Home > Cultura > Cannabis sul posto di lavoro

Cannabis sul posto di lavoro

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Cannabis sul posto di lavoro


Circa un quarto di tutti gli infortuni sul lavoro e il 20% degli infortuni mortali sul luogo di lavoro possono essere collegati all'alcol e ad altre droghe. Ciò ha spinto molte aziende a implementare educazione sulle droghe e alcol test sul posto di lavoro, nel tentativo di creare un ambiente di lavoro più sicuro.

Secondo una statistica australiana del 2008, basata su un set di dati del 2004, il 13,5% della forza lavoro aveva usato cannabis nell'ultimo anno. Questo sondaggio ha anche indicato che il 2,5% della forza lavoro australiana ha riferito di andare a lavorare sotto l'influenza di droghe illecite.

La cannabis colpisce ogni utente in modo diverso, ciò può dipendere da vari fattori:

  • umore, personalità, dimensioni e peso
  • quantità assunta e se è tagliata con qualcos'altro
  • ambiente in cui viene usata la droga

Se la cannabis viene utilizzata sul posto di lavoro, i suoi effetti possono influire sulla salute e sulla sicurezza della persona che la assume e delle persone che la circondano. Potrebbe anche avere un effetto negativo sulla produttività.

È anche importante ricordare che la cannabis è una droga illegale, che può portare a una multa o a una condanna penale.

In che modo la cannabis influisce sulle prestazioni lavorative? È noto che l'uso di cannabis provoca quanto segue:

  • problemi di memoria a breve termine
  • alterazioni del pensiero
  • perdita di equilibrio e coordinazione
  • diminuzione della concentrazione
  • cambiamenti nella percezione sensoriale
  • ridotta capacità di eseguire compiti complessi
  • ridotta vigilanza
  • tempo di reazione ridotto

Gli effetti della cannabis possono durare dalle due alle sei ore. Questi effetti collaterali possono rendere pericoloso l'uso della cannabis sul lavoro, in particolare se una persona utilizza macchinari pesanti o guida un veicolo. Vi è anche un rischio maggiore che si verifichi un incidente a causa della minore abilità in semplici compiti manuali.

I consumatori abituali di cannabis possono iniziare a mostrare segni di debolezza e mancanza di interesse nei loro compiti, potrebbero anche avere maggiori difficoltà a imparare nuove mansioni lavorative.

Che dire della retribuzione dei lavoratori? Se si verifica una disabilità a seguito dell'uso di cannabis, questa potrebbe non essere coperta dalle norme sulla remunerazione dei lavoratori.

La cannabis può essere trovata tramite test casuali per le droghe? Sebbene il dibattito sia aperto in merito ai test antidroga sul luogo di lavoro, alcune organizzazioni o società hanno introdotto tali iniziative nel tentativo di garantire la sicurezza sul luogo di lavoro e migliorare la produttività dei lavoratori. I test antidroga sul posto di lavoro possono identificare se qualcuno ha usato la cannabis.

Una volta assunta, la cannabis viene immagazzinata nei tessuti adiposi fino a quando non viene lentamente rilasciata nel flusso sanguigno ed espulsa dal corpo. Tracce di cannabis possono essere trovate nelle urine da uno a cinque giorni dopo un uso occasionale e fino a sei settimane (o più) nelle persone che usano regolarmente cannabis (più di tre volte alla settimana per un certo numero di anni). La cannabis può quindi essere facilmente identificata dalle procedure di test antidroga per un periodo di tempo molto più lungo rispetto alla maggior parte delle altre droghe.

Per le seguenti prestazioni, motivi legali e di salute e sicurezza sul lavoro, l'uso della cannabis non è accettabile sul posto di lavoro:

 “Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Un ragazzo informato, che pensa con la sua testa, pretenderà che gli sia dato un aiuto sincero, reale e naturale, senza ricorrere a droghe e farmaci dannosi. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard


Fonte notizia: https://www.noalladroga.it/


Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard | marijuana | cannabis | lavoro |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

La marijuana di oggi è più potente e i rischi sono più alti


Nasce a Racale il primo Cannabis social club d'Italia


Non tutta la marijuana fa male: prova la nuova cannabis legale


Farmacie multate per cannabis, sanzioni dal Ministero ma non per morfina e oppiacei


Gli effetti della cannabis sul riposo


#IoColtivo, al via la campagna di disobbedienza civile pro cannabis


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

L’epidemia di oppiacei è ormai una tragica realtà anche in Canada

L’epidemia di oppiacei è ormai una tragica realtà anche in Canada
Si parla molto della crisi delle morti per overdose di oppiacei negli USA, ma il fenomeno è purtroppo molto diffuso anche in Canada. L'entità dell'epidemia di oppiacei in Canada è paragonabile a quella degli Stati Uniti, sebbene non sia menzionata molto sui media. Analizziamo le origini del fenomeno. Il Canada ha registrato un'impennata nella prescrizione di oppiacei, in circostanze simili a quelle degli Stati Uniti. Questa ondata è avvenuta grazie ai suggerimenti delle case farmaceutiche che cercavano di incrementare le (continua)

L'effetto dell'alcool sul sonno

L'effetto dell'alcool sul sonno
C’è un motivo per cui le persone che bevono molto alcool hanno spesso un aspetto stanco e spossato. Un nuovo studio rivela che chi abusa di alcol potrebbe perdere il sonno a causa del bere, ma per motivi diversi da quelli che si potrebbe pensare. Il rigirarsi di notte potrebbe essere dovuto non solo alla preoccupazione per i problemi della vita creati dall'eccesso di alcol: ci sono prove che l'alcol può avere un effetto biologico diretto sul sonno. In che modo l'alcol influisce sul sonno? (continua)

La marijuana di oggi è più potente e i rischi sono più alti

La marijuana di oggi è più potente e i rischi sono più alti
Non c'è dubbio che la marijuana di oggi sia più potente, questo significa automaticamente che la marijuana è più pericolosa? Sebbene la cannabis sia stata usata in una forma o nell'altra per secoli, la sostanza consumata oggi è molto diversa da quella di un tempo. In effetti, i prodotti a base di cannabis oggi sono incredibilmente più potenti di quanto lo fossero quelli consumati solo pochi decenni fa. Alcuni credono che la maggiore potenza abbia un effetto diretto sull'aumento del rischio nell'utilizzo. Ma è ess (continua)

L'effetto delle metanfetamine (Crystal Meth) sul corpo

L'effetto delle metanfetamine (Crystal Meth) sul corpo
La metanfetamina è una droga che provoca danni fisiologici evidenti ed estremamente dannosi. La metanfetamina provoca un danno immediato nel momento in cui si inizia a usarla. Il seguente non è un elenco completo degli effetti collaterali, alcuni di questi effetti possono verificarsi dopo un utilizzo e altri si sviluppano dopo l'uso in corso:• Respirazione rapida• Frequenza cardiaca irregolare• Aumento della pressione sanguigna• Sudorazione• Mal di testa• Visione offuscata• Bocca asciutta (continua)

Il consumo di alcool durante la pandemia

Il consumo di alcool durante la pandemia
Il consumo di alcol a casa è aumentato drasticamente, secondo uno studio pubblicato sull'American Journal of Drug and Alcohol Abuse. La pandemia COVID-19 ha avuto una profonda influenza sulle tendenze dell'abuso di alcol negli Stati Uniti. C'è stato un calo del “binge drinking” (bere smodatamente e ubriacarsi) tra i giovani, a causa del minor numero di studenti che frequentano le università. Ma, nel complesso, c'è stato un aumento del consumo di alcol casalingo in tutte le fasce di età e di ceto sociale. Il consumo di a (continua)