Home > Economia e Finanza > TFR PER L’EX PERSONALE DELLA CROCE ROSSA, ALFONSO FARRUGGIA (UILPA SICILIA) : “SI RECUPERINO I FONDI PER RESTITUIRE SERENITÀ AI LAVORATORI ”

TFR PER L’EX PERSONALE DELLA CROCE ROSSA, ALFONSO FARRUGGIA (UILPA SICILIA) : “SI RECUPERINO I FONDI PER RESTITUIRE SERENITÀ AI LAVORATORI ”

scritto da: Marianna La Barbera | segnala un abuso

TFR PER L’EX PERSONALE DELLA CROCE ROSSA, ALFONSO FARRUGGIA (UILPA SICILIA) :  “SI RECUPERINO I FONDI PER RESTITUIRE SERENITÀ AI LAVORATORI ”

Il sindacato mette a disposizione la propria struttura legale a beneficio di lavoratori e pensionati


Sono già trascorsi oltre due anni da quando l’ex Ente strumentale alla Croce Rossa Italiana è stato posto in liquidazione a seguito del processo di privatizzazione, che ha visto il trasferimento di circa 3 mila dipendenti presso altre amministrazioni dello Stato per effetto della mobilità.

Eppure, i lavoratori già andati in pensione non hanno ancora ricevuto la liquidazione del TFR, con tutti i disagi che ne conseguono.
 
A denunciarlo è la Uil Pubblica Amministrazione Sicilia che, attraverso il segretario generale Alfonso Farruggia, sollecita la predisposizione dei fondi a beneficio degli ex dipendenti della CRI nel territorio regionale, circa duecento, tra i quali figurano alcune unità già in quiescenza o in procinto di andare in pensione.
 
La mancata erogazione, ad oggi, del Trattamento di Fine Rapporto, coinvolge in Italia circa 3 mila soggetti , tutti messi in mobilità in diverse fasi e transitati presso vari Ministeri.
 
“Quando l’INPS ha ricevuto la richiesta di pagamento - specifica il segretario Farruggia – ha precisato che avrebbe corrisposto solo la parte di liquidazione di competenza per la propria gestione, ovvero quella relativa al periodo di lavoro iniziato a partire dal 2018, poiché il patrimonio offerto dalla Croce Rossa in garanzia prima di quell’anno presentava difficoltà in termini di smobilizzo e la vendita realizzata aveva fruttato soltanto 15 milioni di euro circa”.
 
“Complessivamente – precisa ancora – l’intera somma da versare all’Istituto per sanare la vicenda, ammonta a circa 92 milioni di euro”.
 
Nel 2018, il MEF aveva tentato di individuare una soluzione inserendo, nel decreto fiscale, un emendamento per stanziare a favore dell’Ente Croce Rossa 84 milioni: nessun esito positivo per i lavoratori, malgrado gli sforzi compiuti e l’intervento delle organizzazioni sindacali di categoria.
 
Nello specifico, le sigle chiesero in quell’occasione il ripristino dell’emendamento, configurandolo come soluzione tecnica.
 
“Si tratta – rincara la dose Giuseppe Manno, ex dipendente della CRI di Palermo , attuale segretario della UILPA Giustizia, settore dove è transitato nel 2016 - di risorse dei contribuenti, delle quali, di fatto, lo Stato deve essere garante: i lavoratori hanno il diritto di sapere che fine abbiano fatto i loro soldi”.
 
Una necessità che anche la politica , a livello nazionale, ha condiviso, come testimoniano i ripetuti interventi da parte di esponenti di tutti i partiti: per citarne soltanto alcuni, Stefano Fassina di Liberi e Uguali ed Elena Carnevali del Partito Democratico.
 
“La situazione – prosegue l’esponente della Uil – si è protratta sino a oggi: in assenza di possibili spiragli, l’unica opzione è il ricorso ad azioni legali”.
 
“I sindacati – spiega Farruggia – hanno esperito tutti i possibili tentativi per giungere alla soluzione del problema, a partire dalla richiesta di indire una Conferenza di servizi fra Ministero del Lavoro, Ministero delle Finanze e INPS, oltre a sollecitare la predisposizione di un piano di ammortamento molto dilazionato, poiché i tempi di pagamento delle spettanze sono estremamente lunghi: da 1 a 6 anni dopo il pensionamento, per l’esattezza”.
 
Da qui, la necessità evidenziata dalla UILPA di recuperare risorse dal bilancio , per scongiurare il rischio di trasformare il trattamento di fine rapporto in “un’opzione discrezionale”.
 
“La UILPA Sicilia – conclude Farruggia – è a fianco dei lavoratori e dei pensionati che intendano adire azioni legali per ottenere quanto loro dovuto: il sindacato mette a disposizione, a tal fine, la propria struttura e i propri mezzi ”.
 

Fonte notizia: https://palermo.uilpa.it/


Alfonso Farruggia | Giuseppe Manno | TFR | CRI | UILPA | Sicilia | liquidazione | INPS | MEF |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

UFFICI GIUDIZIARI, LA UILPA DI PALERMO FAVOREVOLE AL MANTENIMENTO DELLO SMART WORKING


LA UILPA SICILIA REPLICA AL PROFESSORE PIETRO ICHINO : "SMART WORKING UNA VACANZA? NON È VERO, FUNZIONA"


La formazione e il percorso professionale svolto da Alfonso Kratter, imprenditore del settore dell’acciaio


L’aspetto social di Alfonso Kratter, figura imprenditoriale di rilievo presso Inoxveneta


Crisi degli studi legali, Cgil Fp e Uilpa rispondono alle proteste degli avvocati : "Le esigenze legate alla sicurezza continuino a rappresentare la priorità"


Visita il profilo di Alfonso Kratter, Amministratore Delegato di Inoxveneta, su Professionisti Italiani


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

NUBIFRAGIO A PALERMO, IL PRESIDENTE DEL COLLEGIO DEI GEOMETRI CARMELO GAROFALO: “GIUNTA E CONSIGLIO COMPIANO UNA PASSEGGIATA NEI LUOGHI DEL DISASTRO PER CAPIRE COME SI VIVE IN UNA CITTÀ TOTALMENTE DISFUNZIONALE”

NUBIFRAGIO A PALERMO, IL PRESIDENTE DEL COLLEGIO DEI GEOMETRI CARMELO GAROFALO: “GIUNTA  E CONSIGLIO COMPIANO  UNA PASSEGGIATA NEI LUOGHI DEL DISASTRO PER CAPIRE COME SI VIVE IN UNA CITTÀ TOTALMENTE DISFUNZIONALE”
"La Circonvallazione - spiega - è in realtà un'arteria di collegamento: i palermitani pagano le conseguenze di scelte prive di buon senso" “Sarà l’inchiesta della Procura a fare luce su quanto accaduto ma certo è che gli allagamenti che si sono verificati nelle arterie principali consegnano una città con evidenti problemi di sicurezza, al netto del carattere eccezionale di certi eventi naturali”: sul nubifragio abbattutosi a Palermo interviene il presidente provinciale del Collegio dei Geometri e Geometri laureati Carmelo Garof (continua)

MAREDOLCE, AL VIA L’ATTIVITÀ DEGLI ANZIANI PRESSO IL CAMPO DI BOCCE DI BRANCACCIO A PALERMO

MAREDOLCE,  AL VIA L’ATTIVITÀ DEGLI ANZIANI  PRESSO IL CAMPO DI BOCCE DI BRANCACCIO A PALERMO
L’avvio delle iniziative di aggregazione sociale ha visto la presenza dell’Associazione Nazionale di volontariato di Protezione Civile, “San Marco” che ha monitorato lo svolgimento delle attività Promuovere l‘invecchiamento attivo, l’attività fisica, la socialità e lo scambio intergenerazionale.  È all’insegna di questi obiettivi che è stato realizzato il campo da bocce all’interno degli spazi del Castello di Maredolce a Palermo, in vicolo del Castellaccio nell’area di Brancaccio, dove gli anziani hanno iniziato – nel pieno rispetto delle indicazioni di protezione individual (continua)

MANIFESTO CONTRO PIZZO E USURA, ANCHE LA CIDEC SICILIA TRA LE ASSOCIAZIONI FIRMATARIE

 MANIFESTO CONTRO PIZZO E USURA, ANCHE LA CIDEC SICILIA TRA LE ASSOCIAZIONI FIRMATARIE
Lo rende noto il presidente regionale Salvatore Bivona “A Palermo come nel resto della Sicilia, anche la CIDEC è in prima linea nel contrasto a qualsiasi forma di illegalità e ripudia il pizzo e l’usura, nella piena convinzione che le attività mafiose rendano asfittica l’economia, privando della dignità commercianti e imprenditori”: con queste parole, il presidente della Confederazione Italiana Esercenti Commercianti Sicilia Salvatore Bivona prec (continua)

Crisi degli studi legali, Cgil Fp e Uilpa rispondono alle proteste degli avvocati : "Le esigenze legate alla sicurezza continuino a rappresentare la priorità"

Crisi degli studi legali, Cgil Fp e Uilpa rispondono alle proteste degli avvocati :
Le due sigle sindacali, rappresentate a Palermo da Anna Maria Tirreno e Alfonso Farruggia, chiedono tuttavia soluzioni che tengano anche in considerazione le esigenze dei professionisti “L’attuale condizione di disagio economico e professionale dell’avvocatura palermitana e , più in generale, siciliana, non ci lascia di certo indifferenti, tuttavia riteniamo che pure in questa fase di progressivo allentamento del lockdown la sicurezza debba continuare a rappresentare la priorità assoluta, anche negli ambienti giudiziari”: con queste parole, Anna Maria Tirreno, componente della se (continua)

L' AUTRICE PALERMITANA GIOVANNA GEBBIA INCONTRA I LETTORI PER LA FIRMA DELLE COPIE DEL LIBRO “SULLE TRACCE DEL PASSATO”

L' AUTRICE PALERMITANA GIOVANNA GEBBIA INCONTRA I LETTORI PER LA FIRMA DELLE COPIE DEL LIBRO “SULLE TRACCE DEL PASSATO”
La protagonista, Leda, conduce il lettore attraverso luoghi quali Tusa, Castel di Lucio, San Mauro Castelverde, Petralia Soprana, Alimena, Vizzini, Palma di Montechiaro, Sant’Angelo Muxaro, Vicari, Santa Margherita Belice, Marsala e Ustica Tredici tappe che raccontano un viaggio articolato in altrettanti luoghi del cuore in una Sicilia per molti versi sconosciuta : l'autrice palermitana Giovanna Gebbia ha scelto di omaggiare la bellezza dell'isola per il suo debutto letterario con il libro “Sulle tracce del passato”,  pubblicato dalla casa editrice Intrecci di Roma. Al centro della narrazione, le emozioni di un passat (continua)