Home > Arte e restauro > “Il marmo dai 1000 volti” di Massimo Caramia: arte per l'arte

“Il marmo dai 1000 volti” di Massimo Caramia: arte per l'arte

scritto da: Elenagolliniartblogger | segnala un abuso

“Il marmo dai 1000 volti” di Massimo Caramia: arte per l'arte


“Il marmo dai 1000 volti” è un pregevole e ambizioso progetto che prende vita dalla grande sensibilità intuitiva del maestro del marmo Massimo Caramia, in collaborazione con la dottoressa Elena Gollini. Il patrocinio istituzionale conferito dal Comune di Pietrasanta ha ulteriormente amplificato la portata e la rilevanza sociale e collettiva di questo articolato progetto di ricerca, che ha come protagonista un magnifico e possente blocco di marmo di ancestrale origine medicea, appartenente alla cosiddetta breccia medicea, originaria della zona di Seravezza. Il progetto che porta questa emblematica denominazione "Il marmo dai 1000 volti" vuole scandagliare e analizzare la natura genetica intrinseca di questo blocco portentoso, che nasconde al suo interno una molteplicità di figurazioni di varia tipologia, che appaiono come per incanto e magia tra le variegate e suggestive venature cromatiche naturali.

La dottoressa Gollini ha dichiarato: "Massimo con la sua radicata è consolidata esperienza come rinomato artista del marmo, è riuscito a fare emergere dal maestoso blocco interessanti immagini figurali, che appaiono come una sequenza incastonata dentro in equilibrio bilanciato e armonico con la consistenza marmoreo e hanno una loro sorprendente resa plastica di forte effetto. L'impatto visivo è molto potente e da subito cattura e conquista lo sguardo. Non si può assolutamente rimanere indifferenti davanti a tanto sorprendente splendore che la natura ci ha donato e che Massimo ha sapientemente fatto affiorare con maestria e competenza. Il blocco è attualmente in fase di analisi stratificata tra interno ed esterno e ogni giorno rivela nuovi spunti e nuovi rimandi, che si aggiungono a quelli già trovati, componendo e fornendo un meraviglioso scenario artistico naturale, assolutamente unico e suo generis. Insieme a Massimo stiamo predisponendo delle iniziative che prenderanno il via con l'aiuto anche del Comune di Pietrasanta per dare il pieno risalto a questo progetto, con una promozione mirata ad hoc e capillare. Il lavoro è lungo e molto impegnativo, ma siamo convinti che i frutti saranno estremamente appaganti e meritatamente soddisfacenti. Come proclamava l'esimio Fedor Dostoevskij la bellezza salverà il mondo e senza dubbio, il marmo dai 1000 volti con la sua incantevole bellezza ammaliante contribuisce a questa salvezza".


Fonte notizia: http://www.elenagolliniartblogger.com/massimo-caramia/


Massimo caramia | caramia | marmo dai 1000 volti | artista | marmo | patrocinio | comune | francavilla | brindisi | carrara | pietrasanta | pietra | blocco | marmoreo | medici | mediceo | artigiano | artigiani | puglia | arte | elena gollini | gollini | italia | italiano |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Autori più attivi
Dicembre

Recenti

Stesso autore

Pubblicato online il catalogo artisti special limited edition curato da Elena Gollini con omaggio a Dante Alighieri

Pubblicato online il catalogo artisti special limited edition curato da Elena Gollini con omaggio a Dante Alighieri
La Dott.ssa Elena Gollini ha curato la III edizione del Catalogo degli Artisti Selezionati pubblicato all'interno del suo blog www.elenagolliniartblogger.com che contiene al suo interno come plus valore aggiunto uno speciale omaggio celebrativo ad honorem al sommo Dante Alighieri nell'anniversario simbolico dei 700 anni dalla morte. Il catalogo contiene infatti degli scritti dedicati all'e (continua)

La caleidoscopica dialettica pittorica di Davide Quaglietta

La caleidoscopica dialettica pittorica di Davide Quaglietta
 “All'interno del bacino espressivo, che Davide Quaglietta ha designato come principale fonte da cui prendere spunto per le sue incalzanti evoluzioni pittoriche, si può ravvisare una prospettiva caleidoscopica a livello dialettico manifesto e non manifesto, esplicito ed implicito, palese e sotteso, emerso e sommerso, che rende la struttura compositiva ancora più corposa e sostanziosa ne (continua)

Daniel Mannini: un pensiero pittorico in evoluzione

Daniel Mannini: un pensiero pittorico in evoluzione
 “All'interno del flessuoso e camaleontico pensiero pittorico di Daniel Mannini si possono cogliere delle fasi sequenziali in costante e continua evoluzione, che corrispondono non soltanto al suo dinamismo riflessivo vivacemente reattivo e recettivo agli stimoli esterni e interni, ma anche a quello sviluppo progressivo, che dal punto di vista esistenziale gli fornisce una più solida e c (continua)

La psicologia del colore nella pittura di Davide Quaglietta

La psicologia del colore nella pittura di Davide Quaglietta
 “Colore, colore, colore e ancora colore, che sprigiona sensazioni differenti e accresce l'enfasi dello scenario e della prospettiva orchestrata. Il colore in pittura è elemento indeferibile e irrinunciabile per catalizzare l'approccio visivo del fruitore e avere un ventaglio di appigli e di contatti sui quali costruire un'interpretazione interattiva vera ed edificare una cifra stilistic (continua)

Daniel Mannini: dipingere per guardarsi dentro

Daniel Mannini: dipingere per guardarsi dentro
 “Da sempre l'espressione artistica declinata e manifestata con eterogenea e multiforme connotazione stilistica e comunicativa rappresenta un pregiato caleidoscopio di proiezioni e prospettive sinonimo dell'articolato mondo interiore e spirituale, che governa l'introspezione intima di ogni artista creativo. Da sempre questa commistione garantisce di rimando una contaminazione ad intrecci (continua)