Home > News > Taranto ed il mostro che ha prodotto l’acciaio del boom economico

Taranto ed il mostro che ha prodotto l’acciaio del boom economico

scritto da: Geopoliticaeconomica | segnala un abuso

Taranto ed il mostro che ha prodotto l’acciaio del boom economico


 

Il volto più amaro del Sud: Taranto

La Puglia è il volto più amaro del Sud, dove le cose non sono cambiate dai tempi della Magna Grecia. Lì, dove ulivi secolari sbiadiscono sotto i raggi del sole, c’è povertà, miseria e disoccupazione: questa è Taranto alla fine della seconda guerra mondiale, una città in profonda crisi che, col declino dei cantieri navali e del comparto bellico, è disposta a vendere la propria anima pur di non morire. Ed allora si pensa all’industria e ad un mostro checol fuocoproduca l’acciaio essenziale per alimentare il boom economico: nel 1961 nasce la più grande acciaieria d’Europa, che nel 1964 diventerà l’Italsider, una colossale fabbrica che occupa oltre 600 ettari di superficie (fino ad arrivare a 1500 in seguito), attorno alla quale, si svilupperà la città di Taranto.

La fabbrica come riscatto sociale ed economico

La fabbrica come simbolo del riscatto sociale ed economico di un mezzogiorno che non vuole rimanere indietro. Dopo neanche 10 anni di attività il complesso si ingrandisce a dismisura. Siamo negli anni 70’ dello scorso secolo, quelli del gigantismo industrialema neanche gli interventi più basilari per ridurre l’inquinamento vengono presi in considerazione. Quella che doveva essere un volano per lo sviluppo dell’intera area, diviene una cattedrale nel deserto, attorno alla quale nascono solo imprese che si occupano di pulizie e manutenzione. Aziende parassite di un complesso gigantesco. Non c’è neppure l’ombra di ditte che si occupano della trasformazione dell’acciaio, manca completamente un vero e produttivo indotto economico e la classe imprenditoriale del Mezzogiorno ha fallito, ancora una volta....


Fonte notizia: https://www.geopoliticaeconomica.it/taranto-il-volto-piu-amaro-del-sud/


ILVA | ITALSIDER | TARANTO |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Siderurgia e made in Italy: la realtà produttiva di Riva Acciaio


Intervista di Alessia Mocci a Silvano Trevisani: vi presentiamo “Alda Merini tarantina”


Lesegno: il Sindaco soddisfatto per la riapertura in sicurezza di Riva Acciaio


Il “Festival italiano della cucina con la cozza tarantina” riparte da Gallipoli con la ventesima edizione


Smaltimento dell’acciaio: come avviene


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Cina: una potenza artica nell’Asia Orientale

Cina: una potenza artica nell’Asia Orientale
 Pechino ha delle grandi aspirazioni per il 21° secolo: il progetto per una nuova Via della Seta terrestre, un’altra marittima e un’altra ancora attraverso l’Artico. Con Xi Jinping alla guida del paese, i grandi piani che l’apparato di partito aveva concepito per rendere la Cina ancor più grande, trovano voce e consensi da parte della mag (continua)

Il lungo braccio cinese sull’Argentina

Il lungo braccio cinese sull’Argentina
 Dall’ormai lontano 2010 i cinesi sono presenti in terra argentina in particolare nella regione sud-est della Patagonia, nel 2011 sulla questione si è innescato un vero e proprio dibattito in Parlamento ma l’avanzata non si è fermata, anzi le posizioni si stanno ulteriormente consolidando. La Cina sembra intenzionata ad includere il Paese sudameri (continua)

La prima vera presa di coscienza di Praga

La prima vera presa di coscienza di Praga
  Repubblica Ceca: la marcia di avvicinamento alle elezioni europee tra Bruxelles e Visegrad Girando per le strade di Praga, cosa che mi tocca fare con molto piacere ogni due mesi, è difficile riuscire a comprendere quale sia la lingua più parlata tra gli under 30. A far lavorare semplicemente l’intuito si dovrebbe dire ceco, ma in realtà l’inglese sem (continua)

Alitalia, Ilva ed altre creature mitologiche

Alitalia, Ilva ed altre creature mitologiche
 In questa breve analisi dei disastri industriali made in Italy, è giusto cominciare da Alitalia, la compagnia aerea preferita dagli italiani, senza la quale, è giusto ricordarlo, gli arrivi nel bel paese subirebbero un vero e proprio tracollo (se non si è capito, stiamo scherzando; infatti la quota di mercato di Alitalia è solo del 14%, mentre l’ir (continua)