Home > Sport > EPIC SKI TOUR: CHIUSURA “LEGGENDARIA”. MAGNINI E DE SILVESTRO CONQUISTANO IL BONDONE

EPIC SKI TOUR: CHIUSURA “LEGGENDARIA”. MAGNINI E DE SILVESTRO CONQUISTANO IL BONDONE

scritto da: Newspower | segnala un abuso

EPIC SKI TOUR: CHIUSURA “LEGGENDARIA”. MAGNINI E DE SILVESTRO CONQUISTANO IL BONDONE


 Ultima tappa di EPIC Ski Tour 4All sul Monte Bondone 

Davide Magnini s’impone su Jakob Herrmann e Michele Boscacci
Si riconferma il podio femminile di venerdì sera con De Silvestro, Murada e Ghirardi
Nel rispetto di normative e regolamenti partono anche i 4All
 
EPIC Ski Tour non molla, e Davide Magnini e Alba De Silvestro conquistano le vette del Monte Bondone! 
L’ultima tappa dell’evento di scialpinismo, la terza dopo quella di febbraio in Val D’Aosta e dopo “l’ouverture” di dicembre a Davos (Svizzera), si è svolta oggi sulle creste trentine del Monte Bondone, nel rispetto di tutte le regole e le normative imposte dai recenti decreti emergenziali, ma senza nulla togliere al divertimento e alla voglia di atleti e amatori di godere di un soleggiato sabato in montagna. La partenza della gara è stata ad inseguimento, una pursuit suddivisa tra le cime del Bondone e le piste del Centro Fondo Viote, con i vantaggi di partenza stabiliti sulla base dei risultati ottenuti durante la notturna di venerdì sera. Il percorso prevedeva partenza e arrivo al Centro Fondo Viote, con un dislivello totale di 1535 metri distribuito su una lunghezza di 18,3 km. La prima salita da affrontare è stata quella del Palon (2056 m), per scendere nuovamente al Centro Fondo e, dopo un rapido passaggio sulle piste con il Gruppo del Brenta a fare da sfondo, risalire nuovamente sino a Cima Rosta, dopo un breve tratto a piedi altra salita sulla cresta del Cornetto a cui seguiva un nuovo passaggio da località Viote per poi tornare sul Palon e, dopo un ultimo cambio pelli, conquistare il traguardo.
Nella gara maschile, nella somma delle due giornate, ad imporsi è stato il trentino Davide Magnini imitato al femminile dalla dominatrice della Night Race, Alba De Silvestro, entrambi portacolori del CS Esercito. Partenza ritardata di 15’ per forti raffiche di vento soprattutto in quota, vento colpevole anche di aver cancellato le tracce e spazzato la neve fresca portando così alla luce ampie chiazze di ghiaccio. Michele Boscacci è partito nella pursuit di oggi forte di un vantaggio di 7” su Alex Oberbacher, 33” su Hermann e 34” su Magnini. Il vantaggio di Boscacci è andato man mano esaurendosi sul primo canalone, costretto ad ‘inventarsi’ le tracce coperte dal vento. Già in vetta al Palon aveva Magnini alle calcagna e il trentino al primo passaggio a Viote era già davanti. I due poi hanno duellato a lungo, ma Magnini è stato più lesto. Boscacci ha subìto anche l’attacco dell’austriaco Herrmann e così ha chiuso al terzo posto nella combinata delle due giornate. Ovvio che al traguardo non era certo felice, ma non ha voluto infierire per il problema “vento”. Magnini invece ha riconosciuto la gran fatica del rivale ed ha incassato la vittoria. Appena giù dal podio Antonioli, Oberbacher e Boffelli. Non mancano i complimenti del vincitore agli organizzatori: “Sono stati bravi nel loro sforzo di organizzare un evento nonostante l’epidemia di Coronavirus, adeguandosi alle norme del caso”. 
Tra le donne si ripete il podio di ieri sera, con Alba De Silvestro che conquista la vittoria (tempo totale 02:31:52), seguita dalla compagna del C.S. Esercito Giulia Murada (02:33.33) e da Corinna Ghirardi (02:35:54). La De Silvestro ha trovato pane per i suoi denti da Coppa del Mondo, in un percorso che lei stessa ha definito molto tecnico. Il suo sostanziale duello con Giulia Murada, anch’ella in ottima forma, è stato parzialmente minacciato dai tentativi di insediamento nel gruppo di testa, soprattutto nelle fasi di discesa, della Ghirardi, la quale si è contesa il terzo gradino del podio con Giulia Compagnoni, la valtellinese vincitrice di entrambe le tappe precedenti di EPIC Ski Tour. Interessante ed apprezzata la ricca ‘Testival Area’, con la possibilità di testare materiali e novità per gli sport di montagna per i neofiti.
Avventura ed emozioni anche per chi ha partecipato al ‘4All’, l’iniziativa di EPIC per permettere a tutti di partecipare ma senza l’assillo del cronometro, accompagnati da una guida alpina professionista. Suddivisi in due gruppi di “esperti” e “meno esperti”, gli amatori hanno approcciato lo scialpinismo, alcuni per la prima volta nella loro vita e con la garanzia di assoluta sicurezza. All’EPIC Ski Tour 4All ha preso parte anche Lorenzo Delladio, patron del colosso di calzature e abbigliamento tecnico e sportivo “La Sportiva”, che in EPIC Ski Tour vede una concreta possibilità di espansione per la disciplina dello scialpinismo non solo a livello agonistico, ma anche amatoriale, e afferma: “Lo scialpinismo è lo sport del futuro sulla neve ed è “4All”, per tutti!” 
 
Info: www.epicskitour.com 
 

newspower | epic ski tour 4all | epic ski tour | scialpinismo | sport invernali | trento | trentino | monte bondone |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

NUOVI ORIZZONTI CON CAPOL E ANRATHER, ECCO “LA SPORTIVA EPIC SKI TOUR” 2017 4ALL


LA FUNIVIA DI SARDAGNA SUL MONTE BONDONE


EPIC Ski Tour pronto a partire: confermato il weekend di skialp Venerdì “in notturna” (ore 18.45) – sabato ‘ad inseguimento’ sul Monte Bondone Al via Antonioli, Boscacci, Magnini, Boffelli, Murada, De Silvestro, Compagn


BOSCACCI TORNA E VINCE SULL’ALPE CERMIS. PRIMA TAPPA “EPIC SKI TOUR” A GACHET-MOLLARET


LA SPORTIVA EPIC SKI TOUR “4ALL” SI PRESENTA A TRENTO


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Ciocco: terre di poeti e canzoni d'autore. In 15 a ballare sul podio con l'oro inedito

 Ciocco: terre di poeti e canzoni d'autore. In 15 a ballare sul podio con l'oro inedito
Domani su il sipario del Campionato Mondiale UCI Marathon Master Si corre nella ‘valle del bello e del buono’ dove il tempo… corre 64 km e 2600 metri di dislivello con tutto quello che la mtb richiede A ricordare che il Ciocco è storia anche Pezzo, Pallhuber, Bonazzi e Simoni “Il mondo mi spaura e ho scelto la valle del bello e del buono e dove il tempo non corre” scriveva il poeta Giovanni Pascoli della “sua” Garfagnana.Nessuna paura e il tempo corre veloce per i partecipanti al primo Campionato del Mondo UCI Marathon Master, in rampa di lancio al Ciocco, in Toscana. I fortunati, o gli arditi, che hanno prenotato un posto in griglia scriveranno a loro volta una pagina (continua)

Ciocco: terre di poeti e canzoni d'autore. In 15 a ballare sul podio con l'oro inedito

 Ciocco: terre di poeti e canzoni d'autore. In 15 a ballare sul podio con l'oro inedito
Domani su il sipario del Campionato Mondiale UCI Marathon Master Si corre nella ‘valle del bello e del buono’ dove il tempo… corre 64 km e 2600 metri di dislivello con tutto quello che la mtb richiede A ricordare che il Ciocco è storia anche Pezzo, Pallhuber, Bonazzi e Simoni “Il mondo mi spaura e ho scelto la valle del bello e del buono e dove il tempo non corre” scriveva il poeta Giovanni Pascoli della “sua” Garfagnana.Nessuna paura e il tempo corre veloce per i partecipanti al primo Campionato del Mondo UCI Marathon Master, in rampa di lancio al Ciocco, in Toscana. I fortunati, o gli arditi, che hanno prenotato un posto in griglia scriveranno a loro volta una pagina (continua)

Pezzo, Pallhuber, Simoni e Bonazzi. Sabato al Ciocco il Mondiale Master con Revival

Pezzo, Pallhuber, Simoni e Bonazzi. Sabato al Ciocco il Mondiale Master con Revival
Campioni olimpici, mondiali e italiani per ricordare i 30 anni dal 1991 Master in gara nella prima Marathon iridata della storia Un pacco gara da leccarsi i baffi dalla “Terra di lupi e di briganti” I grandi campioni apripista e “attori” per il Revival 2022 Ludovico Ariosto, “padre” dell’Orlando Furioso, nel 500 fu governatore della Garfagnana a Castelnuovo, a due colpi di pedale dal tracciato di gara, e definì questa porzione di Toscana così diversa, aspra e selvaggia “Terra di lupi e di briganti”.Sabato i partecipanti al primo Campionato del Mondo UCI Marathon Master i boschi della Valle del Serchio e della tenuta del Ciocco, la ‘Living Mountain’, (continua)

In City Golf Trento: hole in one. Attenzione! Sabato golfisti in città

 In City Golf Trento: hole in one. Attenzione! Sabato golfisti in città
Presentata oggi a Palazzo Geremia l’edizione 2021 di In City Golf Sabato 18 settembre torneo con 72 golfisti in una gara a 18 buche Grande valore mediatico dell’evento a Trento per la quarta volta Si comincia dalle ore 11, coinvolto il centro della città “Da quello che era un sogno, ora siamo ben presenti e concreti. Su Google, cercando “In City Golf” appaiono ben 73.112 risultati, con un valore mediatico di 1,5 milioni di euro, ad ogni edizione abbiamo in media più di 55 ore di televisione e 5.421 pagine di rassegna stampa in totale, tra cui l’ultima copertina di Livein Magazine. Abbiamo portato mille giocatori in dieci diverse location ospitanti (continua)

Arco: Rock Master dà i numeri...L'arrampicata impazza in TV

Arco: Rock Master dà i numeri...L'arrampicata impazza in TV
Incontro con autorità e partner per annunciare i numeri della 34.a edizione Diretta RAI Sport con 700.000 contatti, servizi in vari TG nazionali e locali Su YouTube 130.000 visualizzazioni, 103.000 quelle sul canale di Ondra del Rock Master Istituzioni e sponsor ancora a braccetto con gli organizzatori: formula novità per il 2022 "Il mio sogno fin da piccolo non era vincere Olimpiadi o Mondiali, ma vincere il Rock Master!” Sono le parole di Adam Ondra, l’atleta più forte e venerato al mondo dell’arrampicata sportiva. E lui ha vinto per la sesta volta il Rock Master.È avvenuto a fine agosto, al Climbing Stadium di Arco, e oggi il successo non è ancora spento. A ravvivare l’interesse ci hanno pensato gli organizzatori guidat (continua)