ha attivato il progetto “Video Chiamiamoci” per mantenere costante il contatto tra gli ospiti e i loro parenti. La necessità di prevenire la diffusione del Coronavirus ha indotto la storica struttura cittadina ad attuare una drastica restrizione agli ingressi dei visitatori che dal 25 febbraio sono stati consentiti esclusivamente per m (continua)

La Sgrevi in campo per evitare il blocco del settore edile

La Sgrevi in campo per evitare il blocco del settore edile
Misure immediate con l’obiettivo di non bloccare il settore edile nonostante il Coronavirus. Ad averle adottate è stata la Sgrevi di Ca’ de Cio, uno dei principali magazzini edili del centro Italia, che negli ultimi giorni ha predisposto tutte le precauzioni necessarie per adeguarsi a quanto previsto dai decreti relativi al contenimento della patologia e per poter così co (continua)