Home > Altro > Roberto Rocchi, PRAXIS. Di marmo, di aria, di luce

Roberto Rocchi, PRAXIS. Di marmo, di aria, di luce

scritto da: CSArt | segnala un abuso

Roberto Rocchi, PRAXIS. Di marmo, di aria, di luce


La Galleria ArteSì di Modena (via Fonte d’Abisso, 10) presenta, dal 14 marzo all’11 aprile 2020, “PRAXIS. Di marmo, di aria, di luce”, mostra personale dello scultore Roberto Rocchi, a cura di Cristina Muccioli, docente presso l’Accademia di Belle Arti di Brera.

Il percorso espositivo comprende una ventina di opere di marmo, di aria e di luce, la maggior parte delle quali realizzate nel 2018 e nel 2019, oltre ad alcuni disegni e lavori sonori appartenenti alla sua precedente produzione.

«Le sue opere scultoree – scrive la curatrice – sono una risposta, esito di una praxis pluridecennale, una presa in carico del bisogno di interiorità e di silenzio, di riaccostamento a quanto abbiamo di più vitale e radicato, di intrinseco e autentico nel nostro essere. Il loro senso estetico di alta politezza e serena semplicità architettonica gratifica l’emozione dello spettatore, invitato e coinvolto a farne parte fisicamente». «Ogni suo lavoro – aggiunge – è una tappa, un episodio di quiete in un processo di silente e laboriosissimo fermento, una tappa perfettamente coerente eppure sempre freschissima di novitas, soprattutto per la scelta dei materiali, e per la loro imprevedibile trasformazione. La lontana vocazione pittorica di Rocchi, per esempio, torna nella forma quadro attraverso la rastremazione cartavelinica del marmo sfogliato, tagliato a fogli di pochi millimetri. Pagine minerali retroilluminate che del materiale sedimentato nell’immaginario di tutti come coriaceo e opaco, si fanno apparenza diafana, conduttori trasparenti di luce, geografia di impercettibili capillari, omaggio alla memoria della carta, della pergamena, di spazi bianchi dipinti dal lumen, dal tempo geologico nato alla superficie».

La mostra è accompagnata da un catalogo a tiratura limitata edito da Galleria ArteSì in collaborazione con gruppo Azimut, su progetto grafico di Alessandra Calò.

La Galleria sarà aperta per visite individuali dal 14 marzo all’11 aprile 2020, lunedì ore 17.30-19.30, martedì, mercoledì, venerdì e sabato ore 10.30-12.30 e 17.30-19.30, giovedì e domenica su appuntamento. Per informazioni: tel. +39 338 6764679, galleria@artesimodena.com, www.artesimodena.com.

Roberto Rocchi nasce nel 1962 a Verbania. Si forma nella città di Carrara, dove frequenta l’Accademia di Belle Arti. Attualmente docente di Scultura presso l’Accademia di Belle Arti di Carrara, ha insegnato nelle Accademie di Napoli, Bologna e Milano, dove è stato Direttore della Scuola di Scultura nel periodo 2016-2019. Oltre alle diverse esposizioni in Italia e all’estero, vince nel 1986 il premio per Giovani Artisti Italiani dell’Università Internazionale dell’Arte UIA di Firenze, esponendo a Palazzo Strozzi. Alcune sue opere sono presenti nelle collezioni permanenti della Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea Raffaele De Grada di San Gimignano e nel Het Depot Museum di Amsterdam, la cui sede viene inaugurata nel 2012 con una sua personale. Nel 2015 rappresenta l’arte italiana all’International Sculpture di Seul (Corea). Ha tenuto seminari sulla Scultura presso la Governmant Gao Carving di Quyang (Cina) e la Taipei National University of the Arts (Taiwan). Alcune sue opere sono presenti in spazi pubblici quali Santa Croce sull’Arno (PI), Centro Direzionale Olidor (MS), Ascona (Svizzera), Wageningen (Olanda). Tra le sue principali esposizioni si segnalano quelle allestite presso International Art Gallery (San Francisco, USA), Museo della Permanente (Milano), Palazzo dei Priori (Volterra), Castello Malaspina (Massa), Museo Correr (Venezia), Museo del Marmo (Carrara), Willy-Brandt-Haus (Berlino). Vive e lavora tra Massa-Carrara e Milano.


Fonte notizia: https://www.artesimodena.com/


arte | cultura | mostra | ArteSì | Roberto Rocchi | Cristina Muccioli |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Strategie di pricing per dropshipping: come determinare i tuoi prezzi nel 2021


Fratelli Marmo


L'intervista a Erno Rossi per i suoi 40 anni di professione...


Pavimento in marmo, offerte stock da Marmi Web.


Elite Stone per la prima volta al Salone del Mobile 2018 con due spazi espositivi e un unico stile inconfondibile


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Arte Fiera arriva in Galleria. Uomo, natura e ambiente nella storia dell’arte

Arte Fiera arriva in Galleria. Uomo, natura e ambiente nella storia dell’arte
La Galleria de' Bonis di Reggio Emilia propone, dal 30 gennaio al 27 febbraio 2021, "Arte Fiera arriva in Galleria. Uomo, natura e ambiente nella storia dell'arte", con opere di Renato Guttuso, Antonio Ligabue e Fausto Pirandello. Per garantire la possibilità di visionare i dipinti anche a distanza, la Galleria ha studiato alcune nuove forme e modalità di fruizione, online e offline. Dopo la partecipazione a “Playlist”, vetrina digitale di Arte Fiera Bologna (online fino al 28 febbraio 2021), la Galleria de’ Bonis propone nei propri spazi in Viale dei Mille 44/D a Reggio Emilia, “Arte Fiera arriva in Galleria. Uomo, natura e ambiente nella storia dell’arte”, un progetto espositivo che nasce dalle opere raccolte per Arte Fiera, la principale fiera d’arte moderna e contemp (continua)

Per la collana "Luminous phenomena” di NFC Edizioni, il volume firmato Aleksey D’Havlcyon

Per la collana
Un progetto editoriale dedicato alla fotografia internazionale che si compone di volumi di piccolo formato, prodotti in basse tirature con materiali e lavorazioni di pregio. “Luminous phenomena”, la collana NFC Edizioni dedicata alla fotografia internazionale, si arricchisce di un nuovo volume dedicato ad Aleksey D’Havlcyon, allieva e musa del maestro Lucien Clergue. Il libro è corredato dal testo critico di Valerio Dehò e da alcuni pensieri di Lucien Clergue tratti dalla corrispondenza privata con la giovane fotografa, nata in Provenza nel 1993.Le opere di Ale (continua)

Indizi Contemporanei

Indizi Contemporanei
Kromya Art Gallery di Verona promuove, dal 23 dicembre al 30 gennaio, un'esposizione collettiva con opere di Marco Casentini, Fabrizio Corneli, Federico Ferrarini, Emanuela Fiorelli, Paola Pezzi, Alex Pinna, Paolo Radi e Paolo Scirpa. Dopo l’interesse riscosso con la mostra personale di Giorgio Griffa, che ha inaugurato la sede veronese di Kromya Art Gallery, dal 23 dicembre 2020 al 30 gennaio 2021, negli spazi di via Oberdan n. 11c, sarà allestita la collettiva “Indizi contemporanei”, con opere di Marco Casentini, Fabrizio Corneli, Federico Ferrarini, Emanuela Fiorelli, Paola Pezzi, Alex Pinna, Paolo Radi e Paolo Scirpa. (continua)

L'Arte in Vetrina

L'Arte in Vetrina
Un percorso nel centro storico alla scoperta di luoghi, arti, artisti Con il progetto “L’Arte in Vetrina”, 7 associazioni culturali con sede a Reggio Emilia (ArtYou, Ateliers via due gobbi tre, FlagNoFlags Contemporary Art, Mestieri d’Arte, Spazio Fotografia San Zenone, Via Roma Zero, 1.1_ZENONEcontemporanea) propongono, fino al 6 gennaio 2021, un percorso nel centro storico della città, alla scoperta di luoghi, arti e artisti. Sono 38 le vetrine sede di (continua)

Giorgio Griffa. Anni ’70 – 2000

Giorgio Griffa. Anni ’70 – 2000
La nuova sede di Kromya Art Gallery a Verona è aperta al pubblico per visite individuali. Nel rispetto del Dpcm del 3 novembre 2020, i collezionisti potranno accedere ai locali della galleria di via Oberdan n. 11c, a poca distanza dall’Arena e da Porta Borsari, per ammirare, fino al 12 dicembre 2020, le opere di Giorgio Griffa, uno dei principali esponenti italiani della ricerca pittorica internazionale. La nuova sede di Kromya Art Gallery a Verona è aperta al pubblico per visite individuali. Nel rispetto del Dpcm del 3 novembre 2020, i collezionisti potranno accedere ai locali della galleria di via Oberdan n. 11c, a poca distanza dall’Arena e da Porta Borsari, per ammirare, fino al 12 dicembre 2020, le opere di Giorgio Griffa, uno dei principali esponenti italiani della ricerca pittorica inte (continua)