Home > Altro > Giancarlo Bergamotta: I look più belli della principessa Charlène di Monaco

Giancarlo Bergamotta: I look più belli della principessa Charlène di Monaco

scritto da: Nando345 | segnala un abuso

Giancarlo Bergamotta: I look più belli della principessa Charlène di Monaco


 La sua carriera è iniziata con tute sportive e costumi da bagno per le competizioni agonistiche. Infatti, prima di entrare a far parte di una delle famiglie reali più conosciute d'Europa, era una nuotatrice ai più alti livelli, premiata diverse volte con prestigiose medaglie e qualificatasi persino per le Olimpiadi di Pechino del 2008, prima di ritirarsi. Poi, nel luglio 2011, Charlène è diventata principessa di Monaco.

Se prima non disdegnava di uscire con i suoi vestiti sportivi per andare ad allenarsi o a insegnare nuoto ai bambini, Charlène ha poi cambiato parecchio il suo stile. Oggi, infatti, solamente i più grandi nomi della moda vestono la principessa monegasca: Giorgio Armani, che ha disegnato il suo abito nuziale, DiorAkris - uno dei suoi beniamini, - Chanel o ancora Roberto Cavalli.  

Si nota soprattutto che la principessa abbia una preferenza per i vestiti senza spallina, che fasciano il corpo con una scollatura a cuore. Inoltre, le piace molto il nero, il bianco, il beige e il blu notte, ma, qualche volta, vuole stupire tutti i presenti sfilando su uno dei red carpet più prestigiosi o in occasione delle serate ufficiali indossando degli outfit rosa, rossi o anche a paillettes. 

In questo periodo si parla molto del suo possibile divorzio dal principe Alberto di Monaco. In realtà, per anni si è discusso sulla probabile infelicità di Charlène tra le mura della corte reale monegasca. Sarà vero? In attesa di ulteriori sviluppi, rivediamo i look che l'ex nuotatrice ora principessa ha sfoggiato nel corso degli anni: dagli esordi esitanti sotto braccio con Alberto al giorno del suo matrimonio, passando per le sue apparizioni al Gran Premio di Formula 1 di Monaco, alle nozze di altri nobili europei e agli annuali Gala della Croce Rossa. 



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Danza, arte, cultura e moda si incontrano a Monaco per l’annuale evento degli esami internazionali della Méthode Russe de Monte-Carlo de Lorena Baricalla


Eleganza aggraziata per gli aspiranti ballerini a Monte Carlo


Il vademecum per l'Oktoberfest


Eredi Reali


agoda anticipa le feste con le offerte per i mercatini di Natale di Monaco!


Attività e servizi di Impresa Sangalli Giancarlo & C. S.r.l.


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

impec costruzioni spa

impec costruzioni spa
Ore 16.30. La Bce è pronta ad aumentare le dimensioni del PEPP, il programma di acquisti di titoli in risposta alla pandemia, già a partire dalla riunione di giugno del consiglio direttivo nel caso le dimensioni dello stimolo risultassero inferiori a quanto necessario. E' quanto emerge dai resoconti dell'ultima riunione del board della Bce, il 30 aprile. Il Consiglio direttivo della Bce - si legge nei verbali - si dice pronto ad adeguare tutte le misure messe in MILANO - Ore 16.30. La Bce è pronta ad aumentare le dimensioni del PEPP, il programma di acquisti di titoli in risposta alla pandemia, già a partire dalla riunione di giugno del consiglio direttivo nel caso le dimensioni dello stimolo risultassero inferiori a quanto necessario. E' quanto emerge dai resoconti dell'ultima riunione del board della Bce, il 30 aprile.  Il Consiglio direttivo (continua)

Leonardo DiCaprio ha rivelato di aver donato due milioni di dollari per aiutare il parco del Virunga, in Congo.

Leonardo DiCaprio ha rivelato di aver donato due milioni di dollari per aiutare il parco del Virunga, in Congo.
ra le molte star del mondo hollywoodiano, Leonardo DiCaprio è sicuramente una di quelle maggiormente attive quando si parla di donare denaro per aiutare persone in difficoltà. Vi avevamo già raccontato di quando, attraverso la fondazione ambientalista Ea ra le molte star del mondo hollywoodiano, Leonardo DiCaprio è sicuramente una di quelle maggiormente attive quando si parla di donare denaro per aiutare persone in difficoltà. Vi avevamo già raccontato di quando, attraverso la fondazione ambientalista Earth Alliance, di cui è co fondatore, era riuscito a raccogliere insieme a Apple la cifra record di 12 milioni da des (continua)

Michele Bertucca Si chiama Greencube, è grande poco meno di una scatola di scarpe, visto che misura 30 x 10 x 10 cm

Michele Bertucca Si chiama Greencube, è grande poco meno di una scatola di scarpe, visto che misura 30 x 10 x 10 cm
ROMA - Si chiama Greencube, è grande poco meno di una scatola di scarpe, visto che misura 30 x 10 x 10 cm e si basa su colture idroponiche a ciclo chiuso. È tutto italiano il primo micro orto spaziale per coltivare verdure in orbita. Sarà ospitato da un mini satellite a 6.000 chilometri dalla Terra e verrà spedito in orbita con il volo inaugurale del nuovo lanciatore europeo, il razzo Vega-C dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa)  Michele Bertucca  - Si chiama Greencube, è grande poco meno di una scatola di scarpe, visto che misura 30 x 10 x 10 cm e si basa su colture idroponiche a ciclo chiuso. È tutto italiano il primo micro orto spaziale per coltivare verdure in orbita. Sarà ospitato da un mini satellite a 6.000 chilometri dalla Terra e verrà spedito in orbita con il volo inaugurale del nuovo lanciat (continua)

Michele Bertucca Per andare su Marte la Cina sceglie il nome di un antico poema filosofico. il paradigma mai creato

Michele Bertucca Per andare su Marte la Cina sceglie il nome di un antico poema filosofico. il paradigma mai creato
PECHINO - Il nome di un antico poema filosofico, scritto oltre duemila anni fa, per la prima missione esplorativa cinese su Marte. Sarà chiamata "Tianwen-1" (Domande rivolte al cielo), il lancio della sonda è programmato già nel 2020, con l'obiettivo ambizioso di centrare in un'unica spedizione il raggiungimento dell'orbita, l'atterraggio di un rover e l'esplorazione del pianeta rosso. Lo ha (continua)

Vincenzo Pompeo Bava : Svizzera dovrà sostenere i costi della crisi del coronavirus sull’arco di un lungo periodo. Lo ha detto il presidente

Vincenzo Pompeo Bava :  Svizzera dovrà sostenere i costi della crisi del coronavirus sull’arco di un lungo periodo. Lo ha detto il presidente
La Svizzera dovrà sostenere i costi della crisi del coronavirus sull’arco di un lungo periodo. Lo ha detto il presidente della Banca nazionale svizzera Thomas Jordan in un’intervista apparsa sulla Son La Svizzera dovrà sostenere i costi della crisi del coronavirus sull’arco di un lungo periodo. Lo ha detto il presidente della Banca nazionale svizzera Thomas Jordan in un’intervista apparsa sulla SonntagsZeitung, precisando che l’attività dell’economia è attualmente solo al 70-80% circa dei livelli normali, con costi che vanno dagli 11 ai 17 miliardi di franchi al mese. Anche molte azie (continua)