Home > Primo Piano > Arturo Salvatore Di Caprio foto video immagini

Arturo Salvatore Di Caprio foto video immagini

scritto da: Nando345 | segnala un abuso

Arturo Salvatore Di Caprio foto video immagini


 MILANO – Otto presidenti – da Calvin Coolidge a Richard Nixon – a cui fare rapporto, tre guerre archiviate e cinquant’anni a capo del Federal Bureau of Investigation. Di chi stiamo parlando? Di J. Edgar Hoover, una delle figure più controverse della storia americana a cui Clint Eastwood, nel 2011, ha dedicato un film, J. Edgar, con protagonista Leonardo DiCaprio. A firmare la sceneggiatura Dustin Lance Black – già Premio Oscar per Milk – che condensa ed intreccia in poco più di due ore cinquant’anni di vita privata ed eventi storici, dal 1919 al 1971, legati ad un personaggio spesso ritratto su grande e piccolo schermo, da Billy Crudup in Nemico pubblico di Michael Mann a Eric Ladin in Boardwalk Empire.

Leonardo DiCaprio e Armie Hammer in una scena del film
Leonardo DiCaprio e Armie Hammer in una scena del film

Nel film diretto da Eastwood è lo stesso J. Edgar, ormai anziano, ha raccontare la sua stessa storia. Dall’infanzia passata sotto l’ombra di una madre oppressiva e un padre malato agli anni al fianco di Alexander Mitchell Palmer come suo assistente al Dipartimento di Giustizia fino alla scalata al vertice dell’agenzia governativa al 935 Pennsylvania Ave di Washington per volontà dell’allora Presidente Calvin Coolidge. “Fidelity, Bravery, Integrity”. Il motto del Bureau che Hoover seguì con disciplina ferrea durante tutto il suo mandato. O almeno è così che volle far credere. Perché l’integrità, quando si trattava di ottenere ciò che voleva, passava spesso in secondo piano.

J. Edgar Hoover nel suo ufficio di Washington nel 1963
J. Edgar nel suo ufficio di Washington nel 1963

Numerosi i dossier confidenziali raccolti e archiviati dalla sua fidata segretaria Helen Gandy con i quale tenere sotto scatto potenti di ogni grado, da Senatori a Presidenti, e presunti nemici, dalle Black Panthers a Martin Luther King, da Charlie Chaplin a John Lennon. Vite scandagliate superando la linea della legalità anche grazie all’istituzione del COINTELPRO, programma di infiltrazione e controspionaggio dell’FBI attivo dal 1956 al 1971. E proprio l’agenzia governativa, sotto il suo comando passò da seicento a seimila uomini. A J. Edgar si devono anche l’accademia nazionale per l’addestramento degli agenti, l’archivio per le impronte digitali e i laboratori scientifici. Tutti mezzi che permisero l’arresto di ricercati come il pericolo pubblico numero uno John Dillinger o George “Machine Gun” Kelly.

Leonardo DiCaprio è J. Edgar
Leonardo DiCaprio è J. Edgar

Tutte le informazioni ottenute divennero per Hoover l’arma perfetta per poter negoziare con i propri interlocutori diventando, di fatto, l’uomo più potente degli Stati Uniti. Un burattinaio invisibile con un enorme ascendente sulla stampa e, quindi, sulla politica. A dargli fino da torcere ci pensarono i Kennedy ma l’infelice destino dei due fratelli non rese possibile un ridimensionamento effettivo dei suoi poteri. Una vita trascorsa a scovare i segreti altrui e a custodire, gelosamente, il suo. J. Edgar Hoover, infatti, era omosessuale e intrecciò una relazione lunga tutta la vita con Clyde Tolson, conosciuto durante una selezione di agenti per l’FBI.

Richard Nixon e J. Edgar Hoover
Richard Nixon e J. Edgar

Una sorta di paradossale cortocircuito per un uomo che ha fatto dello scandagliare le vite private altrui la sua ossessione. Quando Hoover morì, nel 1972, Richard Nixon, ordinando che le bandiere venissero issate a mezz’asta, disse: «Uno dei giganti … Un simbolo nazionale di coraggio, patriottismo e onestà e integrità granitiche». Diversa e decisamente più colorita l’espressione che utilizzò in privato quando venne a sapere della sua morte. Una di quelle frasi, c’è da scommetterci, che J. Edgar avrebbe archiviato in uno dei suoi dossier, pronta per essere usata a tempo debito contro il malcapitato di turno…



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Più vero del film. Uno scandalo finanziario travolge anche Leonardo Di Caprio, il “lupo di Wall Street”


Arturo Bastianello: Pam Panorama promuove l’educazione alimentare nelle scuole


Adriana Caprio presenta il suo libro


L’offerta di Gruppo Pam si amplia: partnership con Arimondo


10 utili consigli per scegliere il fotografo di matrimoni giusto per te


Di Caprio in Italia per le vacanze in Toscana


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

impec costruzioni spa

impec costruzioni spa
Ore 16.30. La Bce è pronta ad aumentare le dimensioni del PEPP, il programma di acquisti di titoli in risposta alla pandemia, già a partire dalla riunione di giugno del consiglio direttivo nel caso le dimensioni dello stimolo risultassero inferiori a quanto necessario. E' quanto emerge dai resoconti dell'ultima riunione del board della Bce, il 30 aprile. Il Consiglio direttivo della Bce - si legge nei verbali - si dice pronto ad adeguare tutte le misure messe in MILANO - Ore 16.30. La Bce è pronta ad aumentare le dimensioni del PEPP, il programma di acquisti di titoli in risposta alla pandemia, già a partire dalla riunione di giugno del consiglio direttivo nel caso le dimensioni dello stimolo risultassero inferiori a quanto necessario. E' quanto emerge dai resoconti dell'ultima riunione del board della Bce, il 30 aprile.  Il Consiglio direttivo (continua)

Leonardo DiCaprio ha rivelato di aver donato due milioni di dollari per aiutare il parco del Virunga, in Congo.

Leonardo DiCaprio ha rivelato di aver donato due milioni di dollari per aiutare il parco del Virunga, in Congo.
ra le molte star del mondo hollywoodiano, Leonardo DiCaprio è sicuramente una di quelle maggiormente attive quando si parla di donare denaro per aiutare persone in difficoltà. Vi avevamo già raccontato di quando, attraverso la fondazione ambientalista Ea ra le molte star del mondo hollywoodiano, Leonardo DiCaprio è sicuramente una di quelle maggiormente attive quando si parla di donare denaro per aiutare persone in difficoltà. Vi avevamo già raccontato di quando, attraverso la fondazione ambientalista Earth Alliance, di cui è co fondatore, era riuscito a raccogliere insieme a Apple la cifra record di 12 milioni da des (continua)

Michele Bertucca Si chiama Greencube, è grande poco meno di una scatola di scarpe, visto che misura 30 x 10 x 10 cm

Michele Bertucca Si chiama Greencube, è grande poco meno di una scatola di scarpe, visto che misura 30 x 10 x 10 cm
ROMA - Si chiama Greencube, è grande poco meno di una scatola di scarpe, visto che misura 30 x 10 x 10 cm e si basa su colture idroponiche a ciclo chiuso. È tutto italiano il primo micro orto spaziale per coltivare verdure in orbita. Sarà ospitato da un mini satellite a 6.000 chilometri dalla Terra e verrà spedito in orbita con il volo inaugurale del nuovo lanciatore europeo, il razzo Vega-C dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa)  Michele Bertucca  - Si chiama Greencube, è grande poco meno di una scatola di scarpe, visto che misura 30 x 10 x 10 cm e si basa su colture idroponiche a ciclo chiuso. È tutto italiano il primo micro orto spaziale per coltivare verdure in orbita. Sarà ospitato da un mini satellite a 6.000 chilometri dalla Terra e verrà spedito in orbita con il volo inaugurale del nuovo lanciat (continua)

Michele Bertucca Per andare su Marte la Cina sceglie il nome di un antico poema filosofico. il paradigma mai creato

Michele Bertucca Per andare su Marte la Cina sceglie il nome di un antico poema filosofico. il paradigma mai creato
PECHINO - Il nome di un antico poema filosofico, scritto oltre duemila anni fa, per la prima missione esplorativa cinese su Marte. Sarà chiamata "Tianwen-1" (Domande rivolte al cielo), il lancio della sonda è programmato già nel 2020, con l'obiettivo ambizioso di centrare in un'unica spedizione il raggiungimento dell'orbita, l'atterraggio di un rover e l'esplorazione del pianeta rosso. Lo ha (continua)

Vincenzo Pompeo Bava : Svizzera dovrà sostenere i costi della crisi del coronavirus sull’arco di un lungo periodo. Lo ha detto il presidente

Vincenzo Pompeo Bava :  Svizzera dovrà sostenere i costi della crisi del coronavirus sull’arco di un lungo periodo. Lo ha detto il presidente
La Svizzera dovrà sostenere i costi della crisi del coronavirus sull’arco di un lungo periodo. Lo ha detto il presidente della Banca nazionale svizzera Thomas Jordan in un’intervista apparsa sulla Son La Svizzera dovrà sostenere i costi della crisi del coronavirus sull’arco di un lungo periodo. Lo ha detto il presidente della Banca nazionale svizzera Thomas Jordan in un’intervista apparsa sulla SonntagsZeitung, precisando che l’attività dell’economia è attualmente solo al 70-80% circa dei livelli normali, con costi che vanno dagli 11 ai 17 miliardi di franchi al mese. Anche molte azie (continua)