Home > Cultura > Perché un tossicodipendente non ascolta

Perché un tossicodipendente non ascolta

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Perché un tossicodipendente non ascolta

Avete mai avuto l’impressione che una persona vi stava guardando ma eravate come «trasparente» e non ascoltava una sola parola di quello che dicevate?


La principale arma che si ha per far sì che un tossicodipendente accetti di essere aiutato è la comunicazione, o meglio “vera comunicazione”. Tutto ciò che include accuse, imposizioni, ricatti, recriminazioni, aggressività, sarcasmo, ironia, frecciatine, mancate risposte, afflizione, mutismo, ecc. non è vera comunicazione! Sarà solo uno scontro che avrà come unico effetto far allontanare la persona, e diventerà via via sempre più difficile parlare con lui.

Ma qual è il vero motivo per cui un tossicodipendente a volte non ascolta? Se la persona è ancora sotto l’effetto della droga, la persona “non è lì”. Non ascolterà veramente ciò che gli viene detto perché sarà ancora impegnata ad osservare le strane immagini mentali che la droga ha fatto affiorare nella sua mente, in maniera più o meno consapevole.

Avete mai avuto l’impressione che una persona vi stava guardando ma eravate come «trasparente» e non ascoltava una sola parola di quello che dicevate?

La droga non permette alla persona di concentrarsi sull’ambiente circostante e sulla conversazione. La droga risucchia l’attenzione della persona da qualche altra parte, impedendo vere percezioni, in maggiore o minore misura. Questo è vero per tutte le droghe, alcol, marijuana, eroina, psicofarmaci, ecc.

Quindi, se volete che un tossicodipendente vi ascolti, la regola numero uno è: aspettate che sia completamente sobrio.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Un ragazzo informato, che pensa con la sua testa, pretenderà che gli sia dato un aiuto sincero, reale e naturale, senza ricorrere a droghe e farmaci dannosi. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia e migliaia di ragazzi delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard


Fonte notizia: http://it.drugfreeworld.org


Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Come Convincere un Tossicodipendente a Curarsi


Ecco le finaliste campane a Miss Italia 2019


Come Aiutare un Tossicodipendente che Non Vuole Essere Aiutato


Come Aiutare una Madre Tossicodipendente


Come Aiutare una Sorella Tossicodipendente


Essere un tossicodipendente


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Perché le droghe sono chiamate “sostanze stupefacenti”?

Perché le droghe sono chiamate “sostanze stupefacenti”?
Non si tratta affatto di sostanze incredibili o meravigliose… la parola stupefacente viene dal latino e ha tutt’altro significato. Come tante parole italiane, “stupefacente” ha più di un significato. “Sono stato al cinema, gli effetti speciali del film erano stupefacenti!” Questo è il più comune, ma ce n’è un altro: Stupefacente viene dal Latino: STUPOR = stordimento, intontimento, FACENTE = che rende in un certo modo Stupefacente significa quindi «che rende stupido». Le droghe rendono le persone stupide. Chi ha (continua)

Come reagire quando un tossicodipendente chiede soldi

Come reagire quando un tossicodipendente chiede soldi
La droga costa, dà dipendenza e assuefazione, ce ne vuole sempre di più. Ecco che il tossicodipendente chiede i soldi alla famiglia. Che fare? Quando il bisogno di droga diventa pressante, si ha bisogno di tanti soldi. Alcuni tossicodipendenti chiedono i soldi a genitori o parenti, altri rubano in casa. Finanziare» un tossicodipendente equivale ad aiutarlo a distruggersi, diventando complice della sua corsa verso il declino fisico e mentale, o peggio della sua morte. Ecco alcuni consigli su come comportarsi:1.   &nb (continua)

Rave ed Ecstasy, un binomio inscindibile

Rave ed Ecstasy, un binomio inscindibile
I Rave (raduni musicali semiclandestini con musica ossessiva) sono caratterizzati da trasgressione e droga, la più comune è l’Ecstasy. È noto che la droga circola nelle discoteche di tutto il mondo, ma la grande maggioranza dei ragazzi che le frequentano se ne tengono alla larga e si limitano al bicchierino incluso nel biglietto. La scena cambia radicalmente nei “Rave”: grandi raduni, spesso clandestini, in spazi aperti o capannoni abbandonati, a base di musica a volume esagerato e ritmo ossessivo. Nei rave la quasi totalità (continua)

Mischiare alcol e droghe è una pessima idea

Mischiare alcol e droghe è una pessima idea
Già abusare di alcol è assai pericoloso, già le droghe distruggono il corpo e la mente… ma la loro combinazione è micidiale, spesso imprevedibile e a volte letale. L’alcol è legale e spesso non viene percepito come droga. L’uso normale e lecito che moltissimi ne fanno, in piccole dosi e a scopo ricreativo e sociale, porta a pensare che un po’ di più non faccia chissà quanto male. Se poi si aggiunge all’alcol qualche altra sostanza stupefacente… ci si trova a sperimentare una vera e propria roulette russa all’interno del corpo e della mente. ALCOL + C (continua)

LSD e psicosi

LSD e psicosi
L’allucinogeno LSD causa psicosi o la cura? È veramente difficile credere che uno stato allucinatorio possa giovare alla salute mentale, e l’esperienza di quasi un secolo lo dimostra. L’LSD è una sostanza stupefacente allucinogena, creata dalla Sandoz Farmaceutica nel 1938 in Svizzera. Fu largamente usata in esperimenti psichiatrici negli anni ’40, ’50 e ’60: c’è un’ampia letteratura che narra della sperimentazione in ambito psichiatrico, chiusa finalmente nel 1967 quando l’LSD è stato dichiarato illegale. Lo stupefacente era destinato ad allungare la lista dei farmaci (continua)