Home > News > Il lungo braccio cinese sull’Argentina

Il lungo braccio cinese sull’Argentina

scritto da: Geopoliticaeconomica | segnala un abuso

Il lungo braccio cinese sull’Argentina


 Dall’ormai lontano 2010 i cinesi sono presenti in terra argentina in particolare nella regione sud-est della Patagonia, nel 2011 sulla questione si è innescato un vero e proprio dibattito in Parlamento ma l’avanzata non si è fermata, anzi le posizioni si stanno ulteriormente consolidando. La Cina sembra intenzionata ad includere il Paese sudamericano nella sua super nuova Via della Seta.

Lo spazio lasciato vuoto dagli Stati Uniti ha dato adito ad ulteriori spinte espansionistiche del colosso asiatico. Trump ha da sempre mostrato disinteresse verso l’America Latinaabbandonando anche l’accordo di libero scambio e ricalcando la sua posizione di forza nella guerra commerciale. Al contrario la Cina, così come ha fatto in Africa, con discrezione e immense somme di denaro si è infiltrata nell’economia prima e nella politica poi di questi paesi. Interviene aiutando i governiampliando l’area di commercio, e soprattutto costruendo infrastrutture strategiche.

Di due in particolare ci dovremmo preoccupare per due ragioni completamente opposte: una base spaziale installata nella provincia di Neuquén e le due centrali idroelettriche sul fiume Santa Cruz.

La prima è una spy story da guerra fredda. Un’antenna nel deserto, una costruzione da più di 50 milioni di dollari totalmente fuori dal controllo del governo argentino, sia per ciò che concerne la struttura sia le attività che vi si realizzano. Se l’obiettivo dichiarato, in pieno rispetto dei Trattati sullo spazioè lo studiol’osservazione e l’esplorazione spaziale a fini pacifici, vari sono i dettagli trapelati che creano frizioni.

Le ipotesi vanno da una base militare nascosta alla costruzione di una centrale di localizzazione satellitare fino, nella più estrema delle ipotesi, alla fabbricazione di bombe atomiche.
L’ipotesi più attendibile è che si stia lavorando per sviluppare nuove tecnologie a scopi strategici per promuovere missioni nello spazio volte all’estrazione di Elio 3. Un elemento che, stando alle valutazioni di alcuni scienziati, potrebbe rappresentare la nuova frontiera dell’energia pulita.


Fonte notizia: https://www.geopoliticaeconomica.it/il-lungo-braccio-cinese-sull-argentina/


Argentina | Cina | base spaziale provincia di Neuquén | due centrali idroelettriche sul fiume Santa Cruz |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Noleggio auto a lungo termine Mercurio Rent


Eolica Argentina e Solar Argentina 2013, energia dal vento e dal sole


BIOGRAFIA DEL VENERABILE BAGDRO - MONACO BUDDISTA TIBETANO


Argentina: una meraviglia per tutti i sensi!


Medicina Cinese Tradizionale Per Trattare La Perdita Di Capelli


-Brusciano e Mariglianella: Saluto dei discendenti degli emigrati a Quilmes in Argentina. (Scritto da Antonio Castaldo)


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Cina: una potenza artica nell’Asia Orientale

Cina: una potenza artica nell’Asia Orientale
 Pechino ha delle grandi aspirazioni per il 21° secolo: il progetto per una nuova Via della Seta terrestre, un’altra marittima e un’altra ancora attraverso l’Artico. Con Xi Jinping alla guida del paese, i grandi piani che l’apparato di partito aveva concepito per rendere la Cina ancor più grande, trovano voce e consensi da parte della mag (continua)

La prima vera presa di coscienza di Praga

La prima vera presa di coscienza di Praga
  Repubblica Ceca: la marcia di avvicinamento alle elezioni europee tra Bruxelles e Visegrad Girando per le strade di Praga, cosa che mi tocca fare con molto piacere ogni due mesi, è difficile riuscire a comprendere quale sia la lingua più parlata tra gli under 30. A far lavorare semplicemente l’intuito si dovrebbe dire ceco, ma in realtà l’inglese sem (continua)

Taranto ed il mostro che ha prodotto l’acciaio del boom economico

Taranto ed il mostro che ha prodotto l’acciaio del boom economico
  Il volto più amaro del Sud: Taranto La Puglia è il volto più amaro del Sud, dove le cose non sono cambiate dai tempi della Magna Grecia. Lì, dove ulivi secolari sbiadiscono sotto i raggi del sole, c’è povertà, miseria e disoccupazione: questa è Taranto alla fine della seconda guerra mondiale, una città in profond (continua)

Alitalia, Ilva ed altre creature mitologiche

Alitalia, Ilva ed altre creature mitologiche
 In questa breve analisi dei disastri industriali made in Italy, è giusto cominciare da Alitalia, la compagnia aerea preferita dagli italiani, senza la quale, è giusto ricordarlo, gli arrivi nel bel paese subirebbero un vero e proprio tracollo (se non si è capito, stiamo scherzando; infatti la quota di mercato di Alitalia è solo del 14%, mentre l’ir (continua)