Home > Primo Piano > Ultramaratoneti e gare estreme: Cosa motiva questi atleti?

Ultramaratoneti e gare estreme: Cosa motiva questi atleti?

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

Ultramaratoneti e gare estreme: Cosa motiva questi atleti?

Il testo consente di calarsi nella realtà degli ultramaratoneti, grazie all’esperienza diretta dell’autore e al contributo di centinaia di atleti intervistati che hanno condiviso le loro esperienze di gara. Vi sono i racconti di amanti della corsa e di atleti professionisti. In primo piano è il vissuto esperienziale degli atleti, le loro problematiche, le loro convinzioni, le loro paure, le loro esperienze di vita e i loro successi. Come ci ricorda la psicoterapia della Gestalt, è nell’esperienza che risiede la conoscenza. Un libro affascinante che riporta le motivazioni di queste persone, che tratteggia le loro strutture caratteriali. Un testo che permette di avvicinarsi a questo tipo di discipline considerate estreme e impossibili.


Cosa li spinge a spostare sempre più in avanti i limiti fisici?

 Matteo SIMONE

 

Questi i quesiti che si è posto l’autore Matteo Simone per stendere questo libro, si parla di ultramaratone e di gare estreme per lunghezza chilometrica, per condizioni fisiche-naturalistiche e metereologiche nelle quali si affrontano i percorsi, per le richieste mentali poste a questi atleti.  Il testo consente di calarsi nella realtà degli ultramaratoneti, grazie all’esperienza diretta dell’autore e al contributo di centinaia di atleti intervistati che hanno condiviso le loro esperienze di gara. Vi sono i racconti di amanti della corsa e di atleti professionisti. In primo piano è il vissuto esperienziale degli atleti, le loro problematiche, le loro convinzioni, le loro paure, le loro esperienze di vita e i loro successi. Come ci ricorda la psicoterapia della Gestalt, è nell’esperienza che risiede la conoscenza. Un libro affascinante che riporta le motivazioni di queste persone, che tratteggia le loro strutture caratteriali. Un testo che permette di avvicinarsi a questo tipo di discipline considerate estreme e impossibili.

 

Stralcio presentazione Prof. Alberto Cei Prof. (Manager editor International Journal of Sport Psychology)

Il libro scorre in modo interessante, poiché Matteo Simone narra delle storie personali senza avere la pretesa d’insegnare cosa sia l’ultramaratona, ma lasciandola scoprire al lettore attraverso le parole di chi la pratica. Ognuno di noi se ne farà quindi un’idea personale, basata su cosa riteniamo sia la corsa, la corsa di lunga distanza e il nostro rapporto con il movimento. E, quindi, un libro aperto a diverse soluzioni interpretative dettate dalle esperienze di chi legge e credo che questo sia il suo pregio principale”.

 

Stralcio prefazione Sergio Mazzei (Psicologo, Psicoterapeuta, Direttore Istituto Gestalt e Body Work di Cagliari (IGBW)

Ringrazio Matteo per avermi chiesto ancora una volta di presentare un suo libro. Ribadisco che il potenziale umano va ben al di là di ciò a cui siamo normalmente abituati. Grandi atleti che realizzano prestazioni eccezionali, fachiri capaci di sottoporsi a prove fisiche al di là dei limiti che ordinariamente conosciamo, hanno ottenuto risultati inimmaginabili con il proprio corpo. Grandi santi e mistici di tutte le epoche, per la loro carica di infinito amore hanno realizzato stati di coscienza trascendenti e per tale ragione sono riusciti a cambiare il destino di molti uomini, come altrettanto grandi scienziati e uomini di pensiero a loro volta hanno rivoluzionato i nostri punti di vista sulla vita. L’energia e evidentemente come una sorta di banca di potenzialità ed ognuno di noi ha la possibilità di usare queste risorse nella direzione che più gli è congeniale”.

 

Stralcio introduzione Professor Riccardo Zerbetto (Medico Psichiatra, Psicoterapeuta, Direttore del Centro Studi di Terapia della Gestalt - CSTG, già presidente della Federazione Italiana delle Scuole e Istituti di Gestalt – FISIG e della European Association for Psychotherapy EAP, socio onorario della Federazione Italiana delle Associazioni di Psicoterapia FIAP), Dr.ssa Sonia De Leonardis (Psicologa del Lavoro e delle Organizzazioni, Coach, specializzata in Tecniche del Rilassamento e terapeuta EMDR. Si occupa di processi di facilitazione e supporto al cambiamento Professionale, Personale e Sportivo)

Ringrazio Matteo per la stima nell’avermi proposto di scrivere l’introduzione a questo suo interessante libro che mi consente nuovamente di ripensare ad alcuni temi. Ho insegnato psicologia dello sport all’Università di Siena ormai molti anni fa, ma colgo ora l’occasione di riprendere questo argomento davvero intrigante che mi si ripropone e che sollecita numerose riflessioni in relazione al livello sociale, culturale ed educativo della società attuale.

Dunque sia i meccanismi psicologici ‘della gratificazione’ sia quelli ‘della sfida’ entrano in campo per muovere questi atleti, a livello amatoriale e a livello agonistico. Per quegli atleti che si dedicano alle ultramaratone e alle gare estreme, questa spinta procede ‘oltre’. Oltre il dolore e la sofferenza, oltre le deprivazioni – dovute alla mancanza di sonno, alle infiammazioni o agli infortuni – oltre vesciche indescrivibili ai piedi, oltre a tutto ciò, questi atleti ricavano da esperienze cosi probanti una forma di piacere. Una forma di piacere che, lungi dall’essere masochistico, riguarda quel ‘piacere di farcela’, di ‘raggiungere un obiettivo difficile e sfidante’, il piacere di sentirsi in tutto e per tutto padroni del proprio corpo, olisticamente. Una spinta dunque che si configura come un moto alla ricerca di un senso di competenza, di autoefficacia e di autodeterminazione, fino alla sensazione di sentirsi “immortali”, come moderni eroi e miti.

Sembrano dunque ricorrere negli atleti che ricercano l’esperienza dell’ultra maratona, cosi come di altre gare e prove estreme, caratteristiche di azione e di pensiero, tratti ascetici, di superamento dell’attaccamento alle cose, di ricerca di esperienze di privazione, di durezza, di senso di liberta, di passione e di gloria”.

 

Il commento di Stefano Severoni

Ho letto con vivo interesse il testo di Matteo Simone. Le sue 298 pagine si scorrono veloci, poiché si viene a contatto con atleti che trasmettono le esperienze che accomunano maratoneti e ultra. Certo l’Autore utilizza un metodo induttivo: non fa teoria pura, ma parte dalla pratica podistica che contrassegna un popolo di umili faticatori. La metafora che contraddistingue il mondo ultra è quella del viaggio o meglio di scoprire sé stessi attraverso la percorrenza di tanti chilometri. Ma, come avvertono gli stessi corridori, la fatica quasi scompare quando si svolge un’attività che gratifica, poiché consente di stare meglio con sé stessi e con gli altri, conoscere luoghi suggestivi e portare a casa sicuramente una simbolica, ma gratificante medaglia di partecipazione. Per esseri atleti ultra ‒ come segnala giustamente l’Autore, anch’egli “grande faticatore” ‒ bisogna essere resilienti ed efficaci. E dopo aver letto il libro non si potrà non cercare altri testi dello stesso Matteo. In definitiva, nella prestazione sportiva come nella vita quotidiana, la componente mentale riveste enorme importanza. Nella nostra società post-moderna e liquida, l’ultrarunner si presenta allora come colui che è in grado di gestire il proprio corpo e la propria mente, e così allungare la propria vita in uno stato di benessere. Ovviamente ‒ come in ogni campo ‒ sarà necessario equilibrio e giusta motivazione”.

 

Matteo SIMONE

http://www.prospettivaeditrice.it/index.php?id_product=357&controller=product https://www.facebook.com/Ultramaratoneti-e-gare-estreme-234430993883069/?modal=admin_todo_tour


Fonte notizia: http://www.prospettivaeditrice.it/index.php?id_product=357&controller=product




Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

A Villanova di Guidonia, il fantastico mondo dell'Ultramaratona


Enrico Vedilei, ultrarunner: Già da bambino volevo scoprire i miei limiti


La paura distrugge la curiosità e la vivacità


Roldano Marzorati: Essere un ultramaratoneta per me è un abito mentale


Michele Graglia, vince la Badwater Ultramarathon 217km, temperature +40/50°


Ultramaratoneti e gare estreme, il 29 ore 19 da Frizzi e Lazzi, con Dario Santoro


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Alessandra Ciuffa: Ho sempre creduto di poter ricominciare e tornare a correre

Alessandra Ciuffa: Ho sempre creduto di poter ricominciare e tornare a correre
Si è sempre in tempo per volersi bene e occuparsi di sé stessi anche con lo sport che è un ottimo strumento per sperimentare benessere e per apprendere lezioni importanti. Di seguito Alessandra racconta la sua esperienza rispondendo ad alcune mie domande. Sai che dopo la sofferenza c’è uno stato di grazia che niente al mondo può regalartiMatteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Si è sempre in tempo per volersi bene e occuparsi di sé stessi anche con lo sport che è un ottimo strumento per sperimentare benessere e per apprendere lezioni importanti. Di seguito Alessandra racconta la sua esperienza rispondendo ad alcune mie domande.Qua (continua)

La bici rende felici nonostante le salite, nonostante la fatica

La bici rende felici nonostante le salite, nonostante la fatica
Cosa c’è dietro alla bici? La bici rende felici nonostante le salite, nonostante la fatica; la bici per approfondire la conoscenza di sé stessi e dell'altro; la bici per comprendere la ciclicità dell'esperienza; per attivarsi, per partire e ripartire. Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Cosa c’è dietro alla bici? La bici rende felici nonostante le salite, nonostante la fatica; la bici per approfondire la conoscenza di sé stessi e dell'altro; la bici per comprendere la ciclicità dell'esperienza; per attivarsi, per partire e ripartire.L’esperienza della bici per assaporare colori, odori e suoni; per perdersi e ritrovarsi; p (continua)

6 Ore della Maremma 2020, Romualdo Pisano: Ho solo vinto una 6ore

6 Ore della Maremma 2020, Romualdo Pisano: Ho solo vinto una 6ore
Domenica 19 gennaio ha avuto luogo a Grosseto la 1^ edizione della 6 Ore della Maremma – Memorial Walter Baldini. Il vincitore è stato Romualdo Pisano che ha totalizzato 75,179 km, precedendo Marco Lombardi 73,926 km e Maurizio Di Paolo 72,595km. La gara femminile è stata vinta da Alina Teodora Muntean che ha totalizzato 69,717km, precedendo l’azzurra Francesca Innocenti 67,241km ed Elisa Bellagamba 66,778km. Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Domenica 19 gennaio ha avuto luogo a Grosseto la 1^ edizione della 6 Ore della Maremma – Memorial Walter Baldini. Il vincitore è stato Romualdo Pisano che ha totalizzato 75,179 km, precedendo Marco Lombardi 73,926 km e Maurizio Di Paolo 72,595km. La gara femminile è stata vinta da Alina Teodora Muntean che ha totalizzato 69,717km, precedend (continua)

Cosa spinge le persone a fare sport?

Cosa spinge le persone a fare sport?
Ho approfondito gli aspetti che riguardano la motivazione a fare sport per il benessere e per raggiungere obiettivi nello sport e nella vita e riporto nel testo alcune interviste ad atleti di diverse discipline sportive individuali o di squadra. Non solo la performance ma anche la voglia di mettersi in gioco, di mantenersi in forma, di rincorrere il benessere psicofisico, emotivo e relazionale. Una spinta motivazionale dettata da cuore, testa e corpo per provare a non mollare, per condividere momenti di pre-gara fatti di viaggi e incontri, per superarsi. È importante lavorare su obiettivi, sul superare errori e sconfitte, si impara da tutto ciò che succede e si può fare meglio in futuro come individui e come squadra conoscendosi meglio. Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Descrizione dell’opera “Cosa spinge persone a fare sport?” Aracne editrice.https://www.libreriauniversitaria.it/cosa-spinge-persone-fare-sport/libro/9788825528275Ho approfondito gli aspetti che riguardano la motivazione a fare sport per il benessere e per raggiungere obiettivi nello sport e nella vita e riporto nel testo alcune interviste ad (continua)

Come migliorare la performance e spunti dal libro Maratoneti e ultrarunner

Come migliorare la performance e spunti dal libro Maratoneti e ultrarunner
La maratona, oltre a essere una prestazione sportiva agonistica, è un’esperienza. Percorrere una maratona non significa solamente cercare di vincere, cercare di fare la performance della vita, cercare di fare il record personale. Percorrere una maratona significa anche sperimentare l’alimentazione pre-gara, preoccuparsi del tempo atmosferico, pensare all’abbigliamento adatto Matteo SIMONE La maratona, oltre a essere una prestazione sportiva agonistica, è un’esperienza. Percorrere una maratona non significa solamente cercare di vincere, cercare di fare la performance della vita, cercare di fare il record personale. Percorrere una maratona significa anche sperimentare l’alimentazione pre-gara, preoccuparsi del tempo atmosferico, pensare all’abbigliamento adatt (continua)