Home > Ambiente e salute > Giustizialismo? Forse, ma ………

Giustizialismo? Forse, ma ………

scritto da: MarcaturaCEnet | segnala un abuso

Giustizialismo? Forse, ma ………


 Quello che sta succedendo in Italia e nel mondo come effetto collaterale dell’epidemia di coronavirus è lo sciacallaggio, succede sempre, ritengo che non ce ne indigniamo mai a sufficienza e conseguentemente nessuno sente il dovere di intervenire.

Ci sono dei baldi giovani che spacciandosi per medici si recano presso le abitazioni degli anziani, proponendo di fare i tamponi per verificare la presenza di infezione e ne approfittano per derubarli.
Difficile prenderli, inutile condannarli, saranno a piede libero lo stesso giorno, in fondo cosa hanno fatto di male, hanno solo derubato dei poveri pensionati.
Ci sono poi gli sciacalli politici che chiudono le scuole laddove non esiste alcun caso, ma dove tra poco si vota e quindi ci sarà qualcosa da spendere a favore del proprio attivismo protezionistico.
Ah, non so poi dove sono spariti quelli che volevano chiudere gli accessi ai cinesi e non dicono nulla nei confronti di chi chiude gli accessi agli italiani e soprattutto non dicono nulla a tutti quelli italiani che andando in gita stanno infettando il mondo.
Quali sarebbero secondo questi protezionisti della prima ora, le iniziative da prendere nei confronti di questi nostri connazionali che sono diventati ignari ed incolpevoli diffusori del virus?
Come sempre la sensibilizzazione e l’informazione sono argomenti sconosciuti a chi cerca sempre il colpevole per qualcosa, tralasciando il problema vero e le soluzioni, che non sa proporre.
C’è però una categoria di sciacalli, che in nome del libero mercato, viene accettata, sopportata e vagamente denunciata.
In America il pedaggio delle autostrade cambia a seconda del traffico, poco traffico si paga poco, tanto traffico si paga tanto, può essere comprensibile, se vuoi un servizio migliore scegli la corsia a pagamento, paghi in funzione della domanda.
Che il principio di domanda ed offerta si applichi spudoratamente ed impunemente alle necessità collegate alla salute dei cittadini è però assolutamente indegno.
Sarò ingenuo o idealista, ma che l’amuchina passi in un giorno da 10 € a 250 €, che una mascherina passi da 2/3 € prezzo al dettaglio, comprensibile per chi ne deve acquistare centinaia e venderne una alla volta, a 30/40 €, non credo si possa definire “libero mercato”.
Dal mio punto di vista si tratta di rapina legalizzata nei confronti di persone in stato di necessità e purtroppo tollerata dai cittadini e dalle autorità distratte.
Ragionando nello stesso modo e forse con più ragione, i medici dovrebbero chiedere uno stipendio decuplicato, altrimenti sospenderebbero il lavoro.
Fortunatamente i medici e molti altri professionisti sono persone serie e non approfittatori privi di scrupoli ed i malati possono ricevere le cure ed i servizi, senza la necessità di dar fondo ai loro risparmi.
Ovviamente il libero mercato è sacrosanto, soprattutto per questi soggetti pronti a difenderlo a spada tratta, ma ci sono metodi legali per contrastare queste azioni indegne, ad esempio si potrebbe stilare un elenco di tutti gli operatori commerciali che hanno aumentato i prezzi in occasione del coronavirus e poi con calma, senza fretta, passare questa lista alla Guardia di Finanza o alla Tributaria, che con calma, senza fretta, potranno fare tutti gli accessi che sono necessari, in tutte queste attività ed eseguire dei controlli approfonditi.
Che Paese strano il nostro, da un lato abbiamo degli anonimi donatori che mettono a disposizione migliaia di mascherine e magari rischiano che qualcuno gli chieda conto di come le hanno pagate, dall’altro abbiamo alla luce del sole centinaia di sciacalli che approfittano di una malattia da cui potrebbero essere colpiti pure loro (vedi mai) e che aumentano i prezzi di prodotti necessari nell’emergenza e rimangono del tutto impuniti.
Sono giustizialista? In questo caso sì e non me ne vergogno.
Siti Internet :

Fonte notizia: https://www.facebook.com/notes/marcatura-ce-by-c-c-sas/giustizialismo-forse-ma-/3110230082334827/


epidemia | coronavirus | sciacallaggio | tamponi | protezionisti | diffusori del virus | mascherine |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Firme false: così finisce la favola grillina


Revoca Autostrade, Vito Gamberale: “Punire sommariamente i Benetton penalizza gli azionisti”


Intervista di Alessia Mocci a Claudio Alvigini: vi presentiamo il saggio “L’inconcepibile esercizio”


MUSICA LIRICA: SUONIAMO ITALIANO, I PRELUDI DEI GRANDI MAESTRI


Preventivo di un sito web, sai cosa leggi?


I miracoli accadono


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Regolamento (UE) 2019/1020 sull’importazione

Regolamento (UE) 2019/1020 sull’importazione
IMPORTATORI ATTENZIONE CI SONO DIVERSE NOVITA’ INTRODOTTE PER IMPORTARE LA MERCE DAL NUOVO REGOLAMENTO (UE) 2019/1020 Il Regolamento sulla vigilanza del mercato e sulla conformità dei prodotti, che parla anche delle regole di importazione, modifica alcuni punti importanti di precedenti regolamenti questo ambito. IMPORTATORI ATTENZIONE CI SONO DIVERSE NOVITA’ INTRODOTTE PER IMPORTARE LA MERCE DAL NUOVO REGOLAMENTO (UE) 2019/1020Il Regolamento sulla vigilanza del mercato e sulla conformità dei prodotti, che parla anche delle regole di importazione, modifica alcuni punti importanti di precedenti regolamenti questo ambito.Cosa chiarisce il Regolamento (UE) 2019/1020 sull’imp (continua)

Marcatura CE Materassi come dispositivo medico

Marcatura CE Materassi come dispositivo medico
Una nota pubblicità usa questa frase “materasso con dispositivo medico” che indica un materasso con marcatura CE. Il cliente è portato a pensare che il dispositivo medico sia un optional ossia che si possa acquistare il materasso con o senza questa caratteristica e che, acquistandolo “con dispositivo medico”, possa avere diritto alle agevolazioni fiscali previste dallo Stato e quindi risparmiare sul suo prezzo totale. Marcatura CE Materassi come dispositivo medicoPrefazioneUna nota pubblicità usa questa frase “materasso con dispositivo medico” che indica un materasso con marcatura CE.Il cliente è portato a pensare che il dispositivo medico sia un optional ossia che si possa acquistare il materasso con o senza questa caratteristica e che, acquistandolo “con dispositivo medico”, possa avere diritto alle (continua)

Sicurezza dei servizi

Sicurezza dei servizi
La nostra società si occupa da molti anni di sicurezza dei prodotti. Tutte le leggi sulla marcatura CE di specifiche categorie di prodotti e quella sulla sicurezza generale dei prodotti, parlano appunto di “prodotti” ivi compresi i software, ma sempre e solo “prodotti”. E i servizi? Non è forse vero che anche i servizi possono creare situazioni di pericolo per il committente? Un servizio fatto male non può provocare danni, a volte drammatici? La mente corre immediatamente al servizio che ha gestito la funivia del Mottarone, oppure al servizio di manutenzione dei nostri ponti. Ci sono anche servizi molto più a portata di noi tutti, che ci vengono forniti o erogati quotidianamente la cui sicurezza può incidere pesantemente sulla nostra. La sicurezza dei servizi e la loro conformità è un obbligo previsto dalla legge, alla pari di quella sui prodotti.Breve introduzioneLa nostra società si occupa da molti anni di sicurezza dei prodotti.Tutte le leggi sulla marcatura CE di specifiche categorie di prodotti e quella sulla sicurezza generale dei prodotti, parlano appunto di “prodotti” ivi compresi i software, ma sempre e solo “prodotti” (continua)

Marcatura CE siringhe e aghi per vaccino

Marcatura CE siringhe e aghi per vaccino
La marcatura CE di siringhe e aghi per vaccino è d’obbligo perchè questi prodotti sono disciplinati dal Regolamento (UE) 2017/745 sui dispositivi medici. La marcatura CE di siringhe e aghi per vaccino è d’obbligo perchè questi prodotti sono disciplinati dal Regolamento (UE) 2017/745 sui dispositivi medici.L’arrivo del vaccino anticovid, che speriamo ci porti fuori da questa situazione tanto grave quanto pesante da sopportare, pone un’altra necessità di approvvigionamento.Infatti, dopo le mascherine, i termometri, gli ossimetri, i camici e molto alt (continua)

CANCELLERIA

CANCELLERIA
I prodotti da cancelleria rappresentano un prodotto bivalente, cioè nonostante sia definita chiaramente la natura è la destinazione d’uso che determina la categoria a cui appartengono, essi possono essere considerati, giocattoli se destinati ai minori di 14 anni per scopi ludici, oppure prodotti generici se vengono impiegati come sussidi didattici e come materiale per ufficio. Questa possibile distinzione comporta una differente gestione per quanto riguarda l’aspetto formale, infatti i giocattoli hanno l’obbligo di riportare il marchio CE su di essi o sulle confezioni, mentre i prodotti generici non devono e non possono riportare il marchio CE. CANCELLERIALo sapevi che tutti i prodotti di cancelleria devono rispettare delle norme di prodotto e che il produttore deve garantire la sicurezza di tutti i suoi prodotti?Per questo motivo deve avere un fascicolo tecnico per ognuno di essi e rilasciare una dichiarazione di conformità e delle istruzioni d’uso. Inoltre, devono essere sempre identificabili il produttore ed il prodotto.La nostra soci (continua)