Home > Altro > Non si tratta di morale quando parliamo delle vittime più innocenti della Cocaina: i bambini!

Non si tratta di morale quando parliamo delle vittime più innocenti della Cocaina: i bambini!

scritto da: Tiziana Bonazza | segnala un abuso


Informati prima di rischiare: corso gratuito online La verità sulla Cocaina Tutti sanno che la cocaina è droga, ma non si pensa ai bimbi che nascono tossicodipendenti da madri che ne fanno uso? Si sente spesso dire: “Certo, prendo droga ma sono fatti miei!” Eppure l’uso di droga miete sempre vittime innocenti, da quelli che diventano preda di tossicomani che cercano di finanziare la propria assuefazione con misure disperate, a quelli che muoiono in incidenti stradali causati da automobilisti sotto l’effetto della droga. Le vittime più innocenti della cocaina sono i neonati di madri che l’hanno assunta durante la gravidanza. Nei soli Stati Uniti nascono ogni anno decine di migliaia di neonati sottoposti alla cocaina. Quelli che non soffrono di assuefazione soffrono però spesso di svariati problemi fisici che possono includere nascita prematura, peso insufficiente alla nascita, crescita ridotta, difetti congeniti e danni al cervello e al sistema nervoso. I neonati che alla nascita hanno un peso insufficiente corrono il rischio di morire nel primo mese dieci volte di più dei neonati di peso normale e di soffrire di handicap che durano tutta la vita, come ad esempio ritardo mentale e danni al cervello. L’impatto di questa tragedia umana sulla società non è ancora stato misurato fino in fondo. L’umanitario L. Ron Hubbard descrisse questo fenomeno come uno dei più devastanti della cultura attuale. Nel 1905, divenne popolare sniffare cocaina e dopo cinque anni gli ospedali e la letteratura medica iniziarono a segnalare casi di danno nasale derivanti dall’utilizzo di questa droga. Nel 1912, il governo degli Stati Uniti segnalò 5.000 decessi correlati alla cocaina in un anno e nel 1922, la droga venne bandita ufficialmente. Nel 1970, la cocaina emerse come la nuova droga alla moda per il mondo dello spettacolo e gli uomini d’affari. La cocaina sembrava essere la compagna ideale per avere un piacere facile ed immediato. “Forniva energia” e aiutava le persone a rimanere “su”. Tradizionalmente, la cocaina era una droga da ricchi, a causa del costo elevato della sostanza stupefacente. Entro la fine degli anni ’80, la cocaina non era più considerata come la droga dei ricchi. A quel punto, in America, aveva la reputazione di essere la droga più pericolosa e che creava dipendenza, legata alla povertà, alla criminalità e alla morte. Dal 2008, la cocaina è diventata la seconda droga illegale più trafficata al mondo. Un appello alle madri: scopri LA VERITA’ SULLA COCAINA, SCOPRI LA VERITA’ SULLA DROGA!


Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Chi sono le vittime più innocenti della Cocaina? I bambini!


- Brusciano: Adesione alla XXV Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. (Scritto da Antonio Castaldo).


GIORNATA DEDICATA AL BAMBINO


GIORNATA DEDICATA AL BAMBINO


Dicevano … con la cocaina ti divertirai tutta la notte. Scopri la verità sulla cocaina! Una polvere bianca letale


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

FAR CONOSCERE I DIRITTI UMANI AI CITTADINI DI CESENATICO

FAR CONOSCERE I DIRITTI UMANI AI CITTADINI DI CESENATICO
Viviamo in un mondo in balia delle ineguaglianze e delle contraddizioni. La dichiarazione dei diritti umani può fare la differenza. I nostri parlamenti hanno reso illegali molte attività disumane e hanno approvato leggi con lo scopo di assicurare un trattamento equo per tutti, tuttavia le organizzazioni per i diritti umani ci ricordano che per molti dei 6 miliardi di individui che vivono oggi sulla Terra, la vita continua ad essere una lotta dolorosa per sopravvivere contro ingiustizie e abusi. A questo proposito i volontari d (continua)

ALCOLISMO

ALCOLISMO
Un tocco di prevenzione senza moralismi La maggior parte delle persone nel corso della vita ha assunto alcol e questo non è un comportamento patologico. Tuttavia il consumo di eccessive quantità di alcol viene considerato un disturbo quando comporta una compromissione del comportamento psicosociale dell'individuo o quando si manifesta una dipendenza (ossia l'incapacità a rimanere sobri). In questi casi si parla di abuso alcolismo. L' (continua)

Cos’è il Crystal Meth? Droga è droga: continua l’informazione per un adeguata prevenzione

Cos’è il Crystal Meth? Droga è droga: continua l’informazione per un adeguata prevenzione
Crystal meth è l’abbreviazione di “metanfetamina in cristalli”. Non è che un tipo di metanfetamina. È una droga cristallina bianca che si assume “sniffandola” (inalandola attraverso il naso), fumandola o iniettandola con un ago. Qualcuno la assume persino per via orale, ma in ogni caso si sviluppa un forte desiderio di continuare ad assumerla, poiché crea un falso senso di felicità e benessere: un impeto di fiducia, iperattività ed energia, chiamato “rush” (forte sensazione). Si sperimenta (continua)

CREARE UN MONDO LIBERO DALLA DROGA TUTTA LA VERITÀ SUL DMT

Gli effetti sulla droga psichedelica più potente al mondo – Dimetiltriptamina – DMT. Il DMT si presenta in forma cristallina che viene spesso inalata (in alto) e anche in infusi di ayahuasca prodotta con foglie e steli di una vite tropicale (in basso). Dimetiltriptamina o DMT, la potente droga psichedelica, ha molti nomi: la Molecola dello Spirito, Elf Spice, Dimitri, Fantasia, Viaggio dell’Uomo d’Affari, Businessman’s Special e la Psicosi da 45 minuti. Una polvere crista (continua)

RIVIVERE I PARCHI: RACCOGLIAMO SIRINGHE AL PARCO SERRAVALLE A CESENA

Ritornare a vivere i parchi in piena sicurezza, ecco l’obiettivo dei volontari. Lunedì prossimo i volontari di Cesena di Mondo libero dalla droga che si recheranno al parco Serravalle, con le dovute precauzioni, effettueranno anche una raccolta di siringhe, anche se in questo periodo i parchi son rimasti chiusi. Questo per mantenere in sicurezza ulteriormente l’area che presto verrà presa d’assalto dai bimbi e dalle persone che potranno accedervi per godere del verde pubblico (continua)