Home > News > LA VERITA’ SULL’ABUSO DI ANTIDOLORIFICI

LA VERITA’ SULL’ABUSO DI ANTIDOLORIFICI

scritto da: Affaripubblicipadova | segnala un abuso


 

Lo scopo di questo articolo è spiegare alle persone cosa sono gli antidolorifici, perché possono essere considerati delle droghe a tutti gli effetti e che cosa causa il loro utilizzo nel breve e nel lungo periodo.

Per prima cosa chiariamo che cosa sono gli antidolorifici che vengono abitualmente prescritti dai medici.

Gli antidolorifici sono potenti farmaci che interferiscono con la trasmissione di segnali al sistema nervoso che percepiamo sotto forma di dolore.

La maggior parte di essi stimola anche alcune parti del cervello associate al piacere.

In tal modo, oltre a fermare il dolore, producono uno stato di esaltazione.

Gli antidolorifici prescritti più potenti sono denominati oppioidi, un composto simile al l’oppio e sono prodotti al fine di reagire sul sistema nervoso allo stesso modo delle droghe derivate dal papavero da oppio, come l’eroina.

Gli antidolorifici più comunemente abusati comprendono oxycodone, l’hydrocodone e la meperidina.

L’ oxycodone è il farmaco che presenta il maggior potenziale di abuso e più grandi pericoli.

È tanto potente quanto l’eroina e colpisce il sistema nervoso nello stesso modo.

L’ hydrocodone è utilizzato jn abbinamento ad altre sostanze chimiche ed è venduto in forma di pastiglie, capsule e sciroppi.

La meperidina (nome commerciale Demerol) e l’ hyomorphone (Dilaudid) vengono venduti sotto forma di pastiglie e il propoxiphene (Darvan), in capsule, ma tutti e tre sono noti per venir sbriciolati ed iniettati, sniffati o fumati.

Il Darvan che è stato bandito nel Regno Unito nel 2005 è tra le dieci droghe riportate come causa di morte per il suo abuso negli Stati Uniti.

Il Dilaudid, considerato otto volte più potente della morfina, viene spesso chiamato nelle strade “eroina da drogheria”.

Gli antidolorifici oppioidi producono un’euforia di breve durata, ma creano assuefazione.

L’impiego prolungato di questi antidolorifici può portare ad avere una dipendenza fisica.

Il corpo si adatta alla presenza della sostanza e se si dovesse interrompere bruscamente l’assunzione del farmaco, si verificherebbero sintomi da astinenza.

Come tutte le droghe, gli antidolorifici, si limitano a mascherare il dolore per il quale vengono assunti.

Non “curano” nulla, ma anzi chi cerca di smorzare il dolore si trova intrappolato a doverne assumere sempre di più per poter ottenere il risultato sperato.

Gli effetti mentali e fisiologici da abuso di antidolorifici sono:

  • Nausea

  • Vomito

  • Confusione

  • Dipendenza

  • Incoscienza

  • Depressione respiratoria

  • Coma

  • Morte

Alcuni dei segnali di allarme della dipendenza da antidolorifici prescritti sono:

  1. Aumento del loro uso

  2. Cambiamento di personalità e dell’umore, le responsabilità di tutti i giorni diventano secondarie al bisogno dei farmaci

  3. Ritiro dai rapporti sociali, dalla famiglia e dagli amici

  4. Uso prolungato e continuo degli antidolorifici dopo il miglioramento della condizione medica che erano supposti a guarire

  5. Trascuratezza delle responsabilità

  6. Amnesie temporanee e smemoratezza

L’umanitario L. Ron Hubbard scriveva: “il pianeta si è scontrato con una barriera che impedisce il progresso sociale su vasta scala: droga, farmaci e altre sostanze chimiche”.

Quello che questo articolo tende a sottolineare è far conoscere i fatti veri relativi l’uso degli antidolorifici così che si possa decidere di non prendere droghe in primo luogo.

antidolorifici | droga | oxycodone | l’hydrocodone | meperidina | Hubbard |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

La verità sugli ANTIDOLORIFICI


Gli antidolorifici, un'altra verità!


L'abuso di ANTIDOLORIFICI


PERCHÉ GLI ANTIDOLORIFICI DANNO COSÌ TANTA ASSUEFAZIONE? La verità sugli ANTIDOLORIFICI


Nel quartiere PRUNIZZEDDA a Sassari, si informa sugli effetti degli ANTIDOLORIFICI


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Quanto incidono le nostre azioni sull’ambiente?

Quanto incidono le nostre azioni sull’ambiente?Padova – Continuano le iniziative dei Ministri Volontari di Scientology contro il degrado ambientale. Quante volte succede che andiamo a fare una passeggiata nel verde, a correre, o semplicemente prendere un po’ d’ aria la sera prima di dormire; oppure facciamo delle scampagnante il sabato e la domenica e invece di poter ammirare sempliceme (continua)

Parliamo di prevenzione: La droga è droga come la morte è morte

Volontari attivi costantemente in Romagna per fornire la verità sulla drogaContinuano a parlar di droga principali quotidiani d’Italia. Droga, violenza e morte.Una tragedia che affligge i giovani in ogni angolo del mondo e del nostro bel paese.Per far fronte a questa piaga sociale che prende di mira i giovani e quindi il nostro futuro, i volontari di Mondo Libero dalla droga si son ritr (continua)

Prendersi cura dell’ambiente: attività per la comunità dei Volontari di Scientology

Padova: piccoli gesti, per mantenere l’ambiente più pulito. A volte non sembra, ma anche piccole azioni, danno un senso di sollievo e un concreto contributo alla comunità.Parliamo di pulizia dell’ambiente. Anche a Padova, oltre alle attività di cui normalmente si occupano, i Ministri Volontari continuano, a prendersi cura dell’ambiente. Attrezzati di guanti, pinze e sacchetti si dedic (continua)

Rimini: campagna informativa per dire NO alla droga

Prevenire è meglio che curare! …. LA VERITA’ SULLA DROGA illustra i FATTI delle principali droghe in uso nella società Lunedì 4 ottobre nel cuore di Rimini i volontari di Mondo libero dalla droga saranno attivi con un ampia distribuzione di opuscoli informativi dal titolo La verità sulla droga. Sebbene il Covid abbia cambiato le abitudini in generale, il consumo di eroina e cocaina è (continua)

Riprende il mare la campagna La verità sulla droga durante la regata del Conero.

Riprende il mare la campagna La verità sulla droga durante la regata del Conero.
Sensibilizzare gli amanti della vela portando in regata La verità sulla droga. Prossimo appuntamento domenica 26 settembre ad Ancona. L’idea è partita da Lino Scerbo, regatante e presidente dell’associazione Vela Club Senigallia ASD “LABOLINA” che si occupa di formazione e avvicinamento al mondo del mare, con una grande sensibilità al sociale.In occasione del primo lancio della campagn (continua)