Home > News > L’APPELLO DELL’AZIENDA VICENTINA: ABBIAMO POLIESTERE PER TRE MILIONI DI MASCHERINE, CERCHIAMO CHI SAPPIA CUCIRLE

L’APPELLO DELL’AZIENDA VICENTINA: ABBIAMO POLIESTERE PER TRE MILIONI DI MASCHERINE, CERCHIAMO CHI SAPPIA CUCIRLE

scritto da: COMUNICAZIONELIVE | segnala un abuso

L’APPELLO DELL’AZIENDA VICENTINA: ABBIAMO POLIESTERE PER TRE MILIONI DI MASCHERINE, CERCHIAMO CHI SAPPIA CUCIRLE


 

La Chioccarello converte la propria produzione “Made in Veneto”: in magazzino pronti centomila metri di tessuto certificato e riciclabile. Già in consegna 20 mila mascherine alla Protezione Civile della Regione Friuli-Venezia Giulia. I titolari, Matteo e Michele Chioccarello: “Vogliamo aiutare chi opera nell’emergenza, non possiamo dipendere dalla Cina per le mascherine”

 

A Torrebelvicino, vicino a Schio, nel Vicentino, ha sede la Chioccarello Srl, azienda tessile, nata nel 1962, che nel corso di oltre mezzo secolo di attività si è specializzata nella produzione e commercializzazione di tessuti di fibre naturali, artificiali e sintetiche per il settore dell’arredamento. Da sempre tutta la produzione è locale. “Siamo 100% made in Veneto”, rivendicano i titolari, i fratelli Matteo e Michele Chioccarello che, nel pieno dell’emergenza Coronavirus, hanno deciso di cambiare completamente le priorità della produzione, coinvolgendo i 15 dipendenti e attivando degli innovativi processi per creare materiali adatti alle mascherine nei due stabilimenti aziendali, quattromila metri quadri in tutto di superficie.

I primi a beneficiarne sono stati i volontari della Protezione Civile del Friuli Venezia Giulia: hanno consegnato nei passati giorni il loro tessuto all’azienda confezionatrice Prelinea Srl di Treppo Grande, in provincia di Udine, che dopo la lavorazione sta facendo avere in queste ore le prime 20 mila mascherine ai volontari.

Ma si potrebbe far molto di più. A Schio oggi sono accatastati 300 mila metri quadrati di tessuto da destinare al settore per l'arredamento home-office, sedie, poltrone e pannelli per ufficio, forniture contract, sale da cinema e comunità. Negli ultimi giorni 100 mila metri di poliestere sono stati sottoposti ad un trattamento ad hoc, tramite una immersione in un apposito liquido. L’azienda già cinque anni fa aveva ottenuto le certificazioni necessarie per questo processo produttivo, aveva infatti venduto del materiale per mascherine realizzate in Svezia, dove la normativa è molto severa.  

“Il tessuto che abbiamo realizzato è riciclabile al 100% e può essere lavato fino a cinque volte a 60 gradi in lavatrice”, spiegano i Chioccarello. “Non è quindi un prodotto usa e getta. Ma il nostro problema è che non siamo produttori di mascherine, servono dei macchinari professionali per tagliare e cucire che noi non abbiamo. Ci stanno contattando molte aziende, anche dall’estero, per comperare il materiale. Ma preferiamo che rimanga in Italia. È ora di finirla con questa dipendenza dalla Cina per gli strumenti di protezione individuali”.

Considerato che in media, da ogni metro si possono ricavare dalle 25 alle 30 mascherine, significa che nei magazzini di Schio sono ferme circa tre milioni di possibili mascherine. “In Italia servono 90 milioni di mascherine al mese”, conclude Michele Chioccarello. “E non le abbiamo. Il fatto di aver delocalizzato la produzione in Cina (non è il nostro caso) adesso è uno svantaggio. Noi stiamo giocando la nostra parte. Chi ha la possibilità di convertire questo tessuto è il benvenuto. Noi esportiamo in 27 paesi del mondo, abbiamo una quota del nostro fatturato di circa il 70% in export grazie a 500 colori di tessuti tecnici sempre disponibili a magazzino e a 300 mila metri di tessuto a stock. In questo caso però vorremmo che il tessuto per le mascherine rimanga in Italia. Aiutateci a trovare chi lo possa cucire”.

 



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

A Firenze Arte Fashion Vino e Solidarietà


L'inganno sulle mascherine - Basta un foulard


Sandrigo (Vicenza): A settembre torna la Festa del Bacalà


Marcatura CE mascherine protettive


La collezione Fjällräven per la primavera/estate 2015: tecnicità e stile nei colori della natura


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

BRACCHI GROUP, MAGAZZINI PIENI E BOOM DI SPEDIZIONI ONLINE: COSì IL CORONAVIRUS HA CAMBIATO LA LOGISTICA

BRACCHI GROUP, MAGAZZINI PIENI E BOOM DI SPEDIZIONI ONLINE: COSì IL CORONAVIRUS HA CAMBIATO LA LOGISTICA
Merci che si muovono al rallentatore, estensione degli spazi di stoccaggio del 20% per la holding di Bergamo. Raddoppiano i flussi sul portale Truckpooling che propone le migliori tariffe web sulle sp Il lockdown ha rallentato le spedizioni di merci, bloccandole nei magazzini. Ma contemporaneamente ha accelerato il “fai da te” nelle spedizioni online perché, non potendosi spostare, in molti per la prima volta hanno dovuto affidarsi ad un corriere. Due tendenze opposte, due sfide (una legata allo stoccaggio, l’altra alla velocità nelle spedizioni) che hanno visto in prima linea Bracchi Group, mu (continua)

VELVET MEDIA REALIZZA IL VIRTUAL SHOWROOM DI MUSEUM

VELVET MEDIA REALIZZA IL VIRTUAL SHOWROOM DI MUSEUM
Il marchio di abbigliamento internazionale “Museum” sceglie Velvet Media come nuovo partner creativo di riferimento a livello globale. Velvet Media sarà responsabile della ridefinizione dell’esperienz Museum nasce nel 1986 come importatore di capi sportswear ed outerwear americani e canadesi. Oggi Museum è un marchio di abbigliamento internazionale che produce cappotti e piumini di alta qualità. I capi Museum sono adatti tanto al freddo estremo canadese quanto alle serate mondane. Museum infatti veste i giovani di tendenza con alta qualità; le linee femminili sono invece pensate per una donna d (continua)

CORONAVIRUS, A VICENZA ARRIVA LA TELECAMERA CHE PROTEGGE NEGOZI E AZIENDE: VIETATO L’INGRESSO A CHI HA LA FEBBRE O E’ SENZA MASCHERINA

CORONAVIRUS, A VICENZA ARRIVA LA TELECAMERA CHE PROTEGGE NEGOZI E AZIENDE: VIETATO L’INGRESSO A CHI HA LA FEBBRE O E’ SENZA MASCHERINA
 Si chiama “DET2000BT” e apparirà in Italia durante la “Fase 2” dell’emergenza. Leonardo Borinato, titolare del marchio Bos, la prima azienda italiana a distribuirla: “Sembra un tablet, è uno strumento rivoluzionario: blocca le porte automatiche e manda un avviso vocale per lanciare l’allarme. È necessario per evitare nuovi contag (continua)

RADIAZIONE GERMICIDA ULTRAVIOLETTA E OZONO, IL FUTURO DELLE SANIFICAZIONI AMBIENTALI

RADIAZIONE GERMICIDA ULTRAVIOLETTA E OZONO, IL FUTURO DELLE SANIFICAZIONI AMBIENTALI
  Migliaia di persone al lavoro, centinaia di cantieri aperti e adesso gli studi innovativi del dipartimento Ricerca e Sviluppo. L'ad Alberto Tavano Colussi: "Le aziende devono uscire dal lockdown, ma prima è prioritario ripristinare la salubrità degli ambienti di lavoro". Le agevolazioni fiscali e il vademecum per riaprire durante Fase 2 dell’emergenza La sani (continua)

RESPIRATORI, TAMPONI E PROTEZIONI: LE STAMPANTI 3D DICHIARANO GUERRA AL COVID-19

RESPIRATORI, TAMPONI E PROTEZIONI: LE STAMPANTI 3D DICHIARANO GUERRA AL COVID-19
 È in corso la più grande chiamata alle armi della storia per gli “artigiani del digitale”. L’azienda 3DZ è leader in Italia nella vendita e consulenza di stampanti 3D. “Salveremo gli ospedali con la prototipazione e accelereremo le innovazioni dei processi produttivi”. Il nodo dei brevetti e delle certificazioni medicali sull’asse Ital (continua)