Home > Lavoro e Formazione > CASA CIRCONDARIALE “BICOCCA”, PERSONALE IN STATO DI AGITAZIONE

CASA CIRCONDARIALE “BICOCCA”, PERSONALE IN STATO DI AGITAZIONE

scritto da: Marianna La Barbera | segnala un abuso

CASA CIRCONDARIALE “BICOCCA”,  PERSONALE IN STATO DI AGITAZIONE

Il segretario generale della Uil Pubblica Amministrazione di Catania Armando Algozzino contro la Direzione: "Comportamento sprezzante verso RSU e Funzioni Centrali"


Condotta antisindacale, violazione delle regole attinenti il diritto all’informazione preventiva e delle misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica e mancata osservanza delle norme relative al lavoro agile.
 
Queste, in sintesi, le accuse che il segretario generale della Uil Pubblica Amministrazione di Catania  Armando Algozzino rivolge alla Direzione della Casa Circondariale “Bicocca”, oggetto di una lettera trasmessa al Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria e all’Ufficio Centrale del Bilancio del Ministero della Giustizia, al Provveditorato Regionale dell’Amministrazione Penitenziaria Sicilia e, per conoscenza, alla stessa Direzione dell’Istituto dove, secondo l’esponente sindacale, sarebbero state del tutto ignorate le regole della contrattazione decentrata.
 
Un comportamento, quello della Direzione che, come si legge nella nota,  avrebbe di fatto determinato la sospensione delle relazioni sindacali comunicata dalla RSU.
 
Al centro delle proteste del sindacato, il trattamento riservato al personale delle Funzioni Centrali in relazione all’organizzazione del lavoro in modalità smart working: la Direzione avrebbe infatti deciso di contrassegnare come “indifferibili” tutte le attività del Comparto, ignorando le istanze avanzate dai lavoratori in materia di tutela della salute pubblica.
 
A ciò, si aggiunge l’imposizione della consumazione delle ferie relative al 2019, all’insegna del disconoscimento del differimento per esigenze di servizio al 30 giugno dell’anno successivo a quello di maturazione.
 
Nella lettera, il segretario generale chiede al provveditore regionale Cinzia Calandrino di ritenere nullo qualsiasi atto riguardante il Fondo Unico di Amministrazione dell’anno 2018, “adottato in violazione delle regole contrattuali”; alla Direzione dell’Ufficio Centrale del Bilancio del Ministero della Giustizia, invece, Algozzino chiede di vigilare sul rispetto dell’atto contrattuale, presupposto della ripartizione delle somme F.U.A. – 2018 alla Casa Circondariale.
 
L’esponente sindacale critica inoltre le modalità di convocazione delle organizzazioni sindacali in videoconferenza, senza alcuna informazione preventiva.
 
“Appare alquanto contraddittorio , oltre che incomprensibile – aggiunge – che le organizzazioni sindacali continuino a essere convocate da remoto mentre i lavoratori delle Funzioni Centrali della Casa Circondariale possano liberamente tornare in ufficio poiché, a detta del direttore Giuseppe Russo, l’emergenza virologica sarebbe ormai passata,  tanto da riprendere quelle che lui stesso definisce attività di cantiere”.
 
Un atto arrogante, discriminatorio, sprezzante e lesivo nei confronti delle autonomie locali, secondo il segretario.
 
“Veramente aberrante – afferma Algozzino – il disprezzo manifestato per la RSU , che rappresenta la totalità dei lavoratori, in aperto contrasto con i fondamentali sindacali relativi ai principi di correttezza”.
 
“La UILPA di  Catania – conclude Algozzino – ritiene necessari l’apertura di un tavolo superiore e l’attuazione di interventi finalizzati alla tutela della salute del personale”.
 
Algozzino non esclude ulteriori azioni sindacali, auspicando la risoluzione della controversia senza il ricorso a contenziosi giudiziari.
 

Fonte notizia: https://giustizia.uilpa.it/


Catania | Bicocca | RSU | Casa Circondariale | Armando Algozzino | Direzione | Giustizia | Provveditorato | Contrattazione |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

BiovelocITA investe 680 mila euro in Amypopharma, spin-off dell’Università di Milano-Bicocca


DAL CONVEGNO “IL CIBO DEL FUTURO” AL LABORATORIO ESPERIENZIALE PER I BAMBINI NEL PARCO DI MONZA Un weekend in chiave Expo promosso dal CAM di Monza


MONZA SEMPRE PIU’ VICINA A EXPO CON IL CONVEGNO "IL CIBO DEL FUTURO. L’ALIMENTAZIONE DEL FUTURO TRA SOSTENIBILITÀ E NUOVE RISORSE" Si terrà sabato 16 maggio al CAM di Monza l’inziativa in chiave Expo aperta al pubblico


Idee da Coltivare nella Casa Circondariale di Velletri


Come riuscire a lavorare da casa


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

MAREDOLCE, AL VIA L’ATTIVITÀ DEGLI ANZIANI PRESSO IL CAMPO DI BOCCE DI BRANCACCIO A PALERMO

MAREDOLCE,  AL VIA L’ATTIVITÀ DEGLI ANZIANI  PRESSO IL CAMPO DI BOCCE DI BRANCACCIO A PALERMO
L’avvio delle iniziative di aggregazione sociale ha visto la presenza dell’Associazione Nazionale di volontariato di Protezione Civile, “San Marco” che ha monitorato lo svolgimento delle attività Promuovere l‘invecchiamento attivo, l’attività fisica, la socialità e lo scambio intergenerazionale.  È all’insegna di questi obiettivi che è stato realizzato il campo da bocce all’interno degli spazi del Castello di Maredolce a Palermo, in vicolo del Castellaccio nell’area di Brancaccio, dove gli anziani hanno iniziato – nel pieno rispetto delle indicazioni di protezione individual (continua)

MANIFESTO CONTRO PIZZO E USURA, ANCHE LA CIDEC SICILIA TRA LE ASSOCIAZIONI FIRMATARIE

 MANIFESTO CONTRO PIZZO E USURA, ANCHE LA CIDEC SICILIA TRA LE ASSOCIAZIONI FIRMATARIE
Lo rende noto il presidente regionale Salvatore Bivona “A Palermo come nel resto della Sicilia, anche la CIDEC è in prima linea nel contrasto a qualsiasi forma di illegalità e ripudia il pizzo e l’usura, nella piena convinzione che le attività mafiose rendano asfittica l’economia, privando della dignità commercianti e imprenditori”: con queste parole, il presidente della Confederazione Italiana Esercenti Commercianti Sicilia Salvatore Bivona prec (continua)

Crisi degli studi legali, Cgil Fp e Uilpa rispondono alle proteste degli avvocati : "Le esigenze legate alla sicurezza continuino a rappresentare la priorità"

Crisi degli studi legali, Cgil Fp e Uilpa rispondono alle proteste degli avvocati :
Le due sigle sindacali, rappresentate a Palermo da Anna Maria Tirreno e Alfonso Farruggia, chiedono tuttavia soluzioni che tengano anche in considerazione le esigenze dei professionisti “L’attuale condizione di disagio economico e professionale dell’avvocatura palermitana e , più in generale, siciliana, non ci lascia di certo indifferenti, tuttavia riteniamo che pure in questa fase di progressivo allentamento del lockdown la sicurezza debba continuare a rappresentare la priorità assoluta, anche negli ambienti giudiziari”: con queste parole, Anna Maria Tirreno, componente della se (continua)

L' AUTRICE PALERMITANA GIOVANNA GEBBIA INCONTRA I LETTORI PER LA FIRMA DELLE COPIE DEL LIBRO “SULLE TRACCE DEL PASSATO”

L' AUTRICE PALERMITANA GIOVANNA GEBBIA INCONTRA I LETTORI PER LA FIRMA DELLE COPIE DEL LIBRO “SULLE TRACCE DEL PASSATO”
La protagonista, Leda, conduce il lettore attraverso luoghi quali Tusa, Castel di Lucio, San Mauro Castelverde, Petralia Soprana, Alimena, Vizzini, Palma di Montechiaro, Sant’Angelo Muxaro, Vicari, Santa Margherita Belice, Marsala e Ustica Tredici tappe che raccontano un viaggio articolato in altrettanti luoghi del cuore in una Sicilia per molti versi sconosciuta : l'autrice palermitana Giovanna Gebbia ha scelto di omaggiare la bellezza dell'isola per il suo debutto letterario con il libro “Sulle tracce del passato”,  pubblicato dalla casa editrice Intrecci di Roma. Al centro della narrazione, le emozioni di un passat (continua)

LA UILPA SICILIA REPLICA AL PROFESSORE PIETRO ICHINO : "SMART WORKING UNA VACANZA? NON È VERO, FUNZIONA"

LA UILPA SICILIA REPLICA AL PROFESSORE PIETRO ICHINO :
Il segretario generale Alfonso Farruggia: "I dipendenti hanno garantito tutti i servizi" "Una valutazione ingenerosa e superficiale, dalla quale  non possiamo che prendere le distanze, smentendola con i fatti" : con queste parole il segretario generale della Uil Pubblica Amministrazione Sicilia Alfonso Farruggia commenta le esternazioni del giuslavorista Pietro Ichino in materia di smart working. L’ex parlamentare ha definito "una vacanza pressoché totale, retribuita al 1 (continua)