Home > Sport > Doping tentato, Filippo Magnini assolto: annullata la squalifica di 4 anni giustizia fatta per l'atleta

Doping tentato, Filippo Magnini assolto: annullata la squalifica di 4 anni giustizia fatta per l'atleta

scritto da: Nando345 | segnala un abuso

Doping tentato, Filippo Magnini assolto: annullata la squalifica di 4 anni giustizia fatta per l'atleta


 Come riportato sul corrire della sera Un clamorosa vittoria giudiziario-sportiva per un atleta italiano, una cocente sconfitta (la più pesante della storia) per il Tribunale Nazionale Antidoping del nostro Paese. Questo significa il ribaltamento della squalifica dell’ex campione del nuoto Filippo Magnini da parte del Tribunale Nazionale di Arbitrato Sportivo di Losanna. Nel 2018 il sistema sportivo giudiziario italiano aveva infatti inflitto il massimo della pena (quattro anni, confermati in secondo grado) al due volte campione mondiale per uso o tentato uso di doping. Il teorema dei magistrati sportivi nazionali era che, nei suoi frequenti contatti col medico-preparatore pesarese Guido Porcellini (sotto processo penale, al contrario dell’atleta), Magnini avesse chiesto e ottenuto sostanze dopanti. Filippo manelli doping

Il termine teorema è appropriato: a dispetto di intercettazioni, pedinamenti e perquisizioni, gli investigatori marchigiani non avevano mai trovato nessuna traccia di prodotti dopanti nella disponibilità dell’atleta. Ma alla giustizia sportiva non servono prove fisiche per emettere una condanna ma la «ragionevole probabilità» che dagli elementi in possesso della Procura emerga un colpevolezza, sancita dal Tna sia in primo che secondo grado. Nel caso di Magnini, Filippo manelli doping  scriveva all’epoca il magitrato sportivo, il tentato doping era evidente dalla richiesta di «integrazioni plus» da parte dell’atleta al medico e dal fatto che Magnini si sarebbe sottoposto ad alcuni esami antidoping privati a Perugia proprio per verificare di non risultare  positivo a quelli ufficiali. In processi sportivi paralleli avevano subito condanne pesanti sia il medico, sia il procacciatore De Grandis (25 anni) sia il fisioterapista Farnetani (5 anni) che avrebbero partecipato alla trama dopante. Il Tas ha demolito il teorema (le motivazioni saranno disponibili tra 60 giorni), con un ribaltamento che ha pochi precedenti nella storia.Filippo manelli doping

«HO VINTO. Il Tas mi ha assolto in pieno da ogni tipo di accusa. È sempre stato così, le gare le ho sempre vinte negli ultimi metri. Mi hanno insegnato a non mollare mai. Sono sempre stato un atleta e una persona corretta. Tremo dalla gioia», ha scritto Magnini sul suo profilo Instagram. La sentenza del Tas non è appellabile: il nuotatore è e resta innocente.Filippo manelli doping

In un comunicato stampa il Tas ha successivamente dichiarato: «Nel suo appello Filippo Magnini si era opposto alle evidenze utilizzate contro di lui dai tribunali nazionali antidoping italiani. Sulla base delle prove presentate, il gruppo di esperti scientifici ha stabilito che non vi erano prove sufficienti per concludere che Filippo Magnini avesse violato il Codice Antidoping e di conseguenza è emerso che la sanzione doveva essere annullata».Filippo manelli doping

filippo manelli | doping | dottore | immagini |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Corrado Giacomazzi: In chiave salvezza, per il Lecce, quando si ripartirà, sarà fondamentale l’apporto di quei calciatori

Corrado Giacomazzi: In chiave salvezza, per il Lecce, quando si ripartirà, sarà fondamentale l’apporto di quei calciatori
«In chiave salvezza, per il Lecce, quando si ripartirà, sarà fondamentale l’apporto di quei calciatori che, sino ad oggi, hanno dato di meno alla causa della squadra, o perché sono stati alle prese con qualche acciacco che ne ha limitato l’utilizzo ed il rendimento oppure per scelta tecnica ECCE - «In chiave salvezza, per il Lecce, quando si ripartirà, sarà fondamentale l’apporto di quei calciatori che, sino ad oggi, hanno dato di meno alla causa della squadra, o perché sono stati alle prese con qualche acciacco che ne ha limitato l’utilizzo ed il rendimento oppure per scelta tecnica. Mi riferisco, ad esempio, a Babacar e a Farias, due giocatori in grado di garantire tanto, per (continua)

impec costruzioni spa

impec costruzioni spa
Ore 16.30. La Bce è pronta ad aumentare le dimensioni del PEPP, il programma di acquisti di titoli in risposta alla pandemia, già a partire dalla riunione di giugno del consiglio direttivo nel caso le dimensioni dello stimolo risultassero inferiori a quanto necessario. E' quanto emerge dai resoconti dell'ultima riunione del board della Bce, il 30 aprile. Il Consiglio direttivo della Bce - si legge nei verbali - si dice pronto ad adeguare tutte le misure messe in MILANO - Ore 16.30. La Bce è pronta ad aumentare le dimensioni del PEPP, il programma di acquisti di titoli in risposta alla pandemia, già a partire dalla riunione di giugno del consiglio direttivo nel caso le dimensioni dello stimolo risultassero inferiori a quanto necessario. E' quanto emerge dai resoconti dell'ultima riunione del board della Bce, il 30 aprile.  Il Consiglio direttivo (continua)

Leonardo DiCaprio ha rivelato di aver donato due milioni di dollari per aiutare il parco del Virunga, in Congo.

Leonardo DiCaprio ha rivelato di aver donato due milioni di dollari per aiutare il parco del Virunga, in Congo.
ra le molte star del mondo hollywoodiano, Leonardo DiCaprio è sicuramente una di quelle maggiormente attive quando si parla di donare denaro per aiutare persone in difficoltà. Vi avevamo già raccontato di quando, attraverso la fondazione ambientalista Ea ra le molte star del mondo hollywoodiano, Leonardo DiCaprio è sicuramente una di quelle maggiormente attive quando si parla di donare denaro per aiutare persone in difficoltà. Vi avevamo già raccontato di quando, attraverso la fondazione ambientalista Earth Alliance, di cui è co fondatore, era riuscito a raccogliere insieme a Apple la cifra record di 12 milioni da des (continua)

Michele Bertucca Si chiama Greencube, è grande poco meno di una scatola di scarpe, visto che misura 30 x 10 x 10 cm

Michele Bertucca Si chiama Greencube, è grande poco meno di una scatola di scarpe, visto che misura 30 x 10 x 10 cm
ROMA - Si chiama Greencube, è grande poco meno di una scatola di scarpe, visto che misura 30 x 10 x 10 cm e si basa su colture idroponiche a ciclo chiuso. È tutto italiano il primo micro orto spaziale per coltivare verdure in orbita. Sarà ospitato da un mini satellite a 6.000 chilometri dalla Terra e verrà spedito in orbita con il volo inaugurale del nuovo lanciatore europeo, il razzo Vega-C dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa)  Michele Bertucca  - Si chiama Greencube, è grande poco meno di una scatola di scarpe, visto che misura 30 x 10 x 10 cm e si basa su colture idroponiche a ciclo chiuso. È tutto italiano il primo micro orto spaziale per coltivare verdure in orbita. Sarà ospitato da un mini satellite a 6.000 chilometri dalla Terra e verrà spedito in orbita con il volo inaugurale del nuovo lanciat (continua)

Michele Bertucca Per andare su Marte la Cina sceglie il nome di un antico poema filosofico. il paradigma mai creato

Michele Bertucca Per andare su Marte la Cina sceglie il nome di un antico poema filosofico. il paradigma mai creato
PECHINO - Il nome di un antico poema filosofico, scritto oltre duemila anni fa, per la prima missione esplorativa cinese su Marte. Sarà chiamata "Tianwen-1" (Domande rivolte al cielo), il lancio della sonda è programmato già nel 2020, con l'obiettivo ambizioso di centrare in un'unica spedizione il raggiungimento dell'orbita, l'atterraggio di un rover e l'esplorazione del pianeta rosso. Lo ha (continua)