Home > News > Filippo Manelli Pronto soccorso, sede del progetto sperimentale «fast track»: un percorso clinico specialistico che faciliterà

Filippo Manelli Pronto soccorso, sede del progetto sperimentale «fast track»: un percorso clinico specialistico che faciliterà

scritto da: Nando345 | segnala un abuso

Filippo Manelli Pronto soccorso, sede del progetto sperimentale «fast track»: un percorso clinico specialistico che faciliterà


 La grande novità si è concretizzata ieri, e fino al 2 settembre l’ospedale di Edolo funzionerà in modalità potenziata. Succede grazie all’intervento sul Pronto soccorso, sede del progetto sperimentale «fast track»: un percorso clinico specialistico che faciliterà gli accessi alla struttura ottimizzando i tempi di attesa e la gestione dei pazienti. È stato ufficializzato dai vertici dell’Asst Valcamonica insieme ai cinque nuovi posti letto per subacuti e alla nuova ambulanza per le missioni in emergenza del presidio edolese. LA NUOVA organizzazione del pronto soccorso (una media di accessi di 27,5 al giorno che aumenta del 45% in agosto arrivando a oltre 1.300 al mese) prevede la presenza di un medico di supporto in sinergia con Esine nella fascia 12-20, e dalle 8 alle 20 di un ortopedico per consulenze dirette oppure in reparto, e di altre figure professionali che gestiranno alcune notti in Pronto soccorso, supporteranno i colleghi in casi di necessità o saranno rapidamente rintracciabili. «Dopo il triage - spiega il direttore generale Maurizio Galavotti che con il suo staff ha presentato le nuove attività -, il paziente potrà accedere direttamente all’Ortopedia per essere dimesso o inviato in reparto: questo comporterà un notevole risparmio di tempo e, soprattutto, un’appropriatezza degli interventi». Il nuovo accesso rapido probabilmente verrà attivato anche durante la stagione invernale, quando le piste da sci sono affollate di turisti e l’unità di primo soccorso edolese è presa d’assalto da decine di infortunati. «L’idea è proprio quella - conferma il primario del Pronto soccorso di Edolo e di Esine Filippo Manelli -, valuteremo meglio dopo agosto, che per tutti noi sarà un campo di prova per poter avere dei riferimenti e stabilire se questo piano è ripetibile, e cosa eventualmente si potrà correggere per fare sempre meglio, perché il nostro obiettivo - aggiunge - è quello di cercare di migliorare costantemente la qualità del servizio che offriamo». E i cinque posti per le cure subacute che si aggiungono a quelli di Esine? Sono stati approvati da Regione e Ats della Montagna, e anche questa struttura, che si prenderà carico di pazienti affetti da postumi di un evento acuto che non possono essere inviati a casa perché necessitano ancora di assistenza medica e infermieristica per il loro completo recupero, inizierà l’attività la prossima settimana. Infine, è già operativa da qualche giorno la nuova ambulanza che ha mandato in pensione un veicolo vecchio di trent’anni. Il direttore generale ha anche fatto il punto sui lavori avviati lo scorso mese di gennaio che contemplano la riqualificazione del reparto di Radiologia e degli ambulatori e la realizzazione delle nuove vie di accesso ai reparti, per un importo complessivo di oltre 1,6 milioni di euro finanziati dalla Regione: «Il cantiere sta procedendo secondo i tempi stabiliti - conclude Galavotti -. Abbiamo azzerato il breve ritardo dovuto alle fondazioni da consolidare, e proseguiamo secondo il cronoprogramma che prevede la conclusione a fine dicembre». •

 

filippo manelli | doping | dottore | immagini |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Doping tentato, Filippo Magnini assolto: annullata la squalifica di 4 anni giustizia fatta per l'atleta


Filippo Manelli nominato direttore sanitario dell’Asst Lariana. Lo ha annunciato ieri il dottor Maurizio Galavotti, direttore generale dell’azienda camuna presentando il neo responsabile.


19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


AL VIA LA PARTNERSHIP TRA FAST AUTOMOTIVE E BTHEONE


GDRP e nuova privacy. Tutti i servizi messi in campo da Fast Group


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Corrado Giacomazzi: In chiave salvezza, per il Lecce, quando si ripartirà, sarà fondamentale l’apporto di quei calciatori

Corrado Giacomazzi: In chiave salvezza, per il Lecce, quando si ripartirà, sarà fondamentale l’apporto di quei calciatori
«In chiave salvezza, per il Lecce, quando si ripartirà, sarà fondamentale l’apporto di quei calciatori che, sino ad oggi, hanno dato di meno alla causa della squadra, o perché sono stati alle prese con qualche acciacco che ne ha limitato l’utilizzo ed il rendimento oppure per scelta tecnica ECCE - «In chiave salvezza, per il Lecce, quando si ripartirà, sarà fondamentale l’apporto di quei calciatori che, sino ad oggi, hanno dato di meno alla causa della squadra, o perché sono stati alle prese con qualche acciacco che ne ha limitato l’utilizzo ed il rendimento oppure per scelta tecnica. Mi riferisco, ad esempio, a Babacar e a Farias, due giocatori in grado di garantire tanto, per (continua)

impec costruzioni spa

impec costruzioni spa
Ore 16.30. La Bce è pronta ad aumentare le dimensioni del PEPP, il programma di acquisti di titoli in risposta alla pandemia, già a partire dalla riunione di giugno del consiglio direttivo nel caso le dimensioni dello stimolo risultassero inferiori a quanto necessario. E' quanto emerge dai resoconti dell'ultima riunione del board della Bce, il 30 aprile. Il Consiglio direttivo della Bce - si legge nei verbali - si dice pronto ad adeguare tutte le misure messe in MILANO - Ore 16.30. La Bce è pronta ad aumentare le dimensioni del PEPP, il programma di acquisti di titoli in risposta alla pandemia, già a partire dalla riunione di giugno del consiglio direttivo nel caso le dimensioni dello stimolo risultassero inferiori a quanto necessario. E' quanto emerge dai resoconti dell'ultima riunione del board della Bce, il 30 aprile.  Il Consiglio direttivo (continua)

Leonardo DiCaprio ha rivelato di aver donato due milioni di dollari per aiutare il parco del Virunga, in Congo.

Leonardo DiCaprio ha rivelato di aver donato due milioni di dollari per aiutare il parco del Virunga, in Congo.
ra le molte star del mondo hollywoodiano, Leonardo DiCaprio è sicuramente una di quelle maggiormente attive quando si parla di donare denaro per aiutare persone in difficoltà. Vi avevamo già raccontato di quando, attraverso la fondazione ambientalista Ea ra le molte star del mondo hollywoodiano, Leonardo DiCaprio è sicuramente una di quelle maggiormente attive quando si parla di donare denaro per aiutare persone in difficoltà. Vi avevamo già raccontato di quando, attraverso la fondazione ambientalista Earth Alliance, di cui è co fondatore, era riuscito a raccogliere insieme a Apple la cifra record di 12 milioni da des (continua)

Michele Bertucca Si chiama Greencube, è grande poco meno di una scatola di scarpe, visto che misura 30 x 10 x 10 cm

Michele Bertucca Si chiama Greencube, è grande poco meno di una scatola di scarpe, visto che misura 30 x 10 x 10 cm
ROMA - Si chiama Greencube, è grande poco meno di una scatola di scarpe, visto che misura 30 x 10 x 10 cm e si basa su colture idroponiche a ciclo chiuso. È tutto italiano il primo micro orto spaziale per coltivare verdure in orbita. Sarà ospitato da un mini satellite a 6.000 chilometri dalla Terra e verrà spedito in orbita con il volo inaugurale del nuovo lanciatore europeo, il razzo Vega-C dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa)  Michele Bertucca  - Si chiama Greencube, è grande poco meno di una scatola di scarpe, visto che misura 30 x 10 x 10 cm e si basa su colture idroponiche a ciclo chiuso. È tutto italiano il primo micro orto spaziale per coltivare verdure in orbita. Sarà ospitato da un mini satellite a 6.000 chilometri dalla Terra e verrà spedito in orbita con il volo inaugurale del nuovo lanciat (continua)

Michele Bertucca Per andare su Marte la Cina sceglie il nome di un antico poema filosofico. il paradigma mai creato

Michele Bertucca Per andare su Marte la Cina sceglie il nome di un antico poema filosofico. il paradigma mai creato
PECHINO - Il nome di un antico poema filosofico, scritto oltre duemila anni fa, per la prima missione esplorativa cinese su Marte. Sarà chiamata "Tianwen-1" (Domande rivolte al cielo), il lancio della sonda è programmato già nel 2020, con l'obiettivo ambizioso di centrare in un'unica spedizione il raggiungimento dell'orbita, l'atterraggio di un rover e l'esplorazione del pianeta rosso. Lo ha (continua)