Home > Primo Piano > Dispositivi di protezione individuale (DPI) – l’ottenimento della marcatura CE

Dispositivi di protezione individuale (DPI) – l’ottenimento della marcatura CE

scritto da: Di Renzo Regulatory Affairs | segnala un abuso

Dispositivi di protezione individuale (DPI) – l’ottenimento della marcatura CE


I DPI rientrano tra quelle categorie di prodotti che si sono rivelati di fondamentale importanza nella gestione dell’emergenza Covid-19: tra questi si annoverano maschere filtranti e visiere protettive.

In questo articolo illustreremo quanto richiesto ai fabbricanti per poter marcare CE i DPI ai sensi del Reg. UE 2016/425. Questo per consentire anche agli altri operatori coinvolti nella filiera commerciale di aver chiaro gli aspetti cardine nel momento in cui si approccia o si valuta la vendita di tali prodotti.

Va premesso che il DPI deve in primo luogo rispondere ai requisiti essenziali di salute e sicurezza specificati dal Regolamento. Il DPI verrà sottoposto all’opportuna procedura di valutazione della conformità, che varierà in funzione della categoria di rischio del dispositivo (I, II, III). Tali procedure sono atte ad appurare la rispondenza del DPI ai requisiti di legge e possono prevedere o meno l’intervento di un Ente Notificato.

Il fabbricante ha l’obbligo di redigere e conservare la documentazione tecnica; questa attesta che i mezzi utilizzati dal fabbricante garantiscano la conformità del dispositivo. Questa comprende (a titolo non esaustivo) una descrizione del DPI e dell'uso cui è destinato, una valutazione dei rischi da cui il DPI è destinato a proteggere, disegni e schemi di progettazione e fabbricazione del DPI, riferimenti a norme armonizzate o altre specifiche tecniche applicate per la progettazione e la fabbricazione del DPI, una descrizione dei mezzi usati dal fabbricante durante la produzione del dispositivo, ecc…

Tutte le informazioni fornite dal fabbricante presenti sul dispositivo, in etichetta o nei manuali, oltre a figurare nella documentazione tecnica, accompagneranno il DPI in fase di commercializzazione

Il fabbricante, una volta in possesso dell’intera documentazione tecnica redatta secondo le prescrizioni di legge, sarà in grado di dare evidenza di quanto attuato per rendere conforme il DPI. Questo è fondamentale, soprattutto quando contestualizzato alle recenti procedure di validazione in deroga dei DPI da parte dell’INAIL, per le quali si richiede di fornire documenti che, da disposizioni ordinarie, rientrerebbero in un fascicolo tecnico ai sensi del Reg. UE 2016/425.

I Distributori e gli Importatori che operano all’interno dello spazio UE sono chiamati ad accertarsi della corretta esecuzione della procedura di valutazione della conformità eseguita dal fabbricante. Ad esempio, per le semimaschere filtranti di tipo FFP2 ed FFP3 (DPI di categoria III) è prevista una valutazione con l’intervento di un Organismo Notificato. In caso le valutazioni vadano a buon fine, tale ente rilascerà il relativo Certificato di conformità ed autorizzerà il fabbricante a marcare CE il dispositivo.

Il fabbricante è chiamato inoltre a redigere una dichiarazione di conformità UE, anche in questo caso le specifiche riguardo il contenuto sono definite nel testo del Reg. UE 2016/425.

dispositivi protezione individuale | marcatura ce |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Proteggere le vie respiratorie nei luoghi di lavoro


Marcatura CE amplificatori musicali


Marcatura CE di occhiali e lenti


Sicurezza sul lavoro: la scelta dei dispositivi di protezione


Marcatura CE mascherine protettive


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Regole e rischi della pubblicità dei medicinali omeopatici

Regole e rischi della pubblicità dei medicinali omeopatici
La normativa vigente in materia di pubblicità dei medicinali omeopatici deriva dal D.lgs. 219/2006 e dalle modifiche introdotte con il D.lgs. n. 274 del 29 dicembre 2007. Si definisce medicinale omeopatico ogni medicamento ottenuto utilizzando sostanze di origine minerale, chimica, vegetale, animale e biologica secondo processi di produzione specifici indicati nelle farmacopee ufficiali. I medicinali omeopatici attualmente in commercio in Italia hanno goduto delle disposizioni transitorie definite dall’art. 20 del D.lgs. 219/2006 che ha permesso ai prodotti già presenti sul mercato alla data del 6 giugno 1995 di rimanere in commercio, in virtù di una disposizione ope legis. La Procedura di rinnovo dell’autorizzazione ope legis (Legge n. 190/2014) ha consentito (continua)

Superare un lutto non è facile se il lutto viene negato

Superare un lutto non è facile se il lutto viene negato
Siamo nella fase 3 della più grande pandemia di questo secolo. Con se il Covid-19 ha fatto molte vittime e portato con se molti strascichi sulle persone che hanno lasciato le sale intensive degli ospedali. Traumi psicologici si riscontrano sulle persone che non hanno retto al lockdown e alla quarantena forzata. Molte di queste persone hanno paura ad uscire di nuovo, stanno (continua)

La Sorveglianza post-commercializzazione nel passaggio dalla Direttiva al Regolamento

La Sorveglianza post-commercializzazione nel passaggio dalla Direttiva al Regolamento
Pur essendo già presente nella direttiva 93/42/CEE dei dispositivi medici (DM), il concetto di sorveglianza post-commercializzazione (sorveglianza, ndr) viene considerato uno degli aspetti più critici del Regolamento (UE) 745/2017 (MDR). Ciò che è cambiato nel passaggio da una normativa all’altra è il rigore con il quale vengono espressi i requisiti relativi a questo aspetto. La (continua)

Integratori, è sicuro comprarli su Amazon?

Integratori, è sicuro comprarli su Amazon?
Acquistare integratori alimentari su Amazon è sicuro e prendono tutte le precauzioni per far si che i prodotti venduti rispettino le normative europee. Il mio primo acquisto di un integratore alimentare su Amazon – un prodotto per il benessere di unghie e capelli – è stato oggetto di dubbi e perplessità da parte di tutti. Ti fidi? mi chiedevano. Sarà sicuro?E se fosse un prodotto contraffatto? L’arrivo di una confezione con l’etichettatura in spagnolo non ha certo contribuito a rabbonire gli animi, ma dopo 4 mesi di trattamento posso conferma (continua)

Mascherine, le informazioni obbligatorie per i consumatori

Mascherine, le informazioni obbligatorie per i consumatori
Anche per i dispositivi di protezione individuale, come le mascherine, sono previste una serie di informazioni obbligatorie da fornire ai consumatori. L’obbligo riguarda in particolare i soggetti che vendono questo tipo di prodotti, in primo luogo le farmacie, ma anche i tabaccai, le sanitarie e tutte quelle attività commerciali che le hanno poste in vendita.  Queste informazion (continua)