Home > News > Patente di qualità per Assistenti familiari e corsi di formazione

Patente di qualità per Assistenti familiari e corsi di formazione

scritto da: Adiuravicenza2021 | segnala un abuso

Patente di qualità per Assistenti familiari e corsi di formazione


Patente di qualità per Assistenti Familiari e corsi di formazione

Lo Stato perde 3,1 miliardi di euro all’anno per lavoro in nero di Badanti e Colf, una nuova norma Uni permette di certificare le competenze degli Assistenti Familiari.

 

Nasce la patente di qualità per il lavoro domestico (di Colf, Badanti e Baby sitter) che vuole diminuire il lavoro irregolare. Secondo recenti dati dell’Assindatcolf e di Idos, gli Assistenti Familiari in Italia sono 2 milioni di addetti, il 70% dei quali stranieri, e vale oltre 19 miliardi di euro l’anno (l’1,25% del Pil nazionale). Il dato più allarmante è che, dei 2 milioni di lavoratori impegnati a lavorare come Colf, Badanti o Baby sitter, solo 800mila siano regolari mentre i restanti 1,2 milioni siano irregolari: sei su 10. Una situazione che però potrebbe migliorare grazie anche a una norma tecnica entrata in vigore dal 12 dicembre scorso: la Uni 11766:2019 che, di fatto, colma un vuoto legislativo. Prima in Italia non esisteva un sistema di certificazione delle competenze degli Assistenti Familiari.

Da oggi quindi Colf, Badanti e Baby Sitter potranno eseguire un esame che attesta le competenze, abilità e conoscenze professionali acquisite secondo standard europei.

D’ora in poi Colf, Badanti e Baby sitter potranno accedere, su base volontaria, a un esame per ottenere la Patente di Qualità con l’obbligo, tra gli altri requisiti, di sottoscrivere un codice deontologico: nove regole di comportamento da tenere in casa, a partire dal rispetto della privacy della famiglia. I requisiti per accedere all’esame sono tre: conoscenza base della lingua italiana; attestato di partecipazione a un corso di formazione; aver lavorato per almeno 12 mesi – anche non continuativi – con un contratto in regola. Il corso di formazione deve essere di almeno 40 ore per Colf e di 64 ore per Badanti e Baby sitter.

In risposta a questa esigenza l'Agenzia Adiura di Vicenza organizza corsi di formazione per Badanti e Colf che abilitano al lavoro assistenziale, sia domiciliare che ospedaliero e inoltre costituiscono un'ottima preparazione teorica al corso di formazione istituzionale.

 https://www.adiura-vicenza.it/patente-di-qualita-assistenti-familiari/

 https://www.adiura-vicenza.it/prodotto/corso-di-formazione-per-badanti/


Fonte notizia: https://www.adiura-vicenza.it/prodotto/corso-di-formazione-per-badanti/


patente di qualità | corsi di formazione | badanti | colf | baby sitter |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Patente di guida: in Italia si prende dopo i 21 anni


Come scegliere la scuola guida


Auto: i patentati in Italia aumentano e arrivano a 39,2 milioni


Strumenti per controllare i punti patente velocemente


Naviga anche on line con YCR!


Pass Laureati Puglia: una grande occasione per i giovani che vogliono specializzarsi dopo la laurea


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Dichiarazione dei redditi per badanti, colf e lavoratori domestici

Dichiarazione dei redditi per badanti, colf e lavoratori domestici
È tempo di dichiarazione dei redditi anche per i lavoratori domestici. Presentare il modello 730/2021 consente a colf e badanti di recuperare il bonus Renzi, che arriva fino a 960 euro, ma non solo. Con il modello 730 è possibile recuperare non solo il bonus Renzi, ma anche le altre agevolazioni fiscali previste.È tempo di dichiarazione dei redditi anche per i lavoratori domestici.Presentare il modello 730/2021 consente a colf e badanti di recuperare il bonus Renzi, che arriva fino a 960 euro, ma non solo.E’ bene chiarire innanzitutto se e quando è (continua)

Green pass per Badanti, Colf e Babysitter

Green pass per Badanti, Colf e Babysitter
Con il nuovo decreto del Governo diventa obbligatorio dal 15 Ottobre l’esibizione del Green Pass sul posto di lavoro per tutti i collaboratori domestici, come anche per i lavoratori pubblici e privati. Il rischio per chi non rispetta la nuova norma è quello di una sanzione da 600 a 1500 euro. Con il nuovo decreto del Governo diventa obbligatorio dal 15 Ottobre l’esibizione del Green Pass sul posto di lavoro per tutti i collaboratori domestici, come anche per i lavoratori pubblici e privati.Il rischio per chi non rispetta la nuova norma è quello di una sanzione da 600 a 1500 euro.A chi spettano i controlli? Così come per il lavoro pubblico, anche per quello priv (continua)

Consigli per affrontare un colloquio come Assistente Domiciliare

All'inizio della conoscenza con i potenziali datori di lavoro ci sono alcuni aspetti che aiutano a presentarsi al meglio durante un colloquio, per mettere in rilievo le proprie competenze e caratteristiche personali. Presentiamo una lista di consigli per affrontare un colloquio come Assistente Domiciliare. Nel futuro prossimo la figura della badante assumerà sempre maggiore rilievo e importanza nella nostra società, come conseguenza di alcuni fattori socio-economici come l'aumento dell'aspettativa di vita delle persone e la difficoltà dei familiari lavoratori nel ricavare la disponibilità di tempo necessaria per seguire gli anziani.La badante quindi si inserisce all'interno della vita familiare, occ (continua)

La Tecnologia a Casa con gli Anziani

La Tecnologia a Casa con gli Anziani
Su una popolazione residente in Italia di quasi 51 milioni di persone maggiorenni oltre 14 milioni di persone convivono con una patologia cronica Di questi 8,4 milioni sono ultra 65enni Per rimediare a questo, la azienda italiana Televita spa ha pensato alla Creazione di un sistema integrato per la sicurezza domestica e l’assistenza domiciliare Attraverso interventi preventivi e teleassistenza personale rivolta alla fascia di popolazione over 65 con patologia cronica Dati Istituto Superiore di Sanità :Su una popolazione residente in Italia di quasi 51 milioni di persone maggiorenni oltre 14 milioni di persone convivono con una patologia cronicaDi questi 8,4 milioni sono ultra 65enniPer rimediare a questo, la azienda italiana Televita spa ha pensato alla Creazione di un sistema integrato per la sicurezza domestica e l’assistenza domicil (continua)

Le badanti “cattive”

Le badanti “cattive”
Questo breve articolo vuole affrontare la questione delle “cattive” badanti o meglio dei comportamenti scorretti delle badanti. A nostro avviso sta emergendo fortemente, nel mondo delle badanti, un disagio dovuto ai problemi intrinseci del lavoro domestico. Perche’ spesso i datori di lavoro domestico lamentano comportamenti fuori dalle righe delle badanti?  Questo breve articolo vuole affrontare la questione delle “cattive” badanti o meglio dei comportamenti scorretti delle badanti. A nostro avviso sta emergendo fortemente, nel mondo delle badanti, un disagio dovuto ai problemi intrinseci del lavoro domestico. Questo e’ facilita (continua)