Home > Musica > ‹‹La Cattuta››: il viaggio della Cicciuzzi tra alcune pagine della storia di Palermo

‹‹La Cattuta››: il viaggio della Cicciuzzi tra alcune pagine della storia di Palermo

scritto da: LOsservatorio | segnala un abuso

‹‹La Cattuta››: il viaggio della Cicciuzzi tra alcune pagine della storia di Palermo


‹‹La Cattuta››: il viaggio della Cicciuzzi tra alcune pagine della storia di Palermo

La peste, Santa Rosalia e il miracolo sono i protagonisti dell’ultimo lavoro della band siciliana che ha voluto fare un omaggio alla città di Palermo.

Nel brano anche u “Triunfu” a Santa Rosalia cantato da Mario Incudine

La peste a Palermo e il miracolo di Santa Rosalia passando da chi ha fatto sì che tutto avvenisse. Nasce così il nuovo lavoro della band "La Cicciuzzi" che oggi lancia il nuovo videoclip del brano dal titolo "La Cattuta" dai propri canali social.

Il testo è stato scritto nel 2018, quando Palermo era capitale italiana della cultura, con l’idea di fare un omaggio al proprio capoluogo, al culto e alla devozione per Santa Rosalia. La storia che viene cantata è conosciuta da tutti i palermitani ma la protagonista del brano non è la “santuzza” ma la donna, forse meno nota, la cui vita si è intrecciata con la patrona di Palermo: La Cattuta (in alcuni casi chiama anche La Gattuta, Gattuso o Gatto)

Le strofe scritte da Sandro Spitale e musicate da Francesco Giaconia raccontano di Girolama La Cattuta, la donna che per prima venne guarita da Santa Rosalia in cambio del voto di recarsi sul Monte Pellegrino.

Siamo nell’ottobre 1623, presso l’ospedale Grande di Palermo (attuale Palazzo Sclafani) si trova Girolama La Cattuta in fin di vita. La donna ha in sogno Santa Rosalia che la guarisce in cambio della promessa di recarsi sul Monte. Girolama si ristabilisce ma non adempie al voto fatto. Un anno dopo, arrivata la peste a Palermo, si riammala e decide di adempiere all’ex voto. Si reca sul Monte Pellegrino per compiere le proprie devozioni e lì rivede Santa Rosalia che oltre a salvarla nuovamente le indica dove trovare le proprie reliquie che dopo varie vicissitudini furono portate in processione e fecero cessare la peste.

Una storia che ha incuriosito e stimolato La Cicciuzzi, apprezzata band siciliana di Gangi, a scrivere e musicare queste vicende seguendo il loro genere, la worl music, che attraversa sonorità popolari, folk, pop, rock. Naturalmente la loro narrazione va oltre il racconto.

“Girolama, nel nostro pezzo – afferma Sandro Spitale – è una donna seducente, puramente passionale, in preda ad un male che può essere invariabilmente peste o amore carnale, mentre rabbiosa e folle sale dalla Cala perdendosi per le strade della Vuccirìa, contagiando gli abitanti tramite il ballo, mentre il cielo di Palermo si liquefa in un fortissimo temporale.”

Nel brano vi è anche u “Triunfu” a Santa Rosalia che viene cantato da un “triunfista” d’eccezione: Mario Incudine.  La partecipazione al brano di Incudine impreziosisce l’intera canzone anche dal punto di vista letterario tradizional popolare. Il “triunfu” canta il miracolo della guarigione dalla peste della città di Palermo nel 1624. 

“L’uscita del video, la cui regia è stata curata da Toto Clemenza – spiega Rosario Sabatino dell’ASC Production che produce La Cicciuzzi - era già programmata da tempo e solo il caso ha voluto che fosse pronto proprio oggi che siamo alle prese con un virus contagioso come la peste del 1600. Di sicuro – afferma La Cicciuzzi - è un regalo che facciamo ai nostri fans costretti a casa da una malaria moderna. Speriamo che tutto finisca presto così potremo ballare alla Vuccirìa, abbracciarci forte senza paura e baciarci come se ci dovessero finire le labbra. Fino ad allora ballatela a casa.”

Un consiglio che arriva da tutta la formazione composta da Santino Paternò (voce), Sandro Spitale (tastiera e voce), Rosario Pio Paternò (chitarra acustica), Maurizio Nasello (chitarra elettrica), Francesco Gallina (sax contralto), Vincenzo Giunta (sax tenore), Francesco Giaconia (basso elettrico), Giuseppe Brucato (percussioni), Manuel Vena (batteria)

 

LA BIOGRAFIA

 

La Cicciuzzi nasce nel 2013 a Gangi (Pa) dalla voglia dei suoi fondatori di esprimersi attraverso sonorità popolari, folk, pop, rock che sono della world music. Quasi subito arriva il primo videoclip dell’inedito “Clochard”. Il singolo si classifica al sesto posto nella classifica dei 10 migliori videoclip del 2015 alla FIM (Fiera Internazionale della Musica). Nel 2015, esce il primo Ep dal titolo “Nel Bere e nel mare”. Nel luglio dello stesso anno il gruppo si esibisce all’Expo al Cluster Bio Mediterraneo in rappresentanza dei paesi dell’entroterra Madonita. Il 14 febbraio 2016 esce un nuovo video sul brano  “ I fuochi della terza età”  proposto per partecipare alle selezioni di Sanremo Giovani.
Ad aprile sono ospiti della trasmissione televisiva “Insieme” e a Luglio si esibiscono a Rosolina Mare (RO). Con il brano “Mojeka” partecipano alle semifinali del concorso promosso da Amnesty International “Voci per la Libertà” e vincono il premio “Web Social 2016”. Nello stesso anno a Cosenza vincono il premio Testo in Con-Testo. Nel 2017 esce il brano “Chi vi conta”, dedicato a tutti i martiri della mafia, con il quale hanno partecipato al concorso “Musica contro le mafie” a Cosenza classificandosi al terzo posto. Con lo stesso brano hanno vinto il premio ACEP-UNEMIA consistente in una borsa di produzione messa a disposizione dalle tre Associazioni di Categoria degli Autori ed Editori italiani. Il 2018 è per La Cicciuzzi caratterizzato da un tour estivo ricco di eventi nelle più importanti piazze siciliane che vedono come special guest il poliedrico artista Mario Incudine. In occasione di “Palermo Capitale della Cultura 2018” si esibiscono nelle piazze di Sferracavallo, Mondello e Palermo. Partecipano al programma televisivo di La5 “IBand”, sotto la direzione artistica del Maestro Vincenzo Sorrentino.

cultura | palermo | musica | santa rosalia | mario incudine | cicciuzzi |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Mafia City H5: borders set by the mafia bosses that controlled the territory


Fabrizio Palermo: Fortune nomina l’AD e DG DI CDP “Businessperson of the Year”


Cdp: l’AD Fabrizio Palermo parla del piano in corso e degli eccellenti risultati del 2019


Fabrizio Palermo: il nuovo assetto di Cdp sul modello francese


Fabrizio Palermo ad Ancona: i dettagli della cooperazione CDP-Regione Marche


Progetto Italia, Fabrizio Palermo: “Operatore in grado di competere a livello globale”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

PORTARE LA MUSICA E LO SPETTACOLO A CASA DELLA GENTE. DALL’ANTICO FORMAT DELLA SERENATA NASCE IL PROGETTO DI MARIO INCUDINE «AFFACCIABEDDA»

PORTARE LA MUSICA E LO SPETTACOLO A CASA DELLA GENTE.  DALL’ANTICO FORMAT DELLA SERENATA NASCE IL PROGETTO DI MARIO INCUDINE «AFFACCIABEDDA»
Lo spettatore interagirà con l’artista che si sta esibendo sotto il proprio balcone o nella via del proprio quartiere. Trasformare i balconi delle città in platee di teatro è l’idea di Mario Incudine, progettata dall’Asc Production e dal Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla, per l’estate che si avvicina. Lo scopo è quello di portare la musica e lo spettacolo a casa della gente.Si tratta di una esibizione itinerante da tenersi per le vie delle città che potrà essere vista non solo da chi si affaccia al balcone m (continua)

Che fine faranno gli artisti ? Lo sfogo di Mario Incudine

Che fine faranno gli artisti ? Lo sfogo di Mario Incudine
Stiamo reinventando un modo 2.0 di fare musica, teatro e intrattenimento ma tutto deve tornare nei luoghi deputati, deve ritornare a quella dicotomia attori-spettatori. Si è appena intercettato un timido intervento del ministro Franceschini. Io attendo con ansia qualcosa in più. Un suo post, un suo tweet, una sua apparizione mariana, un suo messaggio in bottiglia, un suo piccione vi (continua)

#sosteniamogliartisti L’ITALIA NON PUÒ PERMETTERSI DI PERDERE CHI PRODUCE ARTE E CULTURA

#sosteniamogliartisti L’ITALIA NON PUÒ PERMETTERSI DI PERDERE CHI PRODUCE ARTE E CULTURA
 Nella lunga crisi che vivremo rischiamo di perdere gli artisti. Bisogna pensare ad un intervento specifico per questi lavoratori che sono un bene primario della società e vanno preservati. L’appello dell’ASC Producion. Oggi la musica e lo spettacolo si è confermato bene di prima necessità e chi la produce deve essere preservato, deve essere considerato eleme (continua)

#oggiioesco. Esco sulle ali della musica

#oggiioesco. Esco sulle ali della musica
Il giovane siciliano Salvatore Sabatino rimasto a Milano continua viaggiare dalla sua terra grazie alla musica. Mentre il Premier annuncia che la quarantena non è finita, c’è chi esce ugualmente. E lo fa annunciandolo sui suoi canali social.  #oggiioesco scrive Salvatore Sabatino, esco sulle ali della musica.  Con il suo pianoforte Salvatore continua viaggiare da (continua)

‹‹Cara mamma…. so che mi aspettavi››

‹‹Cara mamma…. so che mi aspettavi››
La lettera di Ivan D’Ignoti, giovane regista siciliano, che ha deciso di rimanere a Milano. Continuano le polemiche sull’arrivo in Sicilia di tanti che non sono riusciti a rimanere lontano dalla famiglia. Per loro l’interrogativo era rimanere o fare ritorno a casa? C’è chi ha scelto l’una chi l’altra possibilità. C’è chi, pur essend (continua)