Home > Primo Piano > ‹‹Cara mamma…. so che mi aspettavi››

‹‹Cara mamma…. so che mi aspettavi››

scritto da: LOsservatorio | segnala un abuso

‹‹Cara mamma…. so che mi aspettavi››


La lettera di Ivan D’Ignoti, giovane regista siciliano, che ha deciso di rimanere a Milano.

Continuano le polemiche sull’arrivo in Sicilia di tanti che non sono riusciti a rimanere lontano dalla famiglia. Per loro l’interrogativo era rimanere o fare ritorno a casa? C’è chi ha scelto l’una chi l’altra possibilità.

C’è chi, pur essendo attratto fortemente dalla sua terra e dai suoi affetti, ha deciso di rimanere al Nord, a Milano, e far sentire ugualmente la propria vicinanza alla famiglia e alla mamma, che vive a Bompietro, piccolo paese del palermitano nelle Madonie, attraverso una lettera.

Stiamo parlando del regista Ivan D’Ignoti. Un giovane siciliano emergente che ultimamente, oltre a viaggiare per il mondo e per l'Italia, ha curato la regia degli scherzi del programma televisivo Scherzi a Parte su Canale 5, con Paolo Bonolis. 

Ivan  ha deciso di trascorrere la propria quarantena a Milano facendo viaggiare solamente le parole, scritte nella lettera che ha pubblicato sui suoi profili social, che vi proponiamo:

 

Cara mamma,
so che mi aspettavi. 
💔

Sarei dovuto partire nei giorni scorsi per rivederti dopo quasi quattro mesi, ma non partirò. Non posso partire. Sono qui a Milano, chiuso in appartamento. Sono stanco di guardare film e serie tv, basta videochiamate e soprattutto basta surgelati, ho voglia di lasagne ma sai che non sono capace come te in cucina. Non sai la rabbia, la frustrazione, la voglia di scappare e prendere un treno, un aereo, fregarmene delle regole. Non l’ho fatto perché mi hai educato così.
Mi hai insegnato ad essere responsabile e a non lasciarmi tradire dalla disperazione, dall’istinto e da questa maledetta ipocondria. Fa male sentire il suono dell’ambulanze che rimbomba dalle finestre, vedere i mezzi militari trasportare le salme delle vittime, fa male non abbracciarti e sentirmi dire “ce la faremo”! Ma non ti preoccupare, in questi giorni non sto ascoltando solo la paura, sto cercando di sfruttare questo momento per fare quello che nella vita di tutti i giorni non riesco a fare: fermarmi.
Ora che la testa è libera da tutti gli impegni mi rendo conto delle cose che veramente mi fanno stare bene, e tu sei una di quelle. Le tue lasagne mi fanno stare bene, come mi culli tu quando sono triste mi fa sentire al sicuro. Mi manchi, mi mancate tanto. Ma adesso veramente non posso, è arrivato il momento di diventare grandi, di diventare più responsabili. Devo imparare a cullarmi da solo quando mi viene da piangere e mi rendo conto di quanto eri brava a farlo tu mamma.
Ti prometto che tornerò presto da te e sarò più grande, più consapevole. Stavolta le lasagne le porto io, in quarantena ho imparato a cucinare anche quelle. Appena potrò riabbracciarti ti cullerò io.
Aspettami mamma!

 

Questi i canali social di Ivan D'Ignoti:

- Facebook: https://www.facebook.com/ivan.dignoti

- Instagram: https://www.instagram.com/ilsolitoivandignoti/?hl=it

 

cronaca | televisione |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Scopri i Regali Solidali da Donare per la Festa della Mamma


Nasce Gynefam Mamma, il nuovo integratore multivitaminico e multiminerale per la gravidanza


Cardinal Tarcisio Bertone, la famiglia ha una carta di cittadinanza divina


Ed è stato subito amore......


Gioielli e brillanti per un tesoro chiamato mamma.


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

‹‹Legends›› di Matthew Lee Anche In Sicilia

‹‹Legends›› di Matthew Lee Anche In Sicilia
Il Summer Tour 2020 sarà un viaggio dal sapore vintage che Matthew, pianista e cantante innamorato del rock’n’roll, regalerà al suo pubblico. Dopo questo Lungo tempo di isolamento forzato il ciclone Matthew Lee si presenta con un nuovissimo spettacolo. “Legends” nasce da un idea sviluppata nel corso delle tante dirette social con cui l’artista ha allietato i suoi numerosi fans durante il loch down. Uno spettacolo potente ed emozionante che vuole omaggiare le grandi leggende degli anni 50/60 che hanno ispirato la sua formazion (continua)

In attesa di ritornare a suonare................ IL DOPO LOCKDOWN DELL’ARTISTA ANTONIO VASTA

In attesa di ritornare a suonare................ IL DOPO LOCKDOWN DELL’ARTISTA ANTONIO VASTA
Il musicista siciliano ha collaborato con Francesco De Gregori, l’Orchestra Popolare Italiana, Franco Battiato e nell’ultimo periodo si è legato a Mario Incudine. In cantiere anche un progetto da solista per Antonio Vasta. #ritorniamoasuonareIl mondo della musica dal vivo e dei concerti attende la ripartenza. L’emergenza coronavirus ha portato all’annullamento di tutti gli appuntamenti. Ora, dopo il lockdown, gli operatori dello spettacolo stanno provando ad inventarsi nuovi scenari per ripartire. C’è tanta voglia di riorganizzarsi affinché la musica live continui a essere la protagonista di momen (continua)

PORTARE LA MUSICA E LO SPETTACOLO A CASA DELLA GENTE. DALL’ANTICO FORMAT DELLA SERENATA NASCE IL PROGETTO DI MARIO INCUDINE «AFFACCIABEDDA»

PORTARE LA MUSICA E LO SPETTACOLO A CASA DELLA GENTE.  DALL’ANTICO FORMAT DELLA SERENATA NASCE IL PROGETTO DI MARIO INCUDINE «AFFACCIABEDDA»
Lo spettatore interagirà con l’artista che si sta esibendo sotto il proprio balcone o nella via del proprio quartiere. Trasformare i balconi delle città in platee di teatro è l’idea di Mario Incudine, progettata dall’Asc Production e dal Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla, per l’estate che si avvicina. Lo scopo è quello di portare la musica e lo spettacolo a casa della gente.Si tratta di una esibizione itinerante da tenersi per le vie delle città che potrà essere vista non solo da chi si affaccia al balcone m (continua)

Che fine faranno gli artisti ? Lo sfogo di Mario Incudine

Che fine faranno gli artisti ? Lo sfogo di Mario Incudine
Stiamo reinventando un modo 2.0 di fare musica, teatro e intrattenimento ma tutto deve tornare nei luoghi deputati, deve ritornare a quella dicotomia attori-spettatori. Si è appena intercettato un timido intervento del ministro Franceschini. Io attendo con ansia qualcosa in più. Un suo post, un suo tweet, una sua apparizione mariana, un suo messaggio in bottiglia, un suo piccione vi (continua)

#sosteniamogliartisti L’ITALIA NON PUÒ PERMETTERSI DI PERDERE CHI PRODUCE ARTE E CULTURA

#sosteniamogliartisti L’ITALIA NON PUÒ PERMETTERSI DI PERDERE CHI PRODUCE ARTE E CULTURA
 Nella lunga crisi che vivremo rischiamo di perdere gli artisti. Bisogna pensare ad un intervento specifico per questi lavoratori che sono un bene primario della società e vanno preservati. L’appello dell’ASC Producion. Oggi la musica e lo spettacolo si è confermato bene di prima necessità e chi la produce deve essere preservato, deve essere considerato eleme (continua)