Home > Cultura > Consumo di droga e violenza sessuale

Consumo di droga e violenza sessuale

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Consumo di droga e violenza sessuale


Una recente sentenza della cassazione ha stabilito che all’imputato, accusato di violenza sessuale, non poteva essere riconosciuta l’aggravante a causa dell’uso di sostanze stupefacenti, in quanto la vittima della violenza aveva assunto la droga per suo conto, senza essere spinta dal criminale violentatore.

Indipendentemente dalla decisione della Corte di Cassazione, è interessante analizzare la dinamica dell’episodio criminoso: la ragazza si fuma uno spinello per conto suo, un tipo che le aveva offerto la droga informa il violentatore che la ragazza era “sballata” e quindi se ne poteva approfittare facilmente, il criminale approfitta dello stordimento e la costringe al sesso stuprandola.

La morale della favola, per le ragazze, è che le droghe le pongono in una posizione di debolezza, rendendole facile preda degli stupratori. L’assunzione di droga non giustifica minimamente il gesto criminale, ma va da sé che una ragazza responsabile farebbe bene a conoscere questi meccanismi, questi effetti che la droga (in questo caso la marijuana) ha sulla mente e sul comportamento. Perdere il controllo di se stessi in questi casi può essere fatale.

L’associazione internazionale “Un Mondo Libero dalla Droga” crede che sia necessario far sapere a tutti, soprattutto ai giovani, la verità sulla marijuana. È necessario far sapere che è una droga, che dà astinenza e dipendenza, che può causare violenza e incidenti, che quintuplica il rischio di psicosi e raddoppia quello di schizofrenia, causa inoltre una sensibile diminuzione del quoziente di intelligenza.

“Un Mondo Libero dalla Droga” si propone di aiutare le scuole a fare prevenzione sull’abuso di droghe, alcool e farmaci. I volontari effettuano lezioni e conferenze ai ragazzi, e molte scuole adottano la campagna portando avanti loro stesse i programmi di prevenzione grazie ai materiali educativi dell’associazione. Tutti gli interventi dei volontari sono a titolo assolutamente gratuito, come pure la fornitura di opuscoli, manuali, video.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. La campagna è del tutto laica, l’associazione organizza anche eventi pubblici nei quali vengono distribuiti opuscoli su tutti i più comuni tipi di droghe ai cittadini. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard


Fonte notizia: http://it.drugfreeworld.org


Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard | crisi di astinenza | marijuana | cannabis | violenza sessuale |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Cristiano Ronaldo: chiesto l'esame del Dna per le accuse di stupro a Las Vegas


Rimedi Eiaculazione Precoce


Preparazione atletica


Identità di genere: differenze in età evolutiva e relazione con il gioco


Sexy shop: principali tipi di sexy toys


In nome dell'Uomo, l'arte contro la violenza


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Anche a Washington si combatte per i Diritti Umani

Anche a Washington si combatte per i Diritti Umani
Travis Ellis diffonde la conoscenza dei 30 articoli della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Il tasso di omicidi della capitale USA, Washington, è più che raddoppiato in soli quattro anni, spingendo i leader cittadini a definire la situazione come "emergenza". Tuttavia, l'arresto dei trasgressori non è sufficiente, dato che la metà di quelli che vengono rilasciati finisce di nuovo dietro le sbarre entro tre anni. Questi ex carcerati spesso non riescono a trovare un alloggio o un lavo (continua)

Il 16esimo Summit Internazionale per i Diritti Umani 2019

Il 16esimo Summit Internazionale per i Diritti Umani 2019
Il vertice annuale sui diritti umani di Youth for Human Rights International si tiene a New York nel Palazzo di Vetro dell’ONU, accogliendo delegazioni di giovani da tutto il mondo. Speranze e risultati concreti sono stati i temi comuni che sono stati trattati nella sessione di apertura del 16° Vertice Internazionale Annuale sui Diritti Umani, trasmesso in diretta dalla Conference Room 4 del quartier generale delle Nazioni Unite a New York. Hanno partecipato ospiti provenienti da 78 nazioni, il vertice è durato tre giorni e si è concentrato sulle comunità che lavorano pe (continua)

I diritti umani in viaggio per i sette mari con Maersk

I diritti umani in viaggio per i sette mari con Maersk
La compagnia di navigazione danese Maersk ha deciso di educare i propri dipendenti sui diritti umani. Maersk spedisce in 121 paesi del mondo, ognuno con la sua diversa situazione politica e sociale, ecco che i diritti umani sono diventati una delle principali aree di interesse dell'azienda. È una società danese di trasporto e logistica internazionale, la più grande compagnia di spedizioni di container al mondo sia per dimensioni della flotta che per capacità di carico, lavora in 343 porti d (continua)

Alla Camera dei Deputati il premio “Eroi per i Diritti Umani”

Alla Camera dei Deputati il premio “Eroi per i Diritti Umani”
Il premio Youth for Human Rights Hero Awards onora persone che cambiano la vita degli altri attraverso l’istruzione sui diritti umani. Arte e Cultura per i Diritti Umani in Italia, ha organizzato un evento presso la Camera dei Deputati italiana, una delle tante attività educative per le quali al gruppo è stato conferito il premio “Youth for Human Rights Hero”. Negli anni scorsi migliaia di giovani hanno firmato le bandiere dei diritti umani che lo scomparso alpinista Daniele Nardi ha poi portato sulle montagne più alte nelle (continua)

Perché un tossicodipendente non ascolta

Perché un tossicodipendente non ascolta
Avete mai avuto l’impressione che una persona vi stava guardando ma eravate come «trasparente» e non ascoltava una sola parola di quello che dicevate? La principale arma che si ha per far sì che un tossicodipendente accetti di essere aiutato è la comunicazione, o meglio “vera comunicazione”. Tutto ciò che include accuse, imposizioni, ricatti, recriminazioni, aggressività, sarcasmo, ironia, frecciatine, mancate risposte, afflizione, mutismo, ecc. non è vera comunicazione! Sarà solo uno scontro che avrà come unico effetto far allontanare la p (continua)