Home > Cultura > La polizia del Sud Africa combatte il crimine dalle sue radici

La polizia del Sud Africa combatte il crimine dalle sue radici

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

La polizia del Sud Africa combatte il crimine dalle sue radici


Il servizio di polizia sudafricano (SAPS) non ha un compito facile. Secondo la Central Drug Authority del Sudafrica, il paese "è tra le prime 10 nazioni al mondo per abuso di droga e alcool, il doppio della media mondiale". I giovani iniziano a sperimentare la mediamente a 12 anni, e l’età tende sempre ad abbassarsi.

Il SAPS nazionale voleva cambiare questa situazione, a partire dalla provincia di Gauteng, sede delle due più grandi città della nazione: Pretoria, la capitale amministrativa, e Johannesburg, la città più popolosa. Gauteng è anche al secondo posto tra tutte le province sudafricane per i crimini legati alla droga, e al primo posto per gli incidenti con guida sotto l’effetto di alcool e stupefacenti. Per creare un vero cambiamento, SAPS sapeva che dovevano cominciare dalla base, contattando i giovani prima inizino a drogarsi, fermando così il crimine dal lato della domanda. Perché arrestarli quando è possibile istruirli in anticipo sull'effettivo danno che arrecano le droghe?

SAPS ha trovato il partner perfetto per raggiungere questo obiettivo nell’associazione “Un Mondo Libero dalla Droga”. All'inizio del 2018 un sergente di polizia di Parkview a Johannesburg è venuto a conoscenza della campagna di Un Mondo Libero dalla Droga. Ha quindi istituito un programma di addestramento per la polizia di Parkview, e quindi ha presentato il programma al Community Police Forum (CPF) della stazione di polizia di Katlehong a Gauteng. Il CPF è un gruppo di polizia che mira a ottenere un controllo della criminalità più efficace, riducendo la paura del crimine, migliorando la qualità della vita e migliorando il servizio di polizia e la legalità. Questi obiettivi vengono raggiunti facendo lavorare la polizia e la comunità in stretta collaborazione. In questo modo è stato avviato a Gauteng l'addestramento della polizia sulle campagne di “Un Mondo Libero dalla Droga”.

Dopo l’addestramento, la polizia di Krugersdorp ha tenuto lezioni di prevenzione alla droga a 3000 studenti in una sola settimana.

Ma con una popolazione di 12 milioni, era necessario un approccio più sistematico. Con il sostegno del colonnello Mpho Annah Mofokeng, responsabile delle risorse umane della polizia, la formazione è iniziata sul serio. La Chiesa di Scientology di Johannesburg, nel nord, è stata la sede perfetta per l’iniziativa e gruppi di 50 agenti di polizia sono stati formati sul programma di prevenzione.

Sono stati formati un totale di 2.031 agenti e poliziotti che hanno tenuto oltre 60 eventi, informando oltre 130.000 persone. Hanno tenuto lezioni in tutti i comuni della provincia di Gauteng.

Gli effetti sono stati avvertiti in tutta la regione: i crimini legati alla droga sono calati del 16 percento a Daveyton, del 19 percento a Pretoria e del 30 percento a Tembisa.

Dopo questo successo strepitoso, SAPS ha ora approvato l'addestramento di 10.000 poliziotti per cambiare veramente il volto del Sudafrica. "Dobbiamo cambiare il nostro atteggiamento", afferma il colonnello Mofokeng. “Le persone muoiono di droga, e possiamo cambiare questo. Quindi dobbiamo farlo."

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Un ragazzo informato, che pensa con la sua testa, pretenderà che gli sia dato un aiuto sincero, reale e naturale, senza ricorrere a droghe e farmaci dannosi. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard


Fonte notizia: https://www.noalladroga.it/


Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard | Sud Africa |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

RADICI DEL SUD CHIUDE ALL'INSEGNA DI CIBO E SALUTE


Venezia: intervista al Questore Maurizio Masciopinto approdato nella città lagunare


"Giallo, Rosso & Noir "Grande successo per lo straordinario evento di Formazione e Spettacolo dell’INPEF


LE REGINE ED EROINE D'AFRICA AMBASCIATRICI DI PACE PER IL MALI


La Banda musicale della Polizia di Stato al Lingotto per i 90 anni della sua fondazione


RADICI DEL SUD 2019: IL FUTURO DEI VINI DEL MEZZOGIORNO È NEGLI AUTOCTONI


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

In Colorado, dopo la legalizzazione, aumentano i ricoveri al pronto soccorso per abuso di marijuana

In Colorado, dopo la legalizzazione, aumentano i ricoveri al pronto soccorso per abuso di marijuana
Nel 2014 in Colorado è stata legalizzata la marijuana per uso ricreativo, da quel momento sono in forte aumento i ricoveri al pronto soccorso per una sindrome denominata CHS, dovuta all’abuso di cannabis. In Colorado la marijuana è stata legalizzata per ragioni mediche nel 2009 e per uso ricreativo nel 2014. In uno studio pubblicato su “Annals of Internal Medicine”, si descrivono più di 2.500 visite connesse al consumo di cannabis al pronto soccorso di un grande ospedale pubblico in Colorado tra il 2012 e il 2016. La causa più comune del ricovero è la cosiddetta “iperemesi”, ovvero conati d (continua)

Il coma etilico, un rischio mortale sottovalutato dai giovani

Il coma etilico, un rischio mortale sottovalutato dai giovani
Il coma etilico è uno stato di avvelenamento acuto da etanolo (alcool) che procura incoscienza e, a volte, la morte. L’idea che l’alcool non sia una droga è ancora molto diffusa. Certo, si tratta di una sostanza usata dall’uomo da tempo immemorabile, e che assunta in piccole quantità non causa danni rilevanti. Ma bisogna tener conto che il suo abuso causa effetti devastanti, e che si tratta della sostanza che causa ogni anno più morti di tutte le altre droghe messe insieme. È di pochi giorni fa la notizi (continua)

Il fallimento rieducativo delle condanne per droga

Il fallimento rieducativo delle condanne per droga
Un criminale che spaccia, una volta arrestato, secondo il dettame costituzionale dovrebbe uscire “rieducato” e cambiare vita. Prendendo spunto da una notizia di cronaca, viene spontanea una riflessione sull’efficacia rieducativa delle pene detentive correnti. Ad Agrigento un 28enne ai domiciliari per una precedente condanna per droga, è stato arrestato in flagranza di reato in quanto deteneva in casa cocaina, marijuana e tutto l’armamentario classico per la preparazione e lo spaccio delle dosi. A San Giovanni in Fio (continua)

Il lockdown e gli spalloni della droga

Il lockdown e gli spalloni della droga
Durante il lockdown i rifornimenti di droga nella Venezia Giulia non potevano mancare, così gli spacciatori si sono trasformati in “spalloni” contrabbandieri attraverso le montagne del Carso tra Italia e Slovenia. Un triestino e un goriziano sono stati arrestati per spaccio di droga, entrambi avevano precedenti per lo stesso motivo ed erano tenuti sotto controllo dalla polizia per attività sospette. In effetti detenevano cocaina, eroina, hashish e marijuana. Tralasciando i dettagli della vicenda, è interessante notare come l’attività criminosa dei due spacciatori non si fosse fermata durante il lock (continua)

Harlem marcia contro la violenza armata

Harlem marcia contro la violenza armata
United in Peace New York e altre organizzazioni hanno manifestato ad Harlem contro la violenza armata , distribuendo il libretto “La Via della Felicità”. United in Peace pensa che esista una risposta corretta alla violenza armata e si sono uniti ad altre organizzazioni per marciare per le strade di Harlem per rendere il punto forte e chiaro mentre diffondono La Via della Felicità. La sezione di New York della fondazione “United in Peace” è scesa in piazza per protestare contro la violenza armata e promuovere la pace. Attivisti, religiosi, c (continua)