Home > News > PHASIANUS E WOHLGEMUTH: I NUOVI VINI MONTE ZOVO RACCONTANO IL TERRITORIO

PHASIANUS E WOHLGEMUTH: I NUOVI VINI MONTE ZOVO RACCONTANO IL TERRITORIO

scritto da: Studiocru | segnala un abuso

PHASIANUS E WOHLGEMUTH: I NUOVI VINI MONTE ZOVO RACCONTANO IL TERRITORIO


Nei nomi e nelle etichette delle due novità la storia e le peculiarità della tenuta di Caprino Veronese. Disponibili anche nel nuovo e-commerce

Si arricchisce di due nuovi vini la collezione Monte Zovo. Con il Phasianus Corvina Rosato Verona Biologico IGT e il Wohlgemuth Pinot Grigio delle Venezie Biologico DOC l’azienda agricola di proprietà della famiglia Cottini esprime e valorizza sempre più la ricchezza del territorio della tenuta di Caprino Veronese, dove ha sede la cantina Monte Zovo. Dai vigneti a conduzione biologica di uva Corvina e Corvinone e di Pinot Grigio, Phasianus e Wohlgemuth raccontano storia e peculiarità della tenuta. Il nome latino Phasianus rimanda al fagiano, un tributo che Monte Zovo ha voluto fare alla biodiversità che popola i suoi vigneti nell’Anfiteatro morenico di Rivoli Veronese. Quest’ultimo è presente, come un quadro bucolico, anche nell’etichetta. La seconda novità in casa Monte Zovo si ispira invece al Forte di Rivoli, fortezza austriaca al confine italiano, in passato denominata Forte Wohlgemuth, in ricordo del generale austriaco che lo difese nel 1848. Il Forte, incorniciato dai vigneti Monte Zovo, è rappresentato anche nell’etichetta.
“I nostri vini sono gli ambasciatori della filosofia eco-sostenibile con cui ci prendiamo cura del territorio – afferma Diego Cottini, titolare con la moglie Annalberta e i figli Michele e Mattia – Dal 2018 sono completamente biologici. I vigneti sono inoltre convertiti ad agricoltura biologica e certificati per il rispetto della biodiversità, secondo quanto previsto dallo standard Biodiversity Friend”.
Phasianus e Wohlgemuth fanno parte di Ispirazioni Naturali. La collezione trainata da Calinverno, simbolo della tenuta di Caprino Veronese, è composta anche da Oltremonte Sauvignon e Crocevento Pinot Nero. Prodotto da vigneti ad un’altitudine di 250-300 metri con vendemmia tardiva e senza affinamento in legno, il Phasianus ha un colore rosa salmone chiaro. Con un profumo di bouquet delicato di piccoli frutti di bosco, si presenta piacevolmente secco, fresco e di buona persistenza. Il Wohlghemuth, ottenuto da uve di Pinot Grigio in purezza in vitigni condotti tra i 250 e i 400 metri di altitudine, fermenta in parte in barrique e in parte in acciaio. Si presenta con un colore giallo paglierino intenso, limpido e consistente. Al naso ricorda la frutta gialla matura con piacevoli note dolci, di spezie delicate come la vaniglia e di zucchero filato. In bocca è secco e fresco, con una nota finale di mandorla.
Phasianus e Wohlghemuth sono disponibili anche nel nuovo e-commerce Monte Zovo, oltre che nell’enoteca aziendale. Nel sito www.montezovo.com si potranno trovare tutti i vini Monte Zovo e le stesse promozioni disponibili presso il punto vendita. Sono previste consegne in tutta Italia, con spese di spedizione azzerate per acquisti superiori ai 70€. Sono 10.000 le bottiglie prodotte per entrambe le novità. Il prezzo di vendita nello shop online è di 15.50 euro per il Phasianus e di 14.50 euro per il Wohlgemuth.

 

Ufficio stampa:

Alessandra Zambonin

Martina Lucchin

PHASIANUS | WOHLGEMUTH | Monte Zovo | Cottini |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

MONTE ZOVO: APPUNTAMENTO IN CANTINA PER FESTEGGIARE LA VENDEMMIA


VALPOLICELLA & PIZZA: SAPORI D’AUTUNNO IN CANTINA MONTE ZOVO


PER BEST OF WINE TOURISM MONTE ZOVO È LA MIGLIOR AZIENDA VERONESE PER LE POLITICHE SOSTENIBILI NELL’ENOTURISMO


MONTE ZOVO: AL PRIMO POSTO SICUREZZA E BENESSERE DEI LAVORATORI


CALICI DI STELLE: MONTE ZOVO CELEBRA LO SBARCO SULLA LUNA


Le montagne in Palestina


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

ALESSANDRO BREDA FA RIPARTIRE IL GELLIUS

ALESSANDRO BREDA FA RIPARTIRE IL GELLIUS
Riaprono a Oderzo i locali di chef Breda: prudenza e distanziamento, ma senza rinunciare a coperti. A pranzo il bistrot Nyù, a cena il Gellius, tutti i giorni il bar della piazza centrale Riaprono le porte del Gellius. Da domani sera, venerdì 5 giugno, il ristorante stellato di Oderzo (TV) tornerà ad ospitare appassionati e gourmet di tutta Italia dopo tre mesi di chiusura. Erano infatti i primi giorni di marzo quando, per precauzione, in piena ondata Covid-19 lo chef e patron Alessandro Breda aveva deciso di chiudere il ristorante, l’annesso bistrot Nyù e il bar della piazza (continua)

TRAMIN E LA NUOVA VITA DELLA CUCINA D’AUTORE: QUATTRO RACCONTI DI RESILIENZA GOURMET

TRAMIN E LA NUOVA VITA DELLA CUCINA D’AUTORE: QUATTRO RACCONTI DI RESILIENZA GOURMET
Dall’8 giugno in diretta Facebook Cantina Tramin dialoga con l’alta ristorazione che riparte. Con Schöneck, Il Pagliaccio, Agli Amici e Uliassi A partire dall'8 giugno per quattro lunedì Cantina Tramin incontrerà alcuni protagonisti della ristorazione di qualità nel format Tramin e la nuova vita della cucina d'autore. Appuntamento alle ore 18,00 con chef, titolari e sommelier di quattro ristoranti stellati italiani coinvolti in un ciclo di conversazioni con l'enologo Willi (continua)

ASOLO PROSECCO, AL VIA IL NUOVO PIANO DEL “CRU” DI COLLINA

ASOLO PROSECCO, AL VIA IL NUOVO PIANO DEL “CRU” DI COLLINA
Il rebranding sottolinea il forte legame della tradizione del Prosecco con il territorio di Asolo, uno dei borghi più belli d’Italia, e i consumatori italiani ritengono inscindibile il connubio fra il nome Asolo e il nome Prosecco L’Asolo Prosecco cresce e vara la sua nuova strategia, totalmente indirizzata a mettere in luce, sia nei vini che nella comunicazione, il fortissimo legame fra la tradizione locale del Prosecco, le colline del territorio di Asolo e dei paesi vicini.Dopo aver superato i 17 milioni di bottiglie nel 2019 e aver messo a segno un’ulteriore crescita a doppia cifra nel primo quadrimestre 2020 (+ (continua)

TENUTA SETTE CIELI SVILUPPA LA DISTRIBUZIONE IN ITALIA INSIEME AL PARTNER PELLEGRINI

TENUTA SETTE CIELI SVILUPPA LA DISTRIBUZIONE IN ITALIA INSIEME AL PARTNER PELLEGRINI
La Tenuta toscana tra Bolgheri e Castagneto Carducci si propone nella Penisola con i suoi quattro vini a firma dell’enologa Elena Pozzolini Tenuta Sette Cieli si affaccia sul mercato del vino italiano grazie alla collaborazione con il distributore Pellegrini. L’Azienda vitivinicola, i cui terreni sono situati tra Bolgheri e Castagneto Carducci, ha deciso di destinare il 25% della sua produzione all’Italia, mentre il 75% continuerà a rivolgerla all’estero, in particolare a US, Svizzera, Regno Unito, Benelux, Germania, Russia, (continua)

UNIONBIRRAI: IL PORTALE DEDICATO AL MARCHIO SI RINNOVA IN TEMPO DI COVID-19

UNIONBIRRAI: IL PORTALE DEDICATO AL MARCHIO SI RINNOVA IN TEMPO DI COVID-19
IndipendenteArtigianale.it riunisce oltre 200 birrifici col Marchio che tutela i produttori artigianali italiani. Da oggi anche i pub potranno iscriversi al portale IndipendenteArtigianale.it, il portale dedicato ai birrifici italiani che possono fregiarsi dell’omonimo Marchio, cresce e si evolve al passo con i tempi per stare accanto ai piccoli produttori artigianali e, ora, anche ai locali che trattano le loro birre.Il Marchio Indipendente Artigianale, che il pubblico ha imparato a conoscere nei mesi scorsi ed è sempre più diffuso sul territorio nazion (continua)