Home > Moda e fashion > Distanziamento sociale? PlayWood crea barriere ecologiche, eleganti e meno costose del plexiglass

Distanziamento sociale? PlayWood crea barriere ecologiche, eleganti e meno costose del plexiglass

scritto da: Essecicomunicazione | segnala un abuso

Distanziamento sociale?  PlayWood crea barriere ecologiche, eleganti e meno costose del plexiglass

I nuovi pannelli PlayWood sono in carta traslucida e legno di betulla naturale. Consentono il passaggio della luce, sono modellabili e riciclabili al 100%. “Se il Coronavirus ci ha insegnato qualcosa è che abbiamo tutti il dovere di rispettare l’ambiente in cui viviamo” Stefano Guerrieri


«Ormai il plexiglass è diventato prezioso come l’oro. Difficile da trovare e venduto a prezzi improponibili. Si tratta, inoltre, di un materiale non proprio facile da riciclare né tantomeno bellissimo da vedere all’interno di un ristorante, un ufficio o un’attività commerciale, per via del suo aspetto molto freddo e industriale». La pensa così Stefano Guerrierico-founder e Ceo di PlayWood. «Per questo siamo andati alla ricerca di qualcosa che fosse in grado di garantire lo stello livello di efficacia come barriera fisica anti Covid-19, ma che allo stesso tempo fosse green. Se questa calamità ci ha insegnato qualcosa è che tutti noi abbiamo il dovere di lasciare il pianeta Terra migliore di come l’abbiamo trovato, o perlomeno di non peggiorarlo immettendo nell’ambiente scorie e materiali inquinanti». Le nuove barriere prodotte e commercializzate da PlayWood sono realizzate in carta opalescente e legno di betulla, materiali sostenibilissimi e riciclabili al 100%.

 

Carta e betulla

I pannelli divisori di PlayWood sono estremamente flessibili, vengono infatti consegnati in rotoli e sono realizzati in carta ondulata a bassa opacità. Non risultano completamente trasparenti, ma sono perfettamente in grado di consentire il passaggio della luce. I supporti autoportanti sono invece realizzati in legno di betulla per conferire al pannello la massima stabilità, la linea di arredi si completa con dispenser per igienizzanti e desk per punti informativi, tutto il necessario per allestire spazi commerciali e pubblici. Immaginiamo un open space o un coworking, grazie a questi pannelli, è possibile in pochissimo tempo mettere in sicurezza i coworker, i colleghi di lavoro, disegnare il percorso per una coda alle casse o uno sportello, ecc. PlayWood produce i suoi pannelli ecologici in due linee: SplitUp, vere pareti separatorie per ambienti e percorsi obbligati e Apart, da installare su scrivanie o tavoli.

Le linee di produzione dei nuovi pannelli stanno lavorando a pieno regime per garantirne la piena disponibilità dalla fine di maggio. «Non è stato facile trovare il giusto compromesso tecnico tra solidità, convenienza e flessibilità - racconta Guerrieri - ma siamo davvero soddisfatti dei risultati ottenuti, il prodotto nasce da una Joint Venture con Espos.it un’azienda italiana leader nella produzione di espositori in legno leggeri ed ecosostenibili. Nonostante il materiale usato sia carta, le superfici sono trattate con un sistema di plastificazione che permette di pulirle con un panno umido o una soluzione alcolica per rimuovere per esempio macchie come schizzi di caffè».

 

A proposito di costi

Fra i vantaggi offerti dai nuovi pannelli PlayWood, oltre alla sostenibilità e alla possibilità di adattarli a qualunque esigenza per via della grande flessuosità del materiale, è fodamentale anche la questione prezzo. I pannelli separatori da tavolo o scrivania hanno un costo inferiore al 20% rispetto ai modelli in plexiglass, mentre per i pannelli separatori ad altezza uomo, il risparmio arriva fino all’80%«È importante precisare che questi pannelli sono per uso interno e non esterno – racconta Guerrieri – ma i vantaggi che offrono sono notevoli sotto qualunque punto di vista. Se per esempio devo spostarli o adeguarli a un’altra disposizione, posso farlo senza problemi, il montaggio a incastro non necessita di attrezzi e sono arrotolabili. Inoltre, a fine vita non dovrò sottoporli a procedure particolari, né sostenere costi nascosti di smaltimento perché sono completamente riciclabili».

A breve sarà possibile ordinare i nuovi pannelli da questo indirizzo: https://www.playwood.it/en/line-covid-19/

 

Crowdfunding, ultima chiamata

La barriere Apart e SplitUp sono solo l’ennesimo esempio della grande lungimiranza e attenzione sociale del team di PlayWood che, vale la pena ricordarlo, ancora per pochi giorni ha attiva una campagna di equity crowdfunding su Mamacrowd, in overfunding dopo solo poche settimane.

 

Neanche il lockdown ha fermato il team di PlayWood che anzi, grazie alla nuova linea di arredi, ad aprile ha segnato un +365% sul proprio e-commerce Europa. «Complessivamente, sul quarter abbiamo registrato un +50% rispetto allo scorso anno. L’e-commerce, sempre sul quarter, è cresciuto del 135%» conclude Stefano Guerrieri.

 

Per investire e diventare soci di questa formidabile azienda italiana, basta andare su Mamacrowd.com, selezionare il progetto PlayWood, accedere alla documentazione completa e scegliere l’importo da sottoscrivere. Ricordiamo che il 30% dell’investimento può essere detratto dalle tasse.



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

PlayWood punta agli smart worker e crea arredi per lavorare da casa


Distanziamento sociale: 1 italiano su 2 non tornerà al ristorante


Case in legno


Ripartiremo presto anche con le vacanze


Vestiti Eleganti Uomo Giovanili, Ecco Cosa C'è Da Sapere


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Acronis Cyber Protect Cloud: pronto il "vaccino” per le minacce informatiche

Acronis Cyber Protect Cloud:  pronto il
Il 50% delle aziende di tutto il mondo ammette di non essere ancora completamente pronto a passare al lavoro remoto. Milioni di dipendenti non hanno computer portatili e postazioni di lavoro configurati, costringendo le aziende ad acquistare più macchine.  Oltre l'80% dei team IT non è ancora in grado di fornire un'infrastruttura sicura ed efficiente per i lavoratori remoti, mentre alcune (continua)

Al via il Programma Partner Acronis #CyberFit 2020

Al via il Programma Partner Acronis #CyberFit 2020
 Acronis, leader globale della cyber protection, annuncia il nuovo Programma partner Acronis #CyberFit 2020.  Con oltre 50.000 partner e alleanze tecnologiche con le principali aziende di settore, Acronis conferma di non essere solo un fornitore, ma un fedele alleato per il successo dei propri partner.  "Il rinnovato Acronis #CyberFit Partner Program garantisce ai nostri part (continua)

L'allerta di Acronis: durante la pandemia di Coronavirus gli attacchi informatici contro le strutture sanitarie saranno una minaccia incombente e crescente

L'allerta di Acronis: durante la pandemia di Coronavirus gli attacchi informatici contro le strutture sanitarie saranno una minaccia incombente e crescente
  Acronis, esperto globale di cyber protection, porta all'attenzione di autorità e istituzioni private il potenziale aumento di attacchi ransomware che, nelle prossime settimane e malgrado la crisi di Covid-19, avranno come bersaglio sistemi sanitari pubblici e privati.   Nel sollevare la questione, Acronis segnala un picco dei rilevamenti di ransomware in Europa, pari al 7% ne (continua)

Acronis nomina Candid Wüest vicepresidente della divisione Cyber Protection Research

Acronis nomina Candid Wüest vicepresidente della divisione Cyber Protection Research
 Acronis, leader globale della cyber protection, ha annunciato la nomina di Candid Wüest a vicepresidente della divisione Cyber Protection Research.  Wüest sarà il capo tecnico per i centri operativi Acronis Cyber ​​Protection (area EMEA), definendo e conducendo progetti di ricerca su nuove minacce IT e indicando la strategia per studiarle e combatterle (continua)

La ricerca Acronis per la Settimana mondiale della Protezione Informatica rivela che il 42% delle aziende ha subito perdite dei dati nel 2019

La ricerca Acronis per la Settimana mondiale della Protezione Informatica rivela che il 42% delle aziende ha subito perdite dei dati nel 2019
  Acronis, leader globale della cyber protection, a partire da oggi, World Backup Day, celebra la settimana mondiale della protezione informatica rivelando che il 42% delle aziende nel 2019 ha subito un evento di perdita di dati che ha provocato tempi di inattività. Questo numero elevato è probabilmente causato dal fatto che mentre circa il 90% dei responsabili aziendali e (continua)