Home > News > Che fine faranno gli artisti ? Lo sfogo di Mario Incudine

Che fine faranno gli artisti ? Lo sfogo di Mario Incudine

scritto da: LOsservatorio | segnala un abuso

Che fine faranno gli artisti ? Lo sfogo di Mario Incudine


Stiamo reinventando un modo 2.0 di fare musica, teatro e intrattenimento ma tutto deve tornare nei luoghi deputati, deve ritornare a quella dicotomia attori-spettatori.

Si è appena intercettato un timido intervento del ministro Franceschini. Io attendo con ansia qualcosa in più. Un suo post, un suo tweet, una sua apparizione mariana, un suo messaggio in bottiglia, un suo piccione viaggiatore.... con delle misure, delle ipotesi, delle idee, qualcosa che possa toglierci da questo stato limbare.
Non penso che, al di là di qualche facile narcisismo, gli artisti in questo momento si esibiscano per onanismo intellettuale. Lo fanno perché credono fermamente nel proprio lavoro, nella propria missione. La solitudine può uccidere, e la vocazione di ogni arte è quella di avvicinare gli uni agli altri, creare condivisone, scacciare le paure, allontanare la depressione. Sentire di non essere soli. Vivere attraverso la pietàs della finzione un’altra realtà, rivivere nella bolla magica del teatro la vita di personaggi giganti e storie epiche. Sentire nel fraseggio di una melodia un frammento di infinito. Seppure dietro uno schermo stiamo reinventando un modo 2.0 di fare musica, teatro, intrattenimento. Lo stiamo facendo perché è lunica cosa che sappiamo fare. Perché crediamo in questo mestiere più di ogni altra cosa al mondo. Ma non potremo farlo per sempre. Il teatro, la musica, larte deve tornare nei luoghi deputati, deve ritornare a quella dicotomia attori/spettatori, deve ritrovare la sua vocazione di aggregazione sociale. Noi dobbiamo tornare al nostro lavoro. In quel posto di lavoro che è il teatro, la piazza, la pietra, la sala da concerto. Adesso continuiamo ad aprire il sipario nelle nostre stanze per senso di dovere e di riconoscenza verso gli spettatori. Ed è proprio facendo leva su questo nostro senso del dovere, su questo eterno rispetto verso il nostro pubblico che si da spesso tutto per scontato. Perché noi andiamo in scena, comunque. Sempre e comunque. E non perché ci piace, ma perché ci hanno insegnato che lo spettacolo continua, sempre. Anche se c’è un solo spettatore. Ma non si può pensare che la passione basti da sola. Siamo lavoratori, che usano la passione per rendere al meglio. Il piacere può passare se non è consustanziato dal lavoro, non solo degli artisti, ma anche e soprattutto, delle macchine organizzative, dei management, delle agenzie, degli uffici stampa, dei tecnici, dei service e di tutta quella filiera produttiva che rende possibile portare a termine un evento artistico di qualsiasi entità. In questi giorni ognuno di noi inonda le proprie bacheche di arte, di letture, di pezzi di teatro, di canzoni. I teatri organizzano stagioni in streaming perché il teatro non sopravviva, ma possa continua a vivere. Ma poi? Cosa faremo ? Come ci torniamo sul nostro posto di lavoro? Quando?
Però se da domani, presi dallo sconforto e abbandonati al nostro destino, ognuno di noi dovesse oscurare le proprie bacheche, o non prestare più la propria voce per letture e dirette di ogni tipo, i riflettori si spegnerebbero definitivamente per tutti. E si potrebbe morire, di solitudine. E di fame.

#ministrofranceschini   #sosteniamogliartisti    #ascproduction

 

artisti | coronavirus | aiuti | musica | arte | cultura | teatro | franceschini | mario incudina |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

‹‹La Cattuta››: il viaggio della Cicciuzzi tra alcune pagine della storia di Palermo


Dopo due EP, ecco il primo album dei Norticanta.


In attesa di ritornare a suonare................ IL DOPO LOCKDOWN DELL’ARTISTA ANTONIO VASTA


‘Siciliani’: L’inno D’amore Alla Sicilia Di Marcello Mandreucci E Mario Incudine


Mario Putin e Serenissima Ristorazione tra i promotori di Villa Veneta come modello di cultura e impresa


Serenissima Ristorazione si aggiudica l’appalto del Policlinico Gemelli: la soddisfazione del Presidente Mario Putin


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

L’UNIONE MADONIE AVVIA L’EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA IN ALCUNI COMUNI

L’UNIONE MADONIE AVVIA L’EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA IN ALCUNI COMUNI
Avviato dall’Unione Madonie il processo di efficientamento energetico degli impianti di illuminazione pubblica in alcuni comuni. L’intervento prevede un finanziamento di 2.108.000 di euro (Linea di Intervento 4.1.3 del PO FESR 2014/2020) e riguarderà i comuni di Caccamo, Collesano, Gangi, Geraci Siculo, Montemaggiore Belsito, Petralia Sottana, Scillato e Sclafani Bagni. “Il progetto cantierabile è già sul tavolo del Dipartimento Energia – annunciano il presidente Pietro Macaluso e l’assessore all’energia dell’Unione Michele Panzarella. Dopo mesi di lavoro e di continue revisioni ora contiamo nella rapida valutazione da parte dei funzionari regionali propedeutica all’emissione del relativo decreto di finanziamento. L’efficienza dell’illuminazione pubblica è m (continua)

Morning Light, un inno alla vita nella luce di Sicilia

Morning Light, un inno alla vita nella luce di Sicilia
Tende al surreale il calendario Morning Light realizzato da Acqua Geraci per il 2022. Ogni immagine scelta accompagna l’osservatore oltre ciò che vede attraverso spunti onirici fissati nei mesi dell’anno che verrà. Allo stesso tempo, negli scatti della fotografa Carla Sutera, le forme e i colori trasmettono in modo tattile l’abbagliare ed il calore del Mediterraneo mentre i soggetti femminili, a volte rimarcati in doppio, evocano l’essenza dell’anima di Sicilia. Se una ri (continua)

Strada di Piano Battaglia. Via libera alla realizzazione del progetto dell’Unione Madonie

Strada di Piano Battaglia. Via libera alla realizzazione del progetto dell’Unione Madonie
Firmato il decreto di finanziamento di 2.400.000,00 euro che interesserà la “S.P. 54 di Piano Battaglia e S.P. n.113 Circonvallazione di Piano Battaglia” Firmato il decreto di finanziamento per la sistemazione della “S.P. 54 di Piano Battaglia e S.P. n.113 Circonvallazione di Piano Battaglia”. L’Assessorato regionale alle Infrastrutture ha dato il via libera alla realizzazione del progetto presentato dall’Unione Madonie che consentirà di migliorare i livelli di accessibilità al patrimonio culturale e paesaggistico dell’area di Piano Battaglia (continua)

S.P. 119 POLIZZI GENEROSA - PORTELLA COLLA, inviato dall’UNIONE MADONIE il progetto definitivo all'Assessorato regionale alle infrastrutture e mobilità.

S.P. 119 POLIZZI GENEROSA - PORTELLA COLLA, inviato dall’UNIONE MADONIE il progetto definitivo all'Assessorato regionale alle infrastrutture e mobilità.
Si attende la firma del decreto per avviare l’iter per la realizzazione dei lavori di sistemazione. Inviato il progetto definitivo all’Assessorato regionale delle Infrastrutture e della Mobilità per l’emissione del decreto di finanziamento per la realizzazione dei lavori di sistemazione e messa in sicurezza della sede viaria della S.P. n. 119 Polizzi Generosa - Portella Colla, in tratti saltuari. Saranno, infatti, undici gli interventi che verranno realizzati lungo tutta la strada che ad og (continua)

AGROALIMENTARE, NASCE LA CONSULTA DEI DISTRETTI DEL CIBO.

AGROALIMENTARE, NASCE LA CONSULTA DEI DISTRETTI DEL CIBO.
Tra i distretti aderenti anche quello delle “Filiere e dei Territori di Sicilia in Rete” del quale fa parte il GAL Madonie. Nasce la Consulta dei Distretti del Cibo per affrontare tutti assieme la sfida della transizione verso un sistema Agroalimentare sostenibile del nostro Paese.La sottoscrizione dello Statuto della Consulta dei Distretti del Cibo è avvenuta giovedì scorso alla presenza del Ministro Stefano Patuanelli presso il Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali. Al tavolo si sono riu (continua)