Home > News > Cina: una potenza artica nell’Asia Orientale

Cina: una potenza artica nell’Asia Orientale

scritto da: Geopoliticaeconomica | segnala un abuso

Cina: una potenza artica nell’Asia Orientale


 Pechino ha delle grandi aspirazioni per il 21° secolo: il progetto per una nuova Via della Seta terrestre, un’altra marittima e un’altra ancora attraverso l’Artico. Con Xi Jinping alla guida del paese, i grandi piani che l’apparato di partito aveva concepito per rendere la Cina ancor più grande, trovano voce e consensi da parte della maggioranza del popolo cinese. La presidenza di Xi è quella del “Sogno Cinese – Chinese Dream“, dei “no” agli Stati Uniti, del progetto “One Belt One Road“, e della Cina come “Grande Potenza Polare”.

Eppure, l’attuale amministrazione non sta immaginando niente di nuovo rispetto al passato. Tutto rientra nella narrativa politica del Partito che negli anni sta gradualmente svelando una “grand strategy”, per fare della Cina una nazione leader dell’Ordine Internazionale.

La Cina e l’Artico: gli inizi a metà 2012

L’interesse della Cina per l’Artico non è di oggi, cominciò a metà del 2012, quando alla guida del partito c’era ancora Hu Jintao. Fu in quell’anno che, prima Wen Jiabao si recò in visita diplomatica in Islanda e in Svezia e poi qualche mese dopo, nel giugno di quello stesso anno, lo stesso Hu si recò in Danimarca. Era la prima volta che un membro del Politburo del PCC, e perfino un Presidente cinese, si incontrassero con i governi dei suddetti stati, nonostante che, tanto per fare un esempio, con la Danimarca la Cina avesse rapporti diplomatici da più di sessanta anni.

Fu da quel momento che, da Pechino si cercarono dei legami più stretti con gli stati artici, ritenendoli attori indispensabili per lo sviluppo delle politiche artiche. Un forte segnale che la Cina attraverso le diplomazie, fosse desiderosa di partecipare agli sviluppi e alle nuove strategie di “governance” nella regione artica, dalla quale non voleva rimanere esclusa.

Near Artic State – Stato quasi Artico

La Cina iniziò così a definirsi un “near Arctic state“, ovvero uno stato “quasi Artico”, poiché condivideva con gli stati che geograficamente si trovavano nella regione, una serie di interessi nazionali, che da quel momento avrebbe promosso e tutelato attraverso la cooperazione internazionale....


Fonte notizia: https://www.geopoliticaeconomica.it/cina-una-potenza-artica-nell-asia-orientale/


ARTICO | CINA | CORSA POLARE | VIA DELLA SETA |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Come produrre in Cina prodotti personalizzati: una guida pratica


Come importare dalla Cina abbigliamento con il proprio marchio


Save the Arctic Fox: l’impegno di Fjällräven per la salvaguardia della volpe artica


Biciclette elettriche, molte sono made in China: contestazioni, dazi e opportunità


Treno merci Cina-Italia: ecco perché agevolerà l'economia italiana


Le super offerte di agoda.com per il Songkran: il capodanno thailandese!


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Il lungo braccio cinese sull’Argentina

Il lungo braccio cinese sull’Argentina
 Dall’ormai lontano 2010 i cinesi sono presenti in terra argentina in particolare nella regione sud-est della Patagonia, nel 2011 sulla questione si è innescato un vero e proprio dibattito in Parlamento ma l’avanzata non si è fermata, anzi le posizioni si stanno ulteriormente consolidando. La Cina sembra intenzionata ad includere il Paese sudameri (continua)

La prima vera presa di coscienza di Praga

La prima vera presa di coscienza di Praga
  Repubblica Ceca: la marcia di avvicinamento alle elezioni europee tra Bruxelles e Visegrad Girando per le strade di Praga, cosa che mi tocca fare con molto piacere ogni due mesi, è difficile riuscire a comprendere quale sia la lingua più parlata tra gli under 30. A far lavorare semplicemente l’intuito si dovrebbe dire ceco, ma in realtà l’inglese sem (continua)

Taranto ed il mostro che ha prodotto l’acciaio del boom economico

Taranto ed il mostro che ha prodotto l’acciaio del boom economico
  Il volto più amaro del Sud: Taranto La Puglia è il volto più amaro del Sud, dove le cose non sono cambiate dai tempi della Magna Grecia. Lì, dove ulivi secolari sbiadiscono sotto i raggi del sole, c’è povertà, miseria e disoccupazione: questa è Taranto alla fine della seconda guerra mondiale, una città in profond (continua)

Alitalia, Ilva ed altre creature mitologiche

Alitalia, Ilva ed altre creature mitologiche
 In questa breve analisi dei disastri industriali made in Italy, è giusto cominciare da Alitalia, la compagnia aerea preferita dagli italiani, senza la quale, è giusto ricordarlo, gli arrivi nel bel paese subirebbero un vero e proprio tracollo (se non si è capito, stiamo scherzando; infatti la quota di mercato di Alitalia è solo del 14%, mentre l’ir (continua)