Home > Cultura > Come reagire quando un tossicodipendente chiede soldi

Come reagire quando un tossicodipendente chiede soldi

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Come reagire quando un tossicodipendente chiede soldi

La droga costa, dà dipendenza e assuefazione, ce ne vuole sempre di più. Ecco che il tossicodipendente chiede i soldi alla famiglia. Che fare?


Quando il bisogno di droga diventa pressante, si ha bisogno di tanti soldi. Alcuni tossicodipendenti chiedono i soldi a genitori o parenti, altri rubano in casa. Finanziare» un tossicodipendente equivale ad aiutarlo a distruggersi, diventando complice della sua corsa verso il declino fisico e mentale, o peggio della sua morte.

Ecco alcuni consigli su come comportarsi:

1.      Mettete i soldi al sicuro in casa

2.      Evitate che possa usare carte di credito collegate a conti familiari

3.      Fate capire che si è disposti aiutarlo, ma che si desidera sapere come i soldi vengono spesi

4.      Tenete il conto dei soldi già dati (data, quantità, motivo)

5.      Non siate ingenui, fate domande e investigate, controllate se possibile

6.      Imponetegli gentilmente una certa autodisciplina sulla gestione delle proprie finanze

Tutto questo va accompagnato, evidentemente, da un’azione appropriata per dar sì che il tossicodipendente comprenda cosa gli sta succedendo e cosa sta facendo a se stesso, in modo che possa accettare aiuto sincero. Mancare di fare questo potrebbe spingerlo verso il commettere crimini.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o se ne promuova l’uso. I giovani devono conoscere la dura verità: dove gira la droga, c’è spesso crimine e perversione sessuale.

Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard


Fonte notizia: https://www.noalladroga.it/


Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Come Aiutare un Marito Tossicodipendente


Come Aiutare una Sorella Tossicodipendente


Come Aiutare una Madre Tossicodipendente


Come Aiutare un Tossicodipendente che Non Vuole Essere Aiutato


Come Aiutare un Tossicodipendente


Essere un tossicodipendente


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Un rapper che non si droga!

Un rapper che non si droga!
Il Tre è il nome di un giovane rapper controcorrente: nelle sue canzoni non parla di droga, violenza o sesso e conduce lui stesso una vita sobria. Sembra incredibile, una contraddizione in termini, ma si sta facendo strada nel panorama della musica Rap un ragazzo, Guido Senia detto “Il Tre”, che si propone “pulito”. Non fa uso di droghe, non fuma, non canta solo di sesso e armi da fuoco. Gli artisti famosi vengono presi ad esempio dai loro ammiratori, e la responsabilità del mondo rap nei confronti della nostra società non è trascura (continua)

Non tutti sono d’accordo con la legalizzazione di tutte le droghe in Oregon

Non tutti sono d’accordo con la legalizzazione di tutte le droghe in Oregon
L’Oregon ha depenalizzato tutte le droghe, anche per i minorenni. Alcune voci responsabili delle società americana non sono d’accordo. In Oregon, in seguito a un referendum popolare, un adulto o un minorenne trovato in possesso di 38 dosi di LSD, oppure 4 pasticche di Ecstasy, o di poco meno di 1 grammo di eroina, non commette più alcun reato. Verrà semplicemente informato di un possibile percorso, facoltativo, di disintossicazione. La nuova legge è denominata “Misura 110”. Se non fosse sufficientemente chiaro, la Misura 1 (continua)

La grande bugia degli psicofarmaci

La grande bugia degli psicofarmaci
Gli psicofarmaci sono droghe a tutti gli effetti, chi li assume deve essere consapevole di stare iniziando un percorso di tossicodipendenza. Psicofarmaci: droghe o medicine? Lungi dal dare una risposta esaustiva, ecco alcuni spunti di riflessione. Gli psicofarmaci sono sostanze TOSSICHE, dato che alterano l’equilibrio chimico del corpo. Gli psicofarmaci causano ASSUEFAZIONE, dato che di norma è necessario aumentare la dose per mantenere gli effetti). Gli psicofarmaci danno DIPENDENZA, se si smette di assumerli causano v (continua)

La droga disgrega le famiglie

La droga disgrega le famiglie
L’effetto delle crisi di astinenza è così devastante che un tossicodipendente può arrivare ad avere atteggiamenti assai violenti anche nei confronti dei propri cari. Le droghe vengono assunte per “stare bene” ma quello che è certo è che, terminato l’effetto della sostanza tossica, il corpo e la mente possono cominciare a stare molto, molto male. Si tratta delle famose crisi di astinenza: condizioni psicofisiche insopportabili per sfuggire alle quali alcuni tossicodipendenti diventano letteralmente disposti a tutto. La cronaca di questi giorni riporta il (continua)

La marijuana in gravidanza procura gravi danni al feto

La marijuana in gravidanza procura gravi danni al feto
Sempre più donne fumano spinelli in gravidanza: la propaganda le sta convincendo che la marijuana è innocua. L’uso di marijuana si sta diffondendo in tutto il mondo, spinto dalla martellante propaganda mediatica che la classifica ormai come “droga leggera” o addirittura “non droga”. Per non parlare del cattivo esempio fornito da molte nazioni, inclusi vari stati del USA, che hanno depenalizzato la marijuana: se è legale non può essere dannosa. Non c’è da stupirsi quindi se molte donne in gravidanz (continua)